Come ballare la lambada

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Negli anni '80 c'erano diversi balli che si usavano fare ma alcuni di essi erano ricchi di sensualità come lo era la Lambada. Essa consisteva nel vedere i due ballerini che con una gamba andavano a sfregare gli organi sessuali dell'altro ma ciò avveniva in maniera fittizia. A cantare tale canzone c'erano i Kaoma un gruppo francese che cantava in portoghese. Nella guida che segue ci sarà modo di capire come ballare questo ballo tanto famoso ancora oggi.

25

I primi passi

La caratteristica peculiare di questo ballo è quella di saper armonicamente ondeggiare e muovere il bacino a destra e a sinistra, tenendo una gamba tra le cosce del partner.
Iniziare ad imparare questo ballo forse può sembrare un po' difficile ma poi tutto verrà con disinvoltura. Si parte con il tenere le gambe divaricate, ma non troppo, ed ondeggiare in maniera alquanto veloce il bacino, poi si ruoterà a destra e sinistra in tre tempi. Il peso del corpo si adagerà sulla gamba destra, poi al vostro tre si passerà alla gamba sinistra. Tale passo si ripeterà in 4 tempi e per 4 volte di seguito, la gamba sinistra andrà a posizionarsi al centro delle gambe del partner così andrà a strofinare le parti intime, tale movenze dovranno essere ripetute ben 8 volte.

35

I passi diventano fluidi

Man mano che il ballo prosegue, tutto diventerà più fluido così il ritmo diventerà più semplice quando le due gambe avranno lo scatto che si riducerà al minimo. Il bacino si muoverà da destra a sinistra in un unico tempo senza dover contare fino a 3, ciò avvanteaggerà il corpo a spostarsi da una gamba all'altra in poco tempo.

Continua la lettura
45

Altri passi da imparare

Il terzo step consiste nel muovere il bacino e sollevare la gamba in due tempi: un consiglio, almeno per i primi tempi, è quello di contare "uno-due" e ripeterlo per 4 volte, in modo da segnare mentalmente il tempo. Quando avrete acquisito un po' di esperienza, tutto verrà più naturale. A ritmo di musica portate la gamba destra dietro con la punta del vostro piede e ruotate il corpo di 180° in senso antiorario. Poi ripetete lo stesso movimento nel senso opposto, piegandovi maggiormente sulle gambe, quasi come se voleste sedervi. Questo movimento dovrà essere risolto in quattro tempi: "uno-due" nella rotazione oraria, "tre-quattro" nella rotazione antioraria e finta seduta. Durante i vari step il partner potrà posizionare una mano sotto la vostra schiena e aiutarvi ad arcuarla indietro a destra e a sinistra, per intervallare i passi.

55

Tentar non nuoce

La pratica in questo ballo sarà molto importante, farà aumentare la bravura nel realizzarlo, il partner che si avrà dovrà essere in sintonia con voi visto che esso ha un ritmo molto caloroso ed è alquanto sensuale. Non avete motivi per non tentare, provate a scatenarvi con questa melodia tanto attraente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Come ballare 'Bomba'

Solitamente i passi di danza si spiegano visivamente, ma trattandosi di un ballo tipico caraibico molto diffuso e conosciuto nel mondo è possibile spiegarsi anche attraverso una semplice descrizione. I passi non sono per niente difficili e comunque tutto...
Danza

Come iniziare a ballare il tango

Il tango unisce sensualità e passione. Nasce in Argentina agli inizi del '900 come musica popolare e conosce il massimo splendore negli anni '30 e '40. Il ballo si basava originariamente sull'improvvisazione. Successivamente, venne codificato mediante...
Danza

Come ballare in modo sensuale

Da sempre il ballo rappresenta un'arma di seduzione. Il tango, ad esempio, racchiude nel linguaggio corporale sensualità ed eleganza. Dalle grandi star del panorama musicale a quelle del cinema, nei grandi o piccoli locali di tutto il mondo, tutti si...
Danza

Come ballare la mazurca

La mazurca è un ballo di origine polacca ma conosciuto e ballato in tutto il continente europeo. Con la sua musica e il suo ritmo è un tipo di ballo in grado di incuriosire anche il meno avvezzo alle pratiche della danza di coppia. Se amate il ballo...
Danza

Come imparare a ballare il valzer

Il Valzer rappresenta un ballo in ritmo ternario fondato in Austria e precisamente nella città di Vienna, come evoluzione del Ländler. L'effettivo padre di questa danza fu il compositore Johann Baptist Strauss, il quale lo fece affermare prima nel territorio...
Danza

Tecniche base per ballare la bachata

La bachata è un ballo caraibico. Un insieme di movimenti pieni di ritmo e sensualità che appassionano tutti gli amanti del ballo, sopratutto di coppia. Le movenze e la gestualità della donna e dell'uomo che ballano la bachata si differenziano un po'....
Danza

Istruzioni per ballare il Luau Hula

Il ballo dell'Hula ha origini molto antiche: si tratta infatti di una forma di danza che appartiene alla cultura hawaiana ed era tradizionalmente eseguita dalle donne del villaggio. Questa tipica danza polinesiana è spesso eseguita durante un Luau, ovvero...
Danza

Come ballare la virelai

Il sottofondo musicale richiama la melodia medievale francese, simile alla ballata ed al rondeau. La virelai rappresenta una tipologia di danza con torsione medievale, in uso tra il 1200 ed il 1400. Si tratta di un ballo particolare e caratteristico che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.