Come cucire la suola ad una scarpa da balletto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siete abbastanza abili nell'arte del cucito, allora non vi dovrebbe risultare particolarmente difficile cucire la suola ad una scarpa da balletto. Si tratta infatti, di un'operazione che richiede soltanto un minimo di accortezza ed alcune fondamentali tecniche. In riferimento a ciò, ecco una guida su come eseguire il suddetto lavoro.

25

Occorrente

  • Pellame, forbici, artamodello e pennarello
  • Ago e filo di cotone
  • Spilli da sarta
  • Macchina per cucire
35

Acquistate una striscia di pelle

Se siete abili nel cucire, non avrete sicuramente problemi di precisione; se poi siete alle prime armi, provateci comunque, poiché la vita ci ha insegnato che nulla è impossibile, specie con un po' di buona volontà. Per iniziare acquistate una striscia di pelle di bufala, la migliore per questo tipo di lavoro, e nel contempo approfittatene per sostituite anche l'altra suola alle scarpette. Con un cartamodello, un pennarello, e un paio di forbici, iniziate poi a lavorare. Riportate quindi sul foglio la forma delle suole e ritagliate il cartamodello con estrema cura e precisione.

45

Posizionate i plantari sulla pelle

Adesso posizionate i plantari sulla pelle; appuntateli quindi con degli spilli e ritagliatene le sagome, lasciando come margine di cucitura circa 6 mm. Scucite con prudenza la vecchia suola, senza però danneggiare la tomaia. Terminato questo primo delicato passaggio, prendete la nuova suola di pelle e fermatela sulla suddetta tomaia sempre con degli spilli e successivamente con una semplice imbastitura. Per quest'ultima il consiglio è di usare un filo spesso e nel contempo morbido. A questo punto non vi resta che cucire a macchina le vostre scarpette. Infilate dunque ognuna all’interno e procedete agevolmente a cucire i contorni della prima suola. Il filo scelto dev'essere necessariamente di cotone, adatto proprio ai pellami morbidi. Non ripiegate su quelli che già avete, bensì acquistatene uno adatto nei negozi di merceria più forniti, oppure direttamente in quelli che vendono materiali ed accessori per calzature.

Continua la lettura
55

Avviate la cucitura

Avviate la cucitura partendo dal tallone, e adoperate il punto a zig zag per una resa maggiore. La scelta dell'ago, invece, è determinata dal tipo di tessuto che si tenta di cucire. Solitamente sono nel kit di dotazione della macchina da cucire sono presenti più aghi, e tra questi, anche quello specifico per la cucitura della pelle. Se tuttavia non lo avete, procuratevelo anticipatamente in merceria, o dal vostro rivenditore di fiducia. Una volta che avrete terminato l’intero giro, tagliate il pellame in eccesso, dopodichè le scarpette da ballerina sono pronte per essere indossate e garantire stabilità ed equilibrio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Come raggiungere un Extension nel Balletto

Il balletto è una disciplina molto antica, che ancora oggi attira interesse. È uno spettacolo di danza, dove vengono impartite varie coreografie. Ovviamente, per poterlo eseguire bisogna studiare e allenarsi. Inoltre, per raggiungere certi livelli...
Danza

Come inventare un balletto

Molte sono le persone appasionate di danza e spettacoli, che ogni giorno si riversano nei teatri per ammirare le scenografie e le evoluzioni artistiche messe in scena da ballerini professionisti. I balletti sono sempre belli da vedere, ed affascinano...
Danza

Breve storia del balletto

La danza è una forma d'arte che ha sempre fatto parte della storia umana. Dai rituali dedicati alle divinità fino alla valenza che ha oggi, il ballo ha assunto diverse valenze nel corso dei secoli. Inizialmente si trattava di un rituale prettamente...
Danza

Guida al balletto Lo schiaccianoci

È passato più di un secolo da quando Lo Schiaccianoci fu rappresentato per la prima volta nel 1892 e da allora il balletto russo ha conosciuto una fama senza tempo. Anche se all'epoca non ebbe il giusto riconoscimento, con il passare degli anni la sua...
Danza

Come vestirsi per un balletto

Una bravissima ballerina di qualunque genere se non a suo agio durante un'esibizione può compromettere il risultato della sua performance. Per evitare che questo accada e avere sempre il meglio in ogni prestazione ha bisogno di vestirsi in modo adeguato...
Danza

Idee simpatiche per insegnare il balletto ai bambini

Insegnare è una delle attività più difficili che esistano, ma insegnare ai bambini è ancora più difficile, poiché è complicato fargli amare le materie, trasmetter passione e farli rimanere attenti alle lezioni. Spesso le bambine vengono avvicinate...
Danza

Guida al balletto "Notre-Dame de Paris"

Ogni ballerino e ballerina di danza classica sogna di poter diventare un giorno famoso per la sua bravura ed espressività d'arte attraverso le movenze del suo corpo e partecipare così alla realizzazione di un'opera famosa e rinomata. Una di queste opere...
Danza

Guida al balletto Onegin

Il balletto è una particolare forma teatrale, in cui si fondono recitazione e danza, nata nel primo Rinascimento, grazie all'opera dei maestri compositori che si trovavano presso le corti signorili dell'Italia o della Francia dell'epoca. È una rappresentazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.