Come datare i reperti archeologici

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'archeologia è una delle discipline appartenenti alla branca degli studi di stampo storico-scientifico che hanno come obiettivo quello di capire e scoprire il passato. Nello specifico l'archeologia ha come scopo quello di riportare alla luce i reperti storici in grado di darci delle informazioni riguardanti le civiltà del passato. Ci danno informazioni davvero importanti per ricostruire il più dettagliatamente possibile la storia. In questa guida vi spiegheremo nello specifico come datare i reperti archeologici. Quindi vi daremo qualche informazione e un'infarinatura generale per capire a quale epoca risalgono i reperti rinvenuti.

27

Occorrente

  • Archeologo
  • Web
37

Metodi per datare un reperto

Esistono differenti tipologie di metodo per stabilire la datazione di un reperto. Tra quelli più veloci ed immediati c'è quello che consiste nel confrontare lo stile e la forma del manufatto con quelli già conosciuti. Qualora però non si fosse in grado di stabilire una data a partire dall'aspetto esteriore del manufatto, si può procedere con altri metodi. Valutando se si tratti di sostanza organica od inorganica. Nel primo caso possiamo procedere utilizzando la metodica del C 14. Si tratta di un oggetto in legno, anche l'analisi dendrocronologica.

47

Il carbonio

Il Carbonio è un elemento fondamentale per la vita ed è presente in tutti gli organismi viventi. Esso presenta due isotopi stabili, C12 e C13, ed uno radioattivo, C14. Quest'ultimo viene assorbito dai vegetali con l'anidride carbonica e ne diviene parte integrante. Gli organismi animali vengono in contatto con esso nutrendosi dei vegetali. Il C14 però ha un tempo di dimezzamento medio di 5730 anni. Questo vuol dire che se non viene costantemente reintegrato, ed alla morte degli organismi questo non succede più. Diminuirà nel tempo in maniera sistematica e costante. Dall'analisi quindi della concentrazione del carbonio 14 in relazione agli altri isotopi, è possibile stabilire a che epoca risale il materiale rinvenuto.

Continua la lettura
57

Metodo termoluminescenza

Per la datazione dei materiali inorganici, come ceramica o terracotta, viene invece utilizzato il sistema della termoluminescenza. Questo metodo si fonda sulla luminosità che emettono i corpi quando vengono riscaldati. Si analizza un campione nel quale viene determinata la radioattività accumulata dalla sua ultima cottura fino ad oggi. In questo modo è possibile stabilire in che periodo è avvenuta l'ultima cottura. Con questa tecnica è possibile ottenere datazioni con un'accuratezza tra i 50 e i 20000 anni, ma ha lo svantaggio di essere una tecnica distruttiva.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultare un esperto per capire meglio il funzionamento di questi elementi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida all'arte paleocristiana

L’arte paleocristiana nasce attorno al VI secolo dopo Cristo nei territori dell'Impero Romano interessati dalla nuova dottrina (Medio Oriente, Italia, Penisola Balcanica meridionale). Il cristianesimo si era diffuso già a partire dalla metà del I...
Arti Visive

Ningyo: l'origine della bambola giapponese

Per i giapponesi una bambola può rappresentare un forte rapporto di amicizia e d'affetto. Oltre a questo ha il potere di proteggere i bambini e di guidarli e accompagnarli verso l'età adulta. Seguendo la religione scintoista si ritiene addirittura che...
Arti Visive

L'arte di Igbo-Ukwu

L'arte di Igbo-Ukwu è una fase dell'arte nigeriana compresa nel periodo che va dal IX all'XI secolo d. C. Essa deve il suo nome al villaggio di Igbo-Ukwu nello stato di Anambra, a sud del Sahara, nella Nigeria sud-orientale, dove nel 1938, in modo del...
Arti Visive

I 10 monumenti più belli al mondo

Quando si sceglie di visitare una città, che sia per motivi di studio o semplicemente per trascorrervi le vacanze, la prima cosa su cui ci si informa è l'itinerario da percorrere per visitarne i principali monumenti. Ogni città racchiude in sé testimonianze...
Arti Visive

Anacronismo: storia, stile e maggiori esponenti

Se pronunciamo la parola anacronismo facciamo riferimento a una descrizione o riferimento di determinati fatti o personaggi, in un tempo che non appartiene alla loro natura. Questa parola trae origine dal vocabolo greco "ἀνά" che significa "contro"...
Arti Visive

La street art di Banksy

Sono molto felice di parlarvi di Banksy, un artista di street art presumibilmente inglese. Nato probabilmente a Bristol negli anni Settanta, la sua identità è sconosciuta, avendo scelto di rimanere avvolto nel mistero. Questo fatto, cioè di poter avere...
Arti Visive

Come realizzare un quadro in stile egiziano

Se si vuole creare una specie di opera d'arte, che rimandi un richiamo al passato e all'antico Egitto, ecco l'articolo giusto su come realizzare un quadro in stile egiziano. Solitamente, è piuttosto difficile riuscire ad ammirare dal vivo opere egiziane...
Arti Visive

Come disegnare un olivo

L'olivo ha delle antichissime origini. Documenti e scoperte archeologiche ne fanno risalire la coltivazione a più di 6000 anni addietro. Attorno all'olivo ci sono vasti racconti a carattere mitologico ed anche religioso. L’olivo incarna il vigore,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.