Come dipingere l'argilla

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siamo degli amanti del fai da te, sicuramente ci piacerà realizzare con le nostre mai tutti i vari oggetti che più ci piacciono, utilizzando tecniche sempre differenti.
In questo modo, anzicchè spendere moltissimo tempo e soldi per acquistare un oggetto già pronto, potremo realizzarlo con le nostre mani, in modo da renderlo sempre un pezzo unico e personalizzato.
Tuttavia conoscere le varie tecniche esisteni per lavorare vari tipi di materiali, non è mai un'impresa molto semplice, ma non dovremo assolutamente preoccuparci, perché basterà cercare delle guide su internet, che ci illustrino, passo dopo passo, come fare per eseguire alla perfezione una determinata lavorazione.
In questa guida, in particolare, vedremo alcuni particolari metodi che ci permetteranno di dipingere tutti i nostri oggetti realizzati in argilla.

25

Occorrente

  • oggetto in argilla, pennelli, smalto o colori acrilici
35

Uno dei metodi maggiormente utilizzati soprattutto nel settore industriale o in botteghe dove la quantità di lavori prodotti è veramente cospicua, consiste nell'uso di uno specifico smalto, con il quale si deve cospargere l'intera superficie del prodotto da dipingere. Una volta terminato questo processo bisognerà lasciare asciugare l'opera per alcuni giorni e solo dopo si potrà passare alla colorazione vera e propria. Prima di concludere questa fase, è consigliato disegnare le decorazioni con una matita sulla superficie argillosa, in modo tale da seguire delle linee guida per il nostro disegno. Dopo questa fase bisogna lasciar asciugare per alcuni giorni.

45

Una volta asciugato, il vaso o qualsiasi altro oggetto da noi creato, potrà passare ad una seconda cottura. Non meravigliamoci se il colore dovesse cambiare tonalità. L'effetto del calore modifica l'intensità del colore percepito, per cui se non dovesse piacerci, potremo tranquillamente toglier via il colore con un po' d'acqua, rimettere lo smalto, decorarlo nuovamente per poi portarlo definitivamente alla seconda cottura. È importantissimo ricordare che dopo la seconda cottura non si potrà più toglier via il colore in quanto resta fissato definitivamente.

Continua la lettura
55

Un metodo alternativo e forse anche più economico consiste nella cosiddetta "lavorazione a freddo". A differenza del precedente, il lavoro ultimato subisce una sola fase di cottura. Il processo consiste nell'applicare i colori acrilici (utilizzabili anche per le tele) decorativi, sulla superficie del lavoro ultimato, fissandoli con uno specifico spray.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come lavorare la creta

Gli anni Novanta sono un ricordo non troppo lontano, ma vedere o sentir parlare di creta ci rimanda sempre indietro negli anni, alla sensualità di Demi Moore nel ben noto film Ghost. In realtà, lavorare la creta richiede una grande manualità e una...
Arti Visive

Ningyo: l'origine della bambola giapponese

Per i giapponesi una bambola può rappresentare un forte rapporto di amicizia e d'affetto. Oltre a questo ha il potere di proteggere i bambini e di guidarli e accompagnarli verso l'età adulta. Seguendo la religione scintoista si ritiene addirittura che...
Mostre e Musei

Le mostre archeologiche più belle d'Italia

Le mostre archeologiche prevedono degli itinerari che portano indietro nel tempo per rivivere la storia di quei luoghi che hanno testimoniato la nascita della cultura tradizionale. Visitare gli itinerari archeologici non è solo sintomo di desiderio di...
Arti Visive

Le principali tecniche di scultura

La scultura si sa è una disciplina plastica che di solito si inizia a studiare alle superiori, principalmente al liceo artistico. Chiamata anche modellato, è una materia che vi insegnerà a utilizzare più materiali, principalmente legno e argilla....
Mostre e Musei

Guida al Babylonian Jewry Museum

Se andate a fare un viaggio ad Israele tra i tanti musei da visitare, di certo non deve mancare il Babylonian Jewry Museum unico nel suo genere; infatti, ripercorre la storia degli ebrei in Babilonia fino all'arrivo nel Regno di Israele quindi circa 3000...
Arti Visive

L'arte degli Assiri

Il nome vi ricorderà sicuramente i sussidiari delle scuole medie: gli Assiri. Su questa popolazione, attiva dal 1100 al 600 circa avanti Cristo in Mesopotamia, non c'è molto da aggiungere, rispetto a quanto già studiato. Ma come era L'arte degli Assiri?...
Arti Visive

La scultura nell'arte etrusca

La civiltà Etrusca si affermò nella regione compresa tra il fiume Arno e il fiume Tevere, tra il IX e l'VIII secolo a. C. E poi, alla fine del VII secolo a. C. Gli Etruschi si estesero a Sud, nel Lazio, nella Campania e poi anche nel Nord nella Pianura...
Arti Visive

Come Utilizzare Bitume Di Giudea E Colori A Olio, Cere Neutre E Colorate

Dipingere è forse una delle forme d'arti dove ci si può sbizzarrire di più, utilizzando la propria fantasia e gli strumenti a nostra disposizione, si possono creare delle opere d'arte davvero molto belle e suggestive. Ma affinché il risultato finale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.