Come dipingere la terracotta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Al giorno d'oggi, siamo abituati a comprare tutto. Anche quando ci viene voglia di darci al fai-da-te, ci capita poi di annoiarci subito perché magari ci rendiamo conto che per reperire e comprare i materiali, ci vuole molto più tempo e denaro di quello che spenderemmo per acquistare il prodotto finito. Tuttavia, per liberarsi dallo stress e dal grigiore del mondo che ci circonda, ci serve un hobby, qualcosa che ci impegni, che ci dia la possibilità di metterci alla prova e che porti nella nostra vita un po' di colore, in tutti i sensi. E quale passatempo migliore della pittura allora? E se vi dicessi che potreste unire poi l'utile al dilettevole, dipingendo su materiali che possedete già? Molto spesso, infatti, in casa si hanno vasi o altri oggetti di terracotta (vecchi piatti, contenitori, vassoi ecc) che non servono. Un'idea può essere quella di riutilizzarli in modo originale e creativo, dipingendoli per poi esporli come oggetti decorativi o per fare dei regali homemade. Dipingere un vaso di terracotta è più semplice di quanto si pensi e, in questo tutorial, proveremo a darvi qualche dritta.

25

Occorrente

  • vasellame in terracotta
  • colori per ceramica a freddo
  • vernice trasparente
  • smalto lucidante
  • 1 pennello
  • mascherine per stencil
  • carta vetrata
  • panno in microfibra
  • sapone di marsiglia
35

La prima cosa da fare è quella di procurarsi della carta vetrata molto fine per levigare il vaso o l'oggetto da dipingere. Questa operazione preliminare è fondamentale per eliminare eventuali difetti del manufatto che potrebbero apparire più evidenti con la pittura finale. Dopo aver ultimato la levigatura e aver reso la superficie liscia, bisogna pulire l'oggetto utilizzando un panno in microfibra umido e qualche goccia di sapone di Marsiglia. Successivamente si dovrà risciacquare con un altro panno pulito e umido e, infine, far asciugare il vaso in un forno tiepido per alcune ore. Se, invece, è estate, basterà metterlo al sole per una mezz'ora.

45

Quando la terracotta è asciutta, si comincia passando una vernice trasparente per rendere la base ancora più liscia. E poi si lascia asciugare bene prima di utilizzare i colori. Per il vasellame generalmente si utilizzano 2 tipi di pitture: semicoprenti e coprenti. Per la terraccota è più opportuno l'utilizzo delle coprenti, perché questo materiale assorbe l'umidità, quindi la pittura semicoprente non renderebbe il lavoro soddisfacente. Inoltre, bisogna usare i colori per ceramica a freddo; in quanto sono i migliori per dipingere il vasellame.

Continua la lettura
55

È importante non diluire il prodotto con acqua e utilizzarlo al naturale, altrimenti perde di intensità e consistenza. Per colorare si può utilizzare un pennello oppure, se non siete molto bravi a disegnare, una mascherina da stencil; quest'ultima va appoggiata sul vaso e poi tamponata con una spugnetta. Dopo aver finito di dipingere, è necessario lasciar riposare 24 ore. Infine, si procede con la cottura mettendo l'oggetto in forno a 150° C per circa mezz'ora. Quando è asciutto e freddo, è conveniente passare sulla superficie uno smalto trasparente per ottenere un lavoro lucido e duraturo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

5 meraviglie poco conosciute di Venezia

Non appena il turista mette piede a Venezia, che sia la prima volta o meno, prova un senso immediato di stupore. La bellezza di questa città di merletto che galleggia sull'acqua affascina chiunque. L'assenza dei rumori tipici delle grandi città e i...
Mostre e Musei

Guida al Palazzo ducale di Genova

All'interno della presente guida andremo a occuparci di turismo, restando nei confini italiani, nella città di Genova. Infatti, come avrete notato dal titolo della nostra guida, ora andremo a concentrarci sul Palazzo Ducale di Genova, che è uno dei...
Mostre e Musei

Visita alla Basilica di S. Lorenzo

All'interno di questa breve guida, andremo a parlare di cultura, e lo faremo attraverso l'arte. Cercheremo di offrirvi qualche informazione utile per spingervi a optare per una Visita alla basilica di S. Lorenzo.Tra i molti palazzi ed opere d'arte da...
Musica

Come suonare l'ocarina

L'ocarina è uno strumento a fiato generalmente realizzato in terracotta e dal profilo allungato. A introdurla in Italia fu Giuseppe Donati nel XIX secolo. L'ocarina è uno strumento musicale usato fin dall'antichità da molti popoli. Si tratta di un...
Musica

Come suonare il Tamburo

Il tamburo può essere suonato per percussione o tramite battenti.. È uno strumento tipicamente rituale, utilizzato per accompagnare sia cerimonie solenni che per scandire il ritmo delle feste e delle danze. La cassa cilindrica del tamburo può essere...
Arti Visive

Come fare un dipinto in rilievo

La pittura a rilievo è nata lo scorso secolo seguendo la scia di alcune correnti artistiche all’ avanguardia. Lo scopo fondamentale di questo genere di pittura era quello introdurre nel mondo dell’immagine qualcosa di contemplativo. Presero il sopravvento...
Arti Visive

Come fare un quadro con la tecnica picassiette

In questa guida verranno date utili informazioni circa la realizzazione di un quadro con una tecnica molto particolare, la picassiette. Molti non sanno che è possibile decorare un oggetto, come pure dare vita ad un elemento d'arredo in modo molto semplice...
Musica

Come suonare la tarantella napoletana

Sapere suonare delle musiche di origini molto antiche che accompagnano balli tradizionali è il sogno di numerosi musicisti, ma non sempre è un impresa semplice da adempiere in quanto l'utilizzo degli strumenti tipici non è di facile apprendimento....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.