Come dipingere pop art

Tramite: O2O 28/06/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questo tutorial vi spiegheremo come dipingere il Pop Art. Se amate George Segal, ed avete i poster di Andy Warhol magari sparsi in casa, e vi state chiedendo come dipingere questa arte, siete perciò capitati nel tutorial per voi. Essa è una delle correnti artistiche maggiormente importanti del dopoguerra. Si è sviluppata inoltre verso gli anni '60, ed è rimasta praticamente attuale che sono tantissimi i seguaci che, per passione o per lavoro, si dedicano a sperimentarla. Buona lettura e buon lavoro!

26

Occorrente

  • Una fotografia di riferimento
  • Tele a cotone di grammatura media
  • Pennelli a punta piatta (4/8/16)
  • Tempere acriliche
  • Matita F o H
  • Righello
36

Prendete una fotografia come riferimento

Vi dovrete ricordare che la Pop Art è nata per merito di artisti come J. Rosenquist o C. Oldenburg. Loro si sono interrogati sulla riproducibilità di un'opera d'arte ed hanno cominciato con cartelloni pubblicitari semplici per fare i primi esperimenti. Vi servirà prima di iniziare una fotografia come riferimento, chiaramente quella che maggiormente vi piace. Non è importante se non vi sembra professionale particolarmente, oppure se ha delle ridotte dimensioni ed anche dei colori non perfetti, ma dovrete scegliere soltanto un'immagine dove poi dovrete cominciare coi primi tentativi.

46

Procedura per la parte pratica

Ora passiamo al cuore dell'articolo, ossia al lato pratico. Dovete munirvi del materiale adatto e questo è forse uno degli step più importanti per dipingere Pop Art. Tela e pennelli: questo binomio dovrà essere il vostro migliore amico. Scegliete una tela di cotone con grammatura a vostra discrezione (preferibilmente la media, ha una resa cromatica eccellente) e escludete assolutamente le tele di juta, la trama irregolare non vi permetterebbe quel meraviglioso effetto nitido caratteristico della Pop Art. Ora passiamo alla scelta dei pennelli, in cui la parola d'ordine è la seguente: sintetici. I pennelli col pelo sintetico sono un obbligo assoluto, in quanto i pennelli a pelo d'animale sono troppo soffici, vi basti sapere che venivano usati nel Romanticismo, assolutamente non adatti. La marca Winsor potrebbe essere quella più adatta. Scegliete le canoniche tre misure per iniziare, piccola (pennelli n°4), media (pennelli n°8 o 9) e infine grande (pennelli n° 16 o 18). Per quanto riguarda la forma, scegliete i piatti, poiché trattengono il colore benissimo e sono i più funzionali per l'uniformità, al contrario di quelli a punta rotonda.

Continua la lettura
56

Procedete con la Pop Art "a colpo d'occhio"

Potrete procedere nella Pop Art "a colpo d'occhio" se avete un'educazione visiva nelle pupille sviluppata in modo particolare, però se vi sembra di essere insicuri e non volete sbagliare, dovrete procedete a passi piccoli. Prendete una matita a punta dura, del tipo H oppure F, in quanto potrebbero andare bene, poi iniziate a costruite una griglia sopra l'immagine aiutandovi con un righello. Infine la dovrete dividere in quadrati di 1 centimetro per 1 centimetro, oppure di 2 centimetri se ve la sentite, poi dovrete fare la tela ugualmente. Per terminare dovrete dipingere quindi quadratino per quadratino, e vedrete che non vi sbaglierete.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

I principali esponenti della pop art

La pop art è una corrente artistica nata alla fine degli anni cinquanta del XX secolo in Gran Bretagna. Il termine indica la così detta “popular art”. Sua caratteristica principale è puntare l’attenzione sugli oggetti del quotidiano, su tutto...
Arti Visive

Andy Warhol e la Pop Art

Una rottura degli schemi dell'arte tradizionale è evidente quando si parla di Pop Art. Questa movimento, innovativo all'epoca, nacque nella seconda metà del XX secolo e vide infatti uno stravolgimento dei canoni classici dell'arte, intesa come la rappresentazione...
Arti Visive

Art Nouveau in breve

L'Art Nouveau è un movimento culturale che ha donato un enorme contributo a tutta la storia dell'arte. L'art nouveau si sviluppa storicamente in Europa alla fine dell'Ottocento ma influenza anche il primo decennio del Novecento. I primi bagliori dell'Art...
Arti Visive

I principali esponenti dell'Art Nouveau

L'Art Nouveau, meglio conosciuta nel nostro Paese come "Stile Liberty", è stato un movimento artistico che, a cavallo tra il XIX e XX secolo ha influenzato il mondo dell'arte, a partire dal mondo della pittura, fino ad arrivare a quello del design. L'Art...
Arti Visive

Art Decò: storia, stile e maggiori esponenti

L'Art Deco' trova il suo nome solo a partire dal 1960 anche se le sue radici affondano nel più remoto 1925, quando a Parigi si tenne l' Exposition Internationale des Arts Decoratifs et Industriels Modernes, ossia un'esposizione che guardava soprattutto...
Arti Visive

Art Nouveau: aspetti principali

L'Art Nouveau è una corrente artistica ed architettonica del XX secolo sviluppatasi prima in Francia e poi nel resto d'Europa. In Italia le testimonianze di questo stile sono tuttora presenti e rappresentate dagli edifici di Stile Liberty presenti nelle...
Arti Visive

Come fare street art

Sebbene la Street Art in generale ed i Graffiti in particolare godano spesso di una reputazione negativa, in quanto considerati illegali e deturpanti, entrambe si sono trasformate in una forma d’arte rispettata ed apprezzata, specialmente negli Stati...
Arti Visive

Dipingere un quadro in pochi minuti

L'arte della pittura è un'attività complessa e mistica allo stesso tempo. Servono studio della prospettiva ed infinita immaginazione per portare a termine i capolavori che noi tutti conosciamo. L'ispirazione è la fonte primaria alla base di ogni artista....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.