Come dipingere un quadro naif

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Dipingere è la passione di moltissime persone che ogni giorno si affacciano a questa fantastica arte, e ognuno cerca di apprendere al meglio un determinato stile. Tra gli stili che più attirano i giovani artisti c'è l'arte naif. L'arte naïf indica quello stile di pittura, riconducibile al XX secolo, utilizzato dai pittori non professionisti situati al di fuori dal circolo accademico, soprattutto autodidatti, denominati anche "neo-primitivi". Con questo termine si riassume la modalità di disegno che amavano adoperare tali pittori: semplice, diretta, modesta e istintiva. I pittori naïf dipingono la realtà come la percepiscono, fantasticando qua e là nei dettagli che ritengono più degni di nota, senza seguire una scaletta di regole stilistiche. Nei seguenti passi illustrerò le tecniche da utilizzare per produrre un quadro naia. Attraverso pochi e semplici passaggi daremo utili suggerimenti che vi permetteranno di iniziare ad allenarvi per imparare questo stile.

25

Modello naif

Per prima cosa si deve capire che il pittore naïf non deve seguire modelli, deve essere totalmente distaccato da correnti artistiche contemporanee o passate: le sue parole chiave devono essere istintività e ispirazione creativa. Il pittore naïf dipinge per se stesso, per sfogo espressivo; e lo fa in modo quasi infantile, con una grande quantità di dettagli e creando atmosfere quasi fiabesche e brillanti, ma non per questo meno realistiche. E ricorda, un'altra pietra angolare del dipinto naïf è soprattutto l'originalità.

35

Soggetti dell'arte naia

I soggetti delle opere naïf sono tra i più disparati, ma in genere due elementi li accomunano: la vita quotidiana, semplice e riconoscibile, e il paesaggio, sia di campagna (fattorie, foreste) sia urbano (cittadine, castelli immaginari). Il pittore considerato come fondatore di tale stile è Henri Rousseau, francese, pittore per l'appunto autodidatta, che fu soprannominato poeticamente "il doganiere". Nei suoi quadri emergono caratteristiche inconfondibili e a dir poco rivoluzionarie per l'epoca: paesaggi "incantati", foreste abitate da animali misteriosi, sono solo alcuni dei particolari soggetti inquadrati dalla pittura naïf.

Continua la lettura
45

Utilizzo dei colori

Ma la pittura naïf si differenzia anche e soprattutto per la scelta e l'utilizzo dei colori: forti, decisi, puri. Conferiscono al quadro una forte pulsione creativa, cioè svolgono un ruolo importante nel comunicare la personalità dell'autore in relazione al dipinto. Sono inoltre fondamentali nell'apportare un senso di immediato coinvolgimento nella scena rappresentata, per stupire e convogliare l'attenzione in un momento in tale dettaglio, ora in un altro. Tale stile artistico, che così fortemente si separa da tutti gli altri, si sviluppò velocemente e in poco tempo vennero "battezzati" altri artisti naïf, come Luis Vivin, Pietro Ghizzardi, Antonio Ligabue, Séraphine de Senlis, Omeore Metelli ed altri ancora.
L'arte naif, per quanto semplice possa sembrare richiede uno studio approfondito e particolare per poterne rappresentare al meglio ogni espressione e sensazione. Se anche voi state pensando di iniziare questo tipo di arte, allora i suggerimenti di questa guida potrete iniziare ad imparare questa tecnica. Vi auguro quindi buon divertimento.
Alla prossima.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guido da Siena: biografia e dipinti

Tanti pittori si sono distinti diventando illustri pittori, nel Duecento. Tra questi citiamo Guido da Siena. Lui nacque a Siena nel 1230 e morì sempre in quella città nel 1290. Egli era un pittore italiano che era attivo a Siena nella seconda metà...
Arti Visive

Guida alle opere più importanti di Georges Seurat

Georges Seurat è uno dei più noti pittori francesi dell'800, esponente della corrente neoimpressionista. La tecnica pittorica di Seurat si basa principalmente sul puntinismo, attraverso cui si ottiene la mescolanza dei colori. Il pittore decide di utilizzare...
Arti Visive

Duccio di Buoninsegna: biografia e dipinti

Duccio di Buoninsegna o da Boninsegna è nato a Siena intorno al 1260 ed è morto nella stessa città prima del 1319. Duccio è stato il primo pittore a creare un vero e proprio linguaggio senese, facendogli raggiungere il livello artistico più alto....
Arti Visive

Guida alle opere di Giorgione

Lo pseudonimo di Giorgione si riferisce a Giorgio Barbarella (o Zorzi da Castelfranco), il famoso pittore italiano del periodo rinascimentale di origine veneziana. Il soprannome fu usato molto probabilmente in attribuzione alla statura dell'artista, insolita...
Arti Visive

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia. È considerato uno dei maggiori esponenti della pittura del Cinquecento. Il suo stile è nato da uno studio...
Arti Visive

Giuseppe De Nittis: biografia e opere

All'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazione della biografia e delle opere di Giuseppe de Nittis, un pittore di origini italiane appartenente alla corrente compresa tra i periodi del Verismo e dell'Impressionismo italiano; periodi storici...
Arti Visive

Canaletto: vita e opere

Molti pittori hanno il diritto di essere ricordati per ciò che hanno fatto durante la loro vita e, soprattutto, per le loro opere. Esse, infatti, rappresentano tutto ciò che di buono hanno compiuto e che, tuttora, abbiamo la fortuna di poter ammirare...
Arti Visive

Bernardo Daddi: biografia e opere

Il pittore toscano Bernardo Daddi nacque a Firenze nel 1290 e trovò la morte nel 1348 sempre nella città fiorentina, per colpa della peste. A livello artistico egli si formò alla bottega del grande maestro Giotto, insieme ad ulteriori pittori italiani...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.