Come Disegnare Con I Gessi Dando L'Effetto Nebbia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Chi ama disegnare, anche se solo come hobby, è spesso alla ricerca di nuove tecniche da utilizzare durante la creazione delle proprie opere, per questo motivo, nei seguenti passaggi, vi daremo dei consigli su come disegnare con i gessi dando l'effetto nebbia. Questo particolare effetto contribuirà a dare un tocco in più alle vostre opere ed a renderle molto più realistiche.

25

Occorrente

  • Gessetti
  • Foglii da disegno
  • Batuffolo di cotone
35

La realizzazione dell'effetto nebbia è molto semplice e non richiede particolari doti artistiche, per prima cosa, prendete i gessetti del colore che desiderate, cominciate a strofinarli su un foglio di carta abbastanza grande da poter raccogliere la polverina che andrete a creare. Per fare questo non avrete bisogno di fogli particolari, ma solo di un po' di pazienza. Eseguite la medesima operazione anche con degli altri gessetti di diverso colore. Ovviamente, ogni gessetto dovrà essere strofinato su un foglio diverso, in modo da non mischiare le polverine di diverso colore.

45

Terminata la fase di preparazione della polvere di gesso, decidete cosa disegnare e date libero sfogo alla vostra vena creativa. Una volta terminato il disegno, potrete proseguire con l'aggiunta dell'effetto nebbia. Con l'aiuto di un batuffolo di cotone, tamponate la polvere di gesso del colore desiderato. Non appena il batuffolo di cotone sarà impregnato di polvere colorata, tamponate il foglio con il disegno nei punti dove volete aggiungere l'effetto nebbia. In questa fase se volete realizzare un nebbia fine, strofinate delicatamente il batuffolo, mentre per un effetto nebbia marcato, dovrete tamponare più volte il batuffolo sul disegno.

Continua la lettura
55

Vi accorgerete subito che l'effetto è proprio quello della nebbia. Quando avrete terminato con l'aggiunta dell'effetto nebbia, per far risaltare uno specifico oggetto in primo piano, vi basterà adoperare una semplice gomma, infatti, sarà necessario intervenire nei punti desiderati per fare emergere gli oggetti dalla nebbia. Come avete potuto leggere in questa guida, la realizzazione di un disegno con l'effetto nebbia non è molto complicata, anche i meno esperti riusciranno a creare dei fantastici disegni con questo particolare effetto, ovviamente il colore della nebbia deve essere scelto sulla base del disegno su cui lo andrete ad applicare, ad esempio un paesaggio invernale e piovoso ha bisogno di una nebbia di colore bianco o grigio chiaro, crearla in arancione potrebbe rovinare l'intero lavoro. Discorso molto diverso si ha nel caso di disegni fantasiosi, nei quali il colore della nebbia potrebbe essere di qualsiasi tipo, sarà la vostra arte a guidarvi nella scelta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Divina Commedia: guida al XXXIII Canto del Paradiso

Il XXXIII è l'ultimo canto del Paradiso e, quindi, l'ultimo dell'intero poema dantesco. Di seguito, una guida a questo canto della Divina Commedia. Ci troviamo nel X Cielo, il cosiddetto Empireo, la sede dei beati, ed è la mezzanotte del 15 aprile (alcuni...
Arti Visive

Come disegnare il fumo a matita

Il disegno essendo una forma d' arte, non possiede dei canoni ben precisi da seguire al fine di realizzare un opera in modo ottimale, ma molto si basa sulla capacità dell'artista e sulla sua fantasia ed immaginazione. Fatta questa doverosa premessa,...
Arti Visive

Come disegnare le montagne innevate

È assolutamente innegabile la bellezza intrinseca di una montagna innevata. Quando immaginiamo una montagna c'è sempre un po' di bianco sula cima che la caratterizza. Nel periodo invernale su molti monti nel nostro Paese (sia al Nord che al Sud) ha...
Arti Visive

I maggiori esponenti del romanticismo

Il Romanticismo è un movimento culturale che si sviluppa in Germania alla fine del diciottesimo secolo: nasce in contrapposizione all'Illuminismo, che aveva dominato l'intero secolo precedente. Viene introdotto dallo "Sturm und Drang", dal quale prende...
Letteratura

Friedrich e il romanticismo tedesco

Il Romanticismo tedesco è da intendersi come una corrente culturale che nel XIX secolo si irradiò in tutta Europa rivoluzionando il sistema di pensiero illuministico basato sulla ragione che fino ad allora aveva dominato su tutte le arti e le scienze....
Arti Visive

Il paesaggio nella storia dell'arte

Il paesaggio nella storia dell'arte ha avuto continui sviluppi nel corso della storia. Esso ha esercitato un grande fascino sugli artisti da sempre. Bisogna però dire che nei suoi primi sviluppi esercitava ben poca influenza, essendo considerato un elemento...
Letteratura

10 trucchi per scrivere un racconto

Secondo alcuni autori, il racconto è una via di mezzo fra la novella breve e il romanzo. Un ibrido, insomma, che non avrebbe ragione di esistere. In realtà il racconto, breve o lungo che sia, è un ottimo mezzo di comunicazione e di espressione, in...
Arti Visive

Come Realizzare I Colori Vegetali

Risalgono agli albori dell'umanità, i colori vegetali. Già l'uomo primitivo, infatti, aveva intuito che utilizzando alcune materie prime si poteva ricavarne il colore, a scopo decorativo. I colori vegetali si estraggono da fiori, frutti, agrumi, verdure,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.