Come disegnare il Duomo di Milano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Disegnare può essere semplice, specie se ci orientiamo verso soggetti astratti, o interpretiamo l'oggetto od il panorama da raffigurare, in modo completamente personale. Se decidiamo invece, di raffigurare strutture architettoniche in maniera realistica, ecco che le difficoltà che incontreremo sono di differente tipologia. In relazione al disegno da attuare, si adotteranno tecniche di riproduzione diverse. Bisogna considerare se stiamo creando un disegno "artistico" o "tecnico", nel primo caso potremo personalizzare ogni dettaglio, sia nelle forme, che nei colori, adottando metodologie di pittura impressioniste o espressioniste, nel secondo caso invece, dovremo avvalerci di metodi ben precisi per realizzare la struttura da disegnare, utilizzando righello, squadre, goniometro ed altri strumenti utili. Vediamo insieme in che modo disegnare una struttura architettonica come il Duomo di Milano.

26

Occorrente

  • Fogli di carta o tela.
  • Righe - squadre - matita H - gomma da cancellare
  • Foto del Duomo di Milano o disegno dettagliato
36

Settori quadrati

Per disegnare il Duomo di Milano in maniera realistica dovremo dividere la foto o la cartolina che ci siamo procurati in diversi settori quadrati, tutti della medesima dimensione. Per fare ciò, dovremo utilizzare una matita ed un righello e suddividere l'intera superficie da raffigurare. Fatto ciò dovremo decidere le dimensioni del disegno da realizzare e in relazione a quest'ultime, riportare ogni singolo quadrato (della foto) sul foglio da disegno, aumentandone le dimensioni.

46

Dettagli

La suddivisione in quadretti deve essere effettuata in maniera precisa e qualora la struttura da riprodurre presenti dei particolari dettagliati (come ad esempio, le guglie), è conveniente operare una seconda suddivisione dell'immagine in quadretti ancor più piccoli: potremo dividere un quadretto di 20 x 20 millimetri in 4 quadretti più piccoli di 5 x 5 mm: la riproduzione dei dettagli sarà ancor più precisa! Quando si riporta il disegno su di un foglio più grande o una tela, si dovrà considerare che se la foto che è stata utilizzata e suddivisa in quadrati di 25 centimetri per 25, per un ingrandimento dell'immagine 4 volte superiore, dovremo aumentare le dimensioni di ogni quadrato di ben 4 volte, ottenendo una tela di un metro per un metro.

Continua la lettura
56

Matita

Per ottenere un buon effetto, si utilizza preferibilmente una matita a punta dura (H), utilizzandola senza calcare, ed una buona gomma da cancellare. Ultimato il disegno rimuovete con la gomma da cancellare tutti i quadretti, cercando di non rimuovere i particolari ed eventualmente rimarcandoli con la matita. Terminate colorando, o realizzando chiaro scuri a matita.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Cinque pinacoteche da non perdere a Milano

Negli ultimi anni, Milano si è imposta nel panorama internazionale come una delle città più vive e interessanti: da Expo alla moda, dalla rinnovata skyline in continua evoluzione ai quartieri della vita notturna, le ragioni per andare alla scoperta...
Mostre e Musei

Guida al Castello Sforzesco di Milano

Il castello Sforzesco di Milano è uno degli edifici storici più caratteristici della città, assieme al Duomo. La costruzione risale al medioevo, quando la famiglia dei Visconti ebbero l’esigenza di costruire una fortificazione per difendere la città....
Mostre e Musei

Guida alle mostre permanenti di Milano

Milano è una città ricca di proposte per quanti amano l'arte e la cultura: il ricco e variegato complesso urbano si propone come un vero manuale di architettura a cielo aperto, che spazia dal paleocristiano di S. Ambrogio al gotico del Duomo, giungendo...
Arti Visive

Guida all'arte del Bramante

Donato Bramante è una delle figure di primo piano dell'arte italiana del Rinascimento. Le prime opere di questo valente architetto furono create a Milano e comprendevano il complesso di Sant'Ambrogio e la chiesa di Santa Maria delle Grazie. A Roma, il...
Arti Visive

Guida all'architettura romanica

Nel corso dei secoli, l’architettura ha avuto una grande crescita ed ha attraversato varie e differenti fasi di sviluppo. Una fase molto importante è stata senza dubbio quella relativa all’architettura romanica. Lo stile romanico viene purtroppo...
Mostre e Musei

Le statue più significative del cimitero monumentale di Milano

Il cimitero monumentale di Milano nasce dall'estro dell'architetto Carlo Maciachini. La costruzione fu avviata nel 1864 e conclusa nel 1866. A renderlo famoso è il suo stile eclettico che mescola il gotico al romantico. Nel susseguirsi dei secoli, il...
Mostre e Musei

Guida al Duomo di Monreale

Narra la leggenda che la Madonna sia apparsa in sogno a un re, svelandogli dove si trovava il tesoro nascosto da suo padre e chiedendogli in cambio una chiesa a lei dedicata. Un così meraviglioso gioiello architettonico come è il Duomo di Monreale,...
Arti Visive

Caravaggio: opere e vita

La guida che andremo a impostare si occuperà di arte. Per essere più precisi, come avrete compreso attraverso la lettura del titolo della nostra guida, ora andremo a dedicarci a un personaggio che ha fatto la storia dell'arte: Caravaggio. Andremo a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.