Come Disegnare Un Albero Spoglio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Un albero spoglio presenta tante particolarità che ovviamente devono essere riportate su carta durante la stesura di un disegno. Le parti principali dell'albero sono il tronco e i rami. Con il trascorrere degli anni, il tronco si allarga e cresce in altezza e i rami diventano sempre più grossi e numerosi. La ramificazione si articola seguendo uno schema che varia a seconda della specie cui l'albero appartiene. È proprio questo aspetto che dovrete curare di più nel fare il disegno. Nella guida che segue, a tal proposito, vi sarà spiegato passo dopo passo come disegnare nel modo corretto un albero spoglio.

26

Occorrente

  • Foglio, matita morbida, pennino, china nera.
36

Scegliete l'albero

Prima di iniziare dovrete avere bene in mente che tipo di albero disegnare. Per far ciò, iniziate con il guardarvi intorno quando fate passeggiate tra gli alberi. Scegliete l'albero che più vi piace, sia nella forma della chioma che del tronco, fissatelo bene in mente e, se non lo è già, immaginatelo spoglio. Prendete successivamente un foglio di carta, preferibilmente ruvido, e una matita morbida. Fate dapprima uno schizzo di quello che sarà il vostro albero, poi iniziate a sviluppare la ramificazione in profondità. Per farlo dovrete aggiungere altri rami, sovrapponendoli e intrecciandoli ai primi. Per dare volume all'albero eseguite un tratteggio con il pennino.

46

Aggiungete qualche elemento paesaggistico

In questo modo avrete dato vita ad un chiaroscuro che metterà in evidenza il volume dell'albero. Aggiungete successivamente allo sfondo qualche elemento paesaggistico come montagne, colline, cespugli, o altro, in modo che lo sfondo si adatti al tipo di albero che avete scelto di disegnare. Una volta che avrete disegnato la struttura e la ramificazione, il volume sarà dato dal tratteggio che eseguirete con il pennino e la china.

Continua la lettura
56

Curate i dettagli

Potete tranquillamente continuare a disegnare l'albero applicando uno schema di crescita a separazione. Dedicandovi quindi al tronco, cercate di riportare il più fedelmente possibile tutte quelle imperfezione che lo caratterizzano naturalmente, quindi se ci saranno delle zone nodose, dovrete riportarle sul disegno, anche in questo caso, per dare volume e profondità, verrà in aiuto il pennino e la china. Dovete sapere che nella crescita a separazione il tronco si divide in due, tre o più rami, ognuno dei quali si ramifica a sua volta in due, tre o più parti sempre più sottili. Un esempio di crescita a separazione lo troverete nell'acero. Ricordatevi sempre di curare bene i particolari e il vostro disegno sarà meraviglioso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per dare volume all'albero eseguite un tratteggio con il pennino.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come disegnare un clarinetto

L'origine del clarinetto si fa risalire all'antico Egitto intorno al 2700 a. C. A testimonianza di ciò si hanno tracce di uno strumento a fiato ottenuto da una coppia di canne che prendeva il nome di "memet". Era uno strumento ad ancia, cioè di una...
Arti Visive

"Il bacio" di Hayez

Appena due anni prima del raggiungimento dell'Unità d'Italia, l'artista veneziano Francesco Hayez realizzò quello che da molti è considerato il manifesto pittorico del movimento romantico italiano: "Il Bacio". L'opera di Hayez, che oggi è possibile...
Arti Visive

Guida all'architettura romanica

Nel corso dei secoli, l’architettura ha avuto una grande crescita ed ha attraversato varie e differenti fasi di sviluppo. Una fase molto importante è stata senza dubbio quella relativa all’architettura romanica. Lo stile romanico viene purtroppo...
Letteratura

Come illustrare un fumetto

Chi di noi durante l'infanzia non ha mai atteso trepidante l'uscita in edicola del suo fumetto preferito? E anche per molti adulti il fumetto rimane una passione e un interesse che spiega il successo delle fiere annuali a lui dedicate come Romix, Comix...
Arti Visive

Guida delle penne da disegno

La gamma di penne da disegno a disposizione di un artista, è ampia e variegata. Si va dalle penne più tradizionali, fatte con le piume d’oca, a quelle realizzate tagliando in maniera adeguata rametti di bambù o giunco, arrivando infine alle penne...
Arti Visive

Come disegnare un salice piangente

In questo tutorial vi spiegheremo come disegnare un salice piangente. Il disegno di tale pianta, è un lavoro che richiede parecchia dimestichezza nel disegno. La sua particolarità è quella di avere i rami che puntano in basso, perciò le linee guida...
Arti Visive

Come dipingere gli alberi ad acquerello

Disegnare e dipingere con gli acquerelli non è affatto semplice: per riuscire ad ottenere buoni risultati ci vuole, oltre che una certa abilità "innata", anche un bel po' di esperienza. Occorre innanzi tutto scegliere la materia prima: pennelli, cartoncini...
Arti Visive

Come dipingere gli alberi a olio

Quella a olio è una tecnica pittorica molto amata dagli artisti, soprattutto da quelli naïf e da coloro che sono ai primi approcci con tavolozza e pennelli. La particolare composizione dei colori a olio risalta la pigmentazione degli stessi, consentendo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.