Come drammatizzare una fiaba

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Per i bambini le fiabe rappresentano un mondo onirico in cui rifugiarsi e liberare la propria fantasia tra fate, draghi e grandi guerrieri. Ognuno di essi, a suo modo, s'identifica con i loro personaggi preferiti ed è proprio per questo che amano imitarli e rappresentarli. Il ruolo della fiaba, tuttavia, non è solo quello d'intrattenere i più piccoli ma anche di formarli e insegnare loro determinati valori. In più, la capacità di drammatizzazione fa sì che i bambini riescano a comunicare e a socializzare tra di loro, sviluppando lo spirito di gruppo che è proprio dell'età scolare. La fiaba narrata ai bambini, ci mostra attraverso l'uso di storie molto colorate e un po' fuori dagli schemi una realtà semplice, ma carica di fantasia e di spezzo ni di vita quotidiana in cui per certi versi è sempre presente la continua lotta fra il bene e il male. La drammatizzazione di una fiaba, quindi, permette ai più piccoli di liberare anche la parte più inespressa di loro, quella che si cela nell'inconscio e che in molti casi, per via delle imposizioni sociali o familiari, non trova modo di sfogarsi generando, talvolta, frustrazione.
Ma vediamo ora come drammatizzare una fiaba.

24

Il primo passo da compiere per drammatizzare una fiaba, è quello di leggerla ai bambini. Il lettore, attraverso l'uso adeguato dei vari toni di voce, rappresenterà la gravità o la gioia del momento, cercando di far comprendere al meglio i concetti espressi dalla fiaba raccontata. In questa fase sarà importante accompagnare alla narrazione anche la mimica facciale e la gestualità delle mani, così da enfatizzare ancor più i contenuti del racconto. Questo passo è decisivo per raggiungere quello successivo, ovvero la rappresentazione vera e propria che coinvolgerà anche i movimenti e i vari attori (se presenti).

34

I bambini, a questo punto, saranno in grado di rielaborare la fiaba e narrarla a loro volta anche a casa, coinvolgendo i parenti e gli amici. Faranno proprio ciò che hanno appreso e saranno pronti a interpretarlo. La drammatizzazione della fiaba, dunque, entrerà nel vivo e potrà essere recitata. Interpretarla personalmente, consentirà ai piccoli protagonisti di rivivere in prima persona la storia, entrare nel personaggio e immergersi nell'atmosfera della fiaba stessa.

Continua la lettura
44

Le parti imparate a memoria e i costumi indossati, permetteranno ai bambini di immedesimarsi nella fiaba, facendo loro comprendere appieno il suo significato più profondo. Questo, a livello inconscio, sarà un grande passo in avanti nel loro processo di crescita perché li aiuterà a superare le loro difficoltà e la fiducia in se stessi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Guida alla "Sirenetta" di Andersen

"La Sirenetta" è di certo una delle opere più amate di Andersen. Per quanto possa a tratti apparire banale e scontata, la storia offre spunti di riflessione interessanti. È simbolo di un amore contrastato, impossibile. E che la difficoltà in questo...
Recitazione

Come mettere in scena il puzzle della drammatizzazione

Per gli attori teatrali rappresentare una scena drammatica, vuol dire dimostrare la bravura nell'impersonare il proprio personaggio. Da qualche anno esistono laboratori di animazione negli asili e nelle scuole. È un opportunità di stimolo per i piccoli...
Letteratura

Come inventare una favola

Con i bambini piccoli capita sovente di inventare una favola. Sia per intrattenerli che per accompagnarli nel sonno. A volte sono i bambini stessi che richiedono una favola nuova o inventata. I bimbi hanno sempre bisogno di curiosità e notizie. Inventare...
Letteratura

Charles Perrault: vita e opere

Magari per molti il nome di "Charles Perrault" non significa nulla, non ci si ricorda di averlo studiato a scuola tra i libri di testo insieme al Leopardi, al Manzoni, o ad Ugo Foscolo, tanto per citarne alcuni, ne di averlo letto tra i nomi dei filosofi...
Letteratura

Le più famose fiabe classiche

Leggere fiabe ai bambini, prima di andare a dormire o in qualunque altra occasione, aiuta a instaurare un rapporto di intimità tra l’adulto e il bambino, tra genitori e figli. Ma non solo questo. Infatti, le fiabe hanno un gran potere educativo. I...
Letteratura

Le 10 fiabe più belle di sempre

Basta pronunciare "c'era una volta " per vedere tutti i bambini attenti, nei loro lettini, in attesa della favola. Le fiabe piacciono sempre e trasportano i bimbi in un mondo fantastico, pieno di principesse, fatine con la bacchetta magica ed animali...
Danza

10 motivi per cui é importante studiare la danza classica

La danza classica è un hobby dai molti pregi, che talvolta può diventare una professione. Le sue origini sono antiche: ufficialmente nasce nel 1661, in Francia. In tale data, il re Luigi XIV istituisce l'Acadèmie Royale de danse. Al suo interno si...
Letteratura

Come scrivere una storia a fumetti

Il mondo dei fumetti appassiona davvero tutti, sia i lettori sia gli amanti della tavola disegnata. Il fumetto è una particolare forma d'arte dotata di peculiarità che la contraddistinguono dalle altre arti, tant'è che scrivere bene, in questo ambito,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.