Come eseguire Il giro di do maggiore con la chitarra

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
112

Introduzione

La chitarra è uno strumento versatile, che si presta alla realizzazione di brani musicali di vario genere, anche molto complessi, per i quali il giro di do è fondamentale. Il giro di Do maggiore è infatti un giro armonico basilare per la musica moderna e contemporanea, e in questa guida vedremo come eseguirlo correttamente, e in modo semplice anche per coloro che si approcciano per la prima volta all'uso della chitarra.

212

Occorrente

  • Chitarra
  • Plettro
  • Metronomo
312

L'importanza musicale del giro di do

Moltissimi pezzi che ascoltiamo usualmente alla radio oppure su mp3 sono basati o su questa splendida sequenza di accordi, o la richiamano espressamente. Nel repertorio della musica leggere italiana possiamo ripensare a brani memorabili come ad esempio: "Il cielo in una stanza", oppure "Alba chiara" che sono costruiti intorno al giro di do.
Proprio per la sua importanza, sia musicale che storica e didattica, ogni musicista dovrebbe saper suonare con precisione il giro di do e dovrebbe avere familiarità con l'inconfondibile sonorità di questo giro armonico. L'ascolto dei suoni armonici abitua infatti l'orecchio a riconoscerli, e successivamente a ripeterli suonando.

412

Le conoscenze di base

Per eseguire correttamente e in modo fluido un giro di Do è sufficiente possedere alcune nozioni base del mondo della musica e dell'utilizzo della chitarra. Ad esempio è opportuno che il chitarrista abbia buona dimestichezza con la plettrata e con il metronomo. Plettrare significa far vibrare tutte le corde contemporaneamente, usando il plettro. Ed il metronomo è lo strumento che consente di mantenere il tempo musicale.

Queste due condizioni sono necessarie per poter procedere all'esecuzione armonica con uno strumento musicale.

Continua la lettura
512

Che cos'è il giro di do

Il giro di Do Maggiore è una sequenza di accordi che viene denominata usualmente "giro armonico". Per giro armonico si intende una sequenza di suoni che si basa su quattro accordi appartenenti alla medesima tonalità. Nel caso del giro di do gli accordi utilizzati sono due maggiori e due minori, e nello specifico:
- Do Maggiore;
- La minore;
- Re minore;
- Sol settima di dominante, detto anche Sol 7.
Qui impareremo a suonare tutti gli accordi in prima posizione. Suonare in prima posizione significa restare entro i primi tre/quattro tasti della chitarra.

612

Il primo accordo: Do maggiore

Cominciamo a vedere la struttura del primo accordo sulla tastiera della chitarra: il DO Maggiore.
La posizione del Do maggiore è piuttosto facile:
- Posizioniamo il terzo dito della mano sinistra (anulare) sul terzo tasto della 5° corda (corda di La) ottenendo così la nota Do.
- Posizioniamo il secondo dito della mano sinistra (medio) sul secondo tasto della 4° corda (corda di Re) ottenendo così la nota MI.
- Posizioniamo il primo dito della mano sinistra (indice) sul primo tasto della 2° corda (corda di Si) ottenendo così la nota Do.
Cosi facendo otterremo sulla chitarra la sequenza di note: Mi, Do, Mi, Sol, Do, Mi. Queste sono proprio le note che compongono l'accordo di Do Maggiore (Do-Mi-Sol).

712

Il secondo accordo: La Minore.


Il secondo accordo di cui è composto il giro di Do Maggiore è il La minore.
Il passaggio dall'accordo di Do Maggiore a quello di La minore è davvero semplice: basta spostare solo un dito.
- Lasciamo il secondo dito (medio) e il primo dito (indice) della mano sinistra nella posizione del Do Maggiore;
- Spostiamo il terzo dito (anulare) sul terzo tasto della terza corda (corda di Sol) ottenendo così la nota La. In questo modo otterremo sulla chitarra la sequenza di note: Mi, La, Mi, La, Do, MI. Questa sequenza corrisponde alle note che compongono l'accordo di La minore (La-Do-Mi).

812

Terzo accordo: Re Minore


Il terzo accordo di cui è composto il giro di Do Maggiore è il Re minore.
La posizione di Re minore sulla chitarra è la seguente:
- Posizioniamo il primo dito della mano sinistra (indice) sul primo tasto della prima corda (corda di mi cantino, acuto) ottenendo così la nota Fa.
- Posizioniamo il secondo dito della mano sinistra (medio) sul secondo tasto della terza corda (corda di sol) ottenendo così la nota La.
- Posizioniamo il terzo dito della mano sinistra (anulare) sul terzo tasto della seconda corda (corda di Si) ottenendo così così la nota Re.
Per suonare l'accordo di Re minore sulla chitarra dobbiamo "plettrare" soltanto le prime quattro corde della nostra chitarra: MI cantino, Si, Sol e Re.
Cosi facendo otterremo sulla chitarra la sequenza di note: Re, La, Re, Fa che sono le note che compongono l'accordo di Re minore (Re-Fa-La).

912

Quarto accordo: Sol Settima


L'ultimo accordo che ci serve per poter completare il giro di Do maggiore è l'accordo di Sol Settima di dominante, chiamato generalmente "accordo di Sol Settima".
La posizione di Sol 7 di dominante sulla chitarra è la seguente:
- Posizioniamo il terzo dito della mano sinistra (anulare) sul terzo tasto della sesta corda (corda di mi basso, grave) ottenendo così la nota Sol.
- Posizioniamo il secondo dito della mano sinistra (medio) sul secondo tasto della quinta corda (corda di la) ottenendo così la nota Si.
- Posizioniamo il terzo dito della mano sinistra (indice) sul primo tasto della prima corda (corda di mi cantino) ottenendo cosi la nota Fa.
Cosi facendo otterremo sulla chitarra la sequenza di note: Sol, Si, Re, Sol, Si, Fa. Queste sono le note che compongono l'accordo di Sol Settima di Dominante (Sol-Si-Re).

1012

La pratica del giro di do

Non appena avremo appreso la posizione corretta dei quattro accordi che compongono il giro di do, potremo cominciare ad eseguirla in successione, per memorizzare i passaggi e per acquisire la dimestichezza necessaria a suonare con disinvoltura. Per suonare la chitarra, come per qualsiasi altro strumento musicale, è indispensabile una certa dose di pazienza ma i risultati giungeranno prima di quel che si potrebbe immaginare.
Dopo aver appreso la sequenza potremo cominciare a eseguire il giro in loop, arrivando cioè al sol settima di dominante e ritornando al do. È importante che la posizione della mano sia perfettamente dritta durante l'esecuzione degli accordi, e che le dita siano rigidamente fisse sulle corde per poter ottenere un suono limpido e pulito.
La cosa che rende speciale questo giro di accordi è che consente di suonare molti brani anche facili per chi non è un esperto con la chitarra. Dopo averlo appreso si potrà già andare a trovare ad esempio la persona amata per stupirla con la celebre canzone "Ti Amo" di Umberto Tozzi oppure, per chi preferisce i brani in inglese, con la romantica esecuzione di "Every Breath You Take".

1112

Guarda il video

1212

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare con il metronomo partendo da una velocità medio/bassa per poi aumentarla progressivamente in base alle nostre capacità.
  • Concentrarsi maggiormente sui passaggi che risultano più difficili.
  • Esercitarsi con regolarità al fine di acquisire scioltezza di esecuzione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come eseguire un accordo di Do con la chitarra

In questa passo introduttivo vi spiegherò molto brevemente e in modo semplice di cosa andremo a parlare poi in seguito all'interno della guida. Importante per cominciare è che tu sappia che la chitarra è composta da sei corde che vengono numerate dal...
Musica

Come Suonare il giro di Mi con la chitarra

La chitarra, come tutti gli strumenti musicali, ha bisogno di passione e dedizione per essere compresa appieno e padroneggiata con armonia. Per questo motivo ogni nota deve essere compresa fino in fondo e necessita di moltissima pratica per essere riprodotta...
Musica

Come eseguire il giro di blues con il basso

Come bisogna riuscire ad eseguire correttamente un giro di basso? Occorre avere la capacità d'improvvisare e non un insieme di regole da applicare. Naturalmente, cercherò di giustificare questa affermazione nei passaggi successivi della seguente guida.A...
Musica

Come Eseguire Una Scala Pentatonica Su Una Chitarra

La scala pentatonica è una scala musicale composta da cinque note ad intervalli minimi di un tono, diversamente dalle sette delle tradizionali scale maggiori o minori. Questa scala che cercherete di eseguire è molto usata tra i compositori classici...
Musica

Come eseguire i trilli alla chitarra

Suonare uno strumento regala sempre delle immense soddisfazioni, soprattutto se si ama la musica in maniera viscerale. La passione è molto importante per fare della buona musica, ma anche la tecnica è un elemento imprescindibile. Gli strumenti a corda...
Musica

Come eseguire l'arpeggio con la chitarra

Suonare la chitarra significa mettere in vibrazione le sue corde: per farlo, è possibile sia utilizzare il plettro, sia anche le semplici dita (con le relative unghie). In genere, se si parla di chitarra classica o acustica, il plettro viene utilizzato...
Musica

Come creare un giro armonico

I giri armonici sono una performance a discrezione del musicista e possiamo trovarli sui libri di teoria con il nome di "Turn Around". Per crearli, in parte ci basiamo su quattro accordi, non casuali, ma ben precisi: ossia sul I, sul II, sul IV e sul...
Musica

5 canzoni facili da suonare con la chitarra

State imparando a strimpellare la chitarra? Allora, forse, è arrivato il momento di accingervi a suonare qualche canzone. Il panorama musicale italiano e internazionale è ricco di melodie facilmente eseguibili, anche da coloro che si dilettano a suonare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.