Come eseguire lo staccato al pianoforte

Tramite: O2O 30/12/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una delle tecniche più complicate da eseguire per i neofiti del pianoforte è quella dello staccato. Questa modalità di esecuzione viene utilizzata dai più grandi compositori, ormai da alcuni secoli. Fra gli esempi più illustri si possono ad esempio trovare i minuetti di Johann Sebastian Bach, ma anche le composizioni per pianoforte di Franz Liszt. Se non si possiede la padronanza di questa fondamentale tecnica, molte opere di musica classica possono risultare ineseguibili. Se sei un aspirante pianista e vuoi capire come eseguire lo staccato al pianoforte, questa è la guida che fa per te.

26

Occorrente

  • un pianoforte
  • uno spartito che contenga note staccate
36

i diversi tipi di staccato

Uno dei primi consigli che si danno agli studenti delle accademie musicali, è quello di eseguire lo staccato utilizzando prima il polso e poi mano a mano risalire, fino a coinvolgere avambraccio, braccio e spalle. Questa modalità può essere utile fino ad un certo punto, visto che prima di fare ciò, devi capire di quale tipo di staccato si tratta, solo in questo modo puoi sapere come eseguirlo. Naturalmente una consapevolezza di questo genere può esserci soltanto dopo anni di studio, ma nel frattempo puoi fare delle prove, ed eseguire uno stesso pezzo, con diversi modi di fare uno staccato. Per capire come eseguire questa tecnica, devi prima di tutto vedere le quantità che si trovano sulla nota, già in questo modo puoi sapere se fare uno staccato corto o lungo. A questo punto devi suonare per davvero, e utilizzare uno dei principali modi di eseguire uno staccato, cioè lo staccato di polso e lo staccato di dito.

46

Lo staccato di polso

Lo staccato di polso è una modalità di esecuzione che si trova molto spesso nelle partiture. Per poterlo fare, devi per prima cosa mantenere il polso flessibile, non devi per nessun motivo tenerlo rigido. In questa tecnica devi cercare di far rimbalzare le dita sulla tastiera, devi in un certo senso accarezzare le note, appoggiando le dita in modo lieve, facendo stemperare la tensione della successione di note appena conclusa. Un'altro consiglio importante per eseguire al meglio questi passaggi, è quello di usare solo i movimenti necessari. Infatti è inutile utilizzare anche braccio e spalla, quando puoi suonare senza problemi solo con l'elasticità del polso. Le dita devono scattare come una molla e passare da una nota all'altra con il minimo sforzo.

Continua la lettura
56

Lo staccato di dito

Sullo spartito non puoi riconoscere se è il caso di utilizzare lo staccato di dito. Puoi capirlo solo analizzando la partitura. Se ad esempio devi suonare un pezzo meditativo, con un tempo lento, e molte pause, ti conviene sicuramente usare lo staccato di polso. Al contrario, se ti trovi di fronte ad un passaggio molto complicato, con un tempo veloce, puoi utilizzare lo staccato di dito. Durante l'esecuzione, devi tenere il polso quasi rigido, non si deve muovere. Gioca quindi tutto sulle dita, facendole scorrere sulla tastiera in modo fluido.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • pratica un movimento spontaneo partendo dalle dita, senza premere troppo sui tasti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come eseguire il legato al pianoforte

Imparando a suonare il pianoforte si arriva al momento in cui si ha la necessità di eseguire il legato, di collegare quindi uno suono dopo l'altro. Le frasi musicali comprendono una successione di note organizzate in misure che succedendosi danno vita...
Musica

Come eseguire i trilli al pianoforte

Suonare il pianoforte è un'arte complessa che richiede la conoscenza di numerose tecniche. Non basta infatti la mera esecuzione delle note sullo spartito per regalare al pubblico una performance soddisfacente. Per cogliere appieno tutti i passaggi e...
Musica

Come eseguire gli arpeggi al pianoforte

Arpeggi e scale sono il pane quotidiano di ogni musicista, sia perché costituiscono un vero e proprio allenamento delle dita e sia perché la maggioranza della musica pianistica è strutturata su porzioni più o meno estese di scale o arpeggi. Il termine...
Musica

Come eseguire le scale cromatiche al pianoforte

La scala cromatica: chi era costei? Se ne sente parlare spesso fra musicisti quando si discute dei Notturni per pianoforte di Chopin, delle Sonate di Beethoven o di tantissimi altri brani di musica classica e non. Questo perché le scale cromatiche rappresentano...
Musica

Come suonare il doppio staccato con il flauto traverso

Suonare il doppio staccato con il flauto traverso è un procedimento che alla base prevede un po' di pratica e molto esercizio. Ovviamente, prima di procedere ad imparare la tecnica, è necessario avere ben chiari degli importantissimi concetti di base.Nell'ambito...
Musica

Come suonare il pianoforte moderno

Il pianoforte moderno non è nessun strumento nuovo o di nuova generazione ma è il modo in cui viene usato o suonato il pianoforte. Infatti il metodo che si usa per suonare il pianoforte moderno è differente dal suonare un pianoforte classico seguendo...
Musica

10 segreti per suonare il pianoforte

Siete appassionati di musica da pianoforte? Avete un pianoforte e siete vogliosi di utilizzarlo, ma non sapete da dove iniziare per imparare a suonarlo correttamente? Niente paura! Questa guida fa proprio al caso vostro. Scopriamo insieme i 10 segreti...
Musica

Come pulire l'interno di un pianoforte

Gli strumenti musicali sono dei compagni inseparabili per molti amanti della musica. Che si tratti di una chitarra, un violino, un flauto o un pianoforte, spetta a noi il compito di preservarli dall'usura. In molti casi il nemico più ostile per tutte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.