Come fare l'analisi di un film

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

I film ma sono delle opere cinematografiche che possono far divertire, terrorizzare, incuriosire o allibire il pubblico di spettatori che li guarda. La maggior parte di coloro che guarda un film, non fa tanto caso a quello che è il vero e proprio significato, bensì è semplicemente incuriosita soprattutto da quello che poi sarà il finale, che in molti casi si tratta di un colpo di scena. Per eseguire un'attenta analisi di un film è necessario valutarne diversi aspetti, tra cui il tempo e lo spazio in cui esso si svolge, nonché il racconto, la narrazione e la diegesi. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come fare l'analisi di un film.

24

Vedere il film più volte

Il primo aspetto da tenere in considerazione prima di analizzare un film è vederlo diverse volte, in modo da avere un quadro generale più chiaro per effettuare un'analisi esaustiva. Una visione unica, infatti, non ti consentirà di cogliere quelle sfaccettature e quei particolari che invece noterai sicuramente nelle seguenti visioni. Tuttavia devi sempre tener conto della sensazione che la prima visione ti ha generato: sarà quella infatti a costituire la base della tua analisi. Una volta fatto ciò, cerca di suddividere il film, di smontarlo, per ottenere una descrizione minuziosa e particolareggiata di ogni singolo elemento che lo compone. Successivamente invece dovrai compiere l'operazione opposta.

34

Considerare il tempo e lo spazio d'azione

Per segmentare un film è possibile considerare una serie di parametri: lo spazio in cui l'azione si svolge; il tempo dell'azione e le eventuali ellissi temporali; la coerenza narrativa, ovvero le connessioni che legano gli eventi che hanno luogo nel film. Per ricostruire gli elementi narrativi è necessario, invece, collocare il film in un preciso contesto storico, definire il genere di appartenenza e le tendenze estetiche a cui esso si ispira.

Continua la lettura
44

Applicare l'ipotesi di Marc Vernet

Prendendo in prestito l'ipotesi di Marc Vernet possiamo applicare al film oggetto della nostra analisi la seguente tripartizione: racconto, narrazione, diegesi. Il racconto corrisponde alla sinossi stessa del film, ovvero ad una sua sintesi narrativa. Il racconto è, in altri termini, la struttura portante su cui l'intero film verrà costruito. La narrazione, invece, corrisponde "all'atto narrativo produttivo", ovvero al contesto reale o verosimile in cui esso si colloca. Infine, la diegesi è riferita agli aspetti narrativi non proprio filmici, e cioè al contenuto della storia raccontata e al contesto che essa va a presupporre.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Come si scrive un testo narrativo

Esistono vari generi di testi narrativi, da quei testi che nascono esclusivamente dall'immaginazione dell'autore, a quelli che sono frutto di rielaborazioni di fatti reali. Altri, invece, raccontano ciò che realmente è accaduto, proprio come le cronache....
Letteratura

I migliori libri autobiografici

Un racconto autobiografico è un'opera in cui è lo stesso autore a narrare, spesso in prima persona, la storia della sua vita, o di un periodo di essa particolarmente significativo. Nel caso in cui si tratti di uno scrittore, un'autobiografia può diventare...
Letteratura

Come scrivere un romanzo di narrativa

Forse senti di avere la stoffa dello scrittore e la tua testa è un vulcano pieno di idee pronto ad esplodere, ma non hai mai avuto esperienze, se non qualche abbozzato tentativo di creare un racconto; oppure credi di avere un ottimo spunto per un buon...
Recitazione

Come raccontare una storia horror

Saper raccontare una storia non è una cosa cosi semplice come può sembrare; bisogna avere una cadenza scorrevole, saper scandire bene le parole e, soprattutto, saper sfruttare i toni della voce. Specialmente se stiamo parlando di un racconto di paura,...
Letteratura

I 10 migliori libri fantasy

Chi di noi non ha mai sognato un mondo tutto suo, magari abitato da strane e magiche creature? Il genere fantasy ci permette di vedere questi sogni realizzati, attraverso la scrittura, permettendoci di dar sfogo alla nostra immaginazione e fantasia. Questo...
Letteratura

5 titoli da leggere e regalare

Se ogni volta che entrate in una libreria siete travolti dalla quantità di titoli e volumi sugli scaffali, siano questi romanzi o saggi, racconti o manuali, chiarirvi le idee su cosa acquistare, vi aiuterà a evitare di trovarvi a sfogliare volumi...
Letteratura

Come scrivere il finale di un libro horror

Scrivere il finale di un libro horror è impegnativo almeno quanto scrivere l'inizio, perché bisogna tirare le fila, scegliere le parole giuste perché rimanga memorabile.Le parole hanno una potenza evocativa grande se collocate nel punto giusto e capire...
Letteratura

Come scrivere un racconto giallo

Il racconto giallo è un genere letterario che basa la propria trama su storie di delitti, crimini e investigazioni. Edgar Allan Poe, con la pubblicazione del racconto poliziesco "I Delitti della rue Morgue" nel 1841, viene considerato l'iniziatore del...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.