Come fare un pupazzo di neve con la tecnica del turacciolo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nei periodi invernali, sopratutto nelle di giornate di neve, realizzare quei bianchi ed enormi pupazzi rallegra intere famiglie, rendendo più accogliente la fredda stagione. Spesso però in alcune regioni in cui il clima non è estremamente freddo, la bianca e candida neve non arriva quasi mai. C'è un modo molto carino però che rende felici i bambini, ovvero realizzare dei soggetti con il turacciolo. Come ben saprai creare un pupazzo di neve con la tecnica del turacciolo è estremamente semplice e ricorda molto quella degli stampini. Grazie a questa tecnica ovviamente è possibile realizzare anche tanti altri oggetti oltre al pupazzo di neve proposto nella medesima guida. L'unica cosa importante è scegliere un soggetto che abbia dei contorni chiari e soprattutto usare un turacciolo diverso per ogni colore. Se non hai mai creato un pupazzo di neve con la tecnica del turacciolo ecco in questa guida alcuni consigli che ti aiuteranno a realizzarne uno.

26

Occorrente

  • 1 foglio di cartoncino scuro
  • una matita
  • pennello acquerelli o tempera
  • colla e forbici
  • 4 o 5 turaccioli
36

Come prima cosa, con l'utilizzo di una matita disegna su un cartoncino un semplicissimo pupazzo di neve con un cappello e una scopa. Poi, inumidisci il pennello e colora di bianco il fondo circolare di un turacciolo. Se non hai a portata di mano questi strumenti, puoi in alternativa usare i colori a tempera; usando però questi colori avrai in questo caso una tinta molto più marcata rispetto a quella fatta con l'acquerello.

46

Compiuto ciò cerca di premere più volte il turacciolo sulla pancia del pupazzo di neve. Fai però attenzione ad aumentare la pressione a mano a mano che il colore sul turacciolo si consumi. In questo modo dovrai colorare tutta la pancia, fatto questo sarà necessario dipingere allo stesso identico modo la testa. Per ottenere un risultato preciso, copri le linee che hai disegnato con la matita, in modo tale da non far vedere gli schizzi.

Continua la lettura
56

Il tuo pupazzo di neve è quasi pronto, per completare il tutto, dovrai anzitutto lasciare asciugare per bene il colore, e quando quest'ultimo sarà completamente asciutto, ti occorrerà procedere prendendo altri turaccioli, creando cosi il cappello, la scopa e i bottoni con i colori che più preferisci. Se hai invece voglia di ottenere un risultato che abbia un maggiore effetto, puoi tranquillamente incollare il tuo quadretto finito su un cartoncino più grande ma di diverso colore, in modo tale da ottenere una piccola cornice larga circa 4 cm. Se non hai mai provato a realizzare un pupazzo di neve con la tecnica del turacciolo è arrivato il momento di farlo, vedrai ti divertirai parecchio! Buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizza bene i colori per ottenere un perfetto pupazzo di neve
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come dipingere la neve

Dipingere la neve è un proposito che moltissimi artisti hanno portato a termine. Basti pensare a William Turner, a Camille Pissarro o ai fratelli Limbourg per esempio. Affascinante e suggestivo, un paesaggio innevato è romantico quanto intenso e in...
Arti Visive

Come disegnare i fiocchi di neve

Disegnare è un modo per esprimere la propria fantasia e soprattutto dare voce a forme che non riusciamo a visualizzare, questo ci viene insegnato sin da piccoli negli asili e nelle scuole per arrivare a chi con attitudine naturale riesce a dare il meglio....
Arti Visive

Come disegnare la neve

Quando parliamo di pittura parliamo di una delle forme d'arte più espressive che esistano. Disegnare è un'arte intramontabile e sicuramente saranno in tanti a cimentarsi con colori e pennelli, in quanto da tale forma di disegno veniamo attratti sin...
Arti Visive

Trompe l'oeil: la tecnica

Il Trompe l'Oeil è una tecnica pittorica le cui radici risalgono all'antica Grecia. Qui il pittore Zeusi dipingeva grappoli d’uva alquanto realistici. Infatti attiravano uccelli in cerca di cibo. Sappiate che tale termine deriva dal francese. Letteralmente...
Arti Visive

Tecnica di pittura a soffio

Per realizzare dei quadri esistono moltissime tecniche di pittura che si adattano al risultato che si vuole ottenere. Tra queste varie tecniche di pittura la più divertente è sicuramente la pittura a soffio. La pittura a soffio consente di creare quadri...
Arti Visive

Come colorare un disegno con la tecnica delle texture

La tecnica della texture, chiamata anche campitura, è usata tantissimo sia dai bambini, sia dagli artisti professionisti per dare colore ai loro affreschi. Tale modo di procedere è abbastanza semplice e darà al vostro disegno un fenomenale effetto....
Arti Visive

Come Realizzare Un Grappolo D'Uva Con La Tecnica Dell'Acquerello

In modo molto rapido e creativo, otterrete un bel grappolo d'uva col quale decorare un bel quadretto. Vi consiglio di seguire le semplici ed artistiche indicazioni procedurali qui illustrate. Imparerete come realizzare un grappolo d'uva mediante la tecnica...
Arti Visive

Fotografia: come applicare la tecnica del panning

Se si desidera fotografare un bambino che ha appena imparato a camminare, un cavallo al galoppo o un'auto che sfreccia su una pista, è possibile migliorare la qualità delle foto grazie ad una semplice tecnica nota come "panning". Tuttavia, se si tenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.