Come fare un quadro con la tecnica picassiette

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa guida verranno date utili informazioni circa la realizzazione di un quadro con una tecnica molto particolare, la picassiette. Molti non sanno che è possibile decorare un oggetto, come pure dare vita ad un elemento d'arredo in modo molto semplice ma d'impatto. Esistono infatti alcune tecniche che, se eseguite correttamente e con il giusto pizzico di creatività, permettono di ottenere risultati di grande effetto. Una di queste è la strategia di cui andremo a parlare, metodo di decorazione che può anche essere applicato a uno svariato numero di superfici e di oggettistica casalinga. Attraverso questo articolo potrete scoprire tutti i dettagli e la facilità con cui si riesce a fare un lavoro di questo tipo. Prendete carta e penna e segnatevi tutto quello che vi può interessare.

26

Occorrente

  • Porcellana
  • Supporto
  • Colla
  • Tenaglia
  • Pennello
  • Spatola
  • Terracotta
36

Per poter trasporre questa interessante tecnica al quadro che abbiamo intenzione di realizzare, il primo passo sarà quello di individuare il disegno da ricreare: come è facile intuire, a seconda della nostra perizia potremo scegliere tra una particolare trama oppure lanciarci nella più complessa riproduzione di un'immagine o una fotografia a cui teniamo molto.

46

Una volta individuato il soggetto, ci premureremo di disegnarne, grossomodo, i contorni sulla superficie che abbiamo scelto quale supporto con l'ausilio di matita o carboncino. Terminata questa operazione, ci dedicheremo a procurarci le 'tessere' del nostro mosaico. Ricorreremo a pezzi di porcellana, terracotta, ceramica o anche vetro ricavati da oggetti rotti e che non usiamo più. Questo risulta essere un ottimo modo per riciclare del materiale che sarebbe destinato ad essere gettato e mai più impiegato. Serviamoci di un martelletto o di una piccola tenaglia per frantumare i piatti, facendo attenzione a ricavare 'tessere' la cui dimensione sia adeguata alla superficie che andremo a rivestire.

Continua la lettura
56

Una volta che avremo tutto l'occorrente a disposizione, come per esempio un pennello per spalmare la colla, posizioniamoci su di un piano di lavoro abbastanza ampio e cominciamo a dare vita al nostro quadro spalmando sulla superficie della malta oppure colla vinilica con una spatola. È bene tenere a mente che, a differenza del classico mosaico, questa tecnica non richiede per forza l'utilizzo di tessere dello stesso materiale: si può ricorrere a pezzi di natura eterogenea e non si deve badare troppo alla precisione quanto all'improvvisazione, dato che le eventuali 'fughe' tra una tessera e l'altra verranno coperte da un leggero strato di malta. Il resto lo faranno la fantasia e la voglia di sperimentare la tecnica con materiali sempre nuovi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Applicare un sottile strato di vernice per migliorare il lavoro

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al Duomo di Monreale

Narra la leggenda che la Madonna sia apparsa in sogno a un re, svelandogli dove si trovava il tesoro nascosto da suo padre e chiedendogli in cambio una chiesa a lei dedicata. Un così meraviglioso gioiello architettonico come è il Duomo di Monreale,...
Arti Visive

Guida ai mosaici di Ravenna

L'arte nel corso dei secoli ha assunto diverse forme e tipologie, tutte con una loro storia e una loro articolare bellezza. L'Italia rappresenta la culla dell'arte antica e moderna, definendo i contorni di una storia artistica unica nel suo genere e poliedrica,...
Arti Visive

Come disegnare le ragnatele

La natura spesso ci offre veri e propri esempi di arte. La ragnatela può essere considerata uno di essi. La sua architettura è frutto del certosino e meticoloso lavoro del ragno che segue schemi e disegni insiti nel suo DNA. Molto spesso la ragnatela...
Arti Visive

Come pulire disegni e collage

L'arte in tutte le sue forme, ed in particolar modo per quanto riguarda i dipinti, è molto amata dagli italiani ed in tanti posseggono opere più o meno pregevoli all'interno delle proprie abitazioni. Pur essendo considerati i parenti poveri dei dipinti...
Arti Visive

Come disegnare Spiderman

L'obiettivo di questa guida sarà quello di spiegare, in semplici e pochi passaggi, come riuscire a disegnare uno dei miti dei bambini, ovvero Spiderman. Affronteremo questo argomento, sia che siate dei professionisti, sia che siate dei dilettanti. I...
Mostre e Musei

Guida al Residenzschloss Dresden

Il viaggio rappresenta non il mezzo per raggiungere una meta ma a volte rappresenta lo scopo stesso di quel periodo di tempo che tutti siamo soliti chiamare vacanza. Ci ono viaggi particolari che possono coadiuvare il relax alla storia alla cultura e...
Arti Visive

Caravaggio: opere e vita

La guida che andremo a impostare si occuperà di arte. Per essere più precisi, come avrete compreso attraverso la lettura del titolo della nostra guida, ora andremo a dedicarci a un personaggio che ha fatto la storia dell'arte: Caravaggio. Andremo a...
Mostre e Musei

Giotto: le opere principali

Giotto di Bondone, forse diminutivo di Ambrogio oppure di Angiolo, è semplicemente ocnosciuto come Giotto. È nato a Vespignano, nel 1267 circa, ed è morto a Firenze nel lontano 8 gennaio 1337. È stato uno dei più famosi pittori e architetti italiani....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.