Come fare una scultura con il Das

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Das è una pasta sintetica che somiglia molto alla creta, spesso è impiegata nelle scuole perché la sua facilità di lavorazione permette ai bambini di cimentarsi in vari tipi di lavoretti e iniziare a sperimentare le proprie doti creative. Ma il Das è una pasta piuttosto versatile. Oltre a servire da materiale ludico e didattico, si presta anche a un utilizzo professionale, consentendo di raggiungere ottimi risultati.
Rispetto alla creta, il Das ha il vantaggio pratico che non abbisogna di cottura per indurirsi, infatti la semplice esposizione all’aria è sufficiente per consolidare le forme.
Grazie alla quantità di acqua contenuta nel suo impasto, la pasta sintetica del Das ha notevole morbidezza ed estrema malleabilità, di contro però richiede una lavorazione piuttosto rapida per evitare di seccarsi. È un materiale economico e facilmente reperibile in un qualunque negozio di cartoleria.
Tramite questa piccola guida spiegheremmo come fare una semplice scultura con il Das. Non spaventatevi se il compito vi sembra troppo gravoso, i passaggi sono semplici e veloci e non è da escludere che tramite la pratica arriverete a realizzare una vera e propria opera d'arte.

27

Occorrente

  • Confezione di Das
  • Bisturi di vari tipi
  • Acqua
  • Colori a tempera
  • Rete metallica
  • Filo di ferro
37

Come colorare il Das

Il Das si trova solitamente in commercio in due colorazioni: grigio-bianco e terracotta. Se però siete intenzionati a realizzare una scultura che abbia dei colori diversi o comunque preferite dare un tocco più personale al vostro lavoro, blu, verde, rosso o giallo, vi basterà usare dei colori a tempera. Mescolate i colori a tempera con il Das e aggiungete la giusta quantità d'acqua.
Attenzione però, quando il Das asciuga tende a far scolorire la tempera. Per rimediare a questo inconveniente ricordatevi di aggiungere la quantità di colore adeguata per mantenere la pasta dello stesso tono, magari dando un po’ più di vigore all’intensità, in modo da avere un risultato ottimale anche dopo l'asciugatura.
Un altro metodo per personalizzare il Das è quello di colorare il vostro manufatto da asciutto servendovi di un pennello a setole semi-rigide. Adottate una cromatura densa, poiché si tratta di una sostanza molto assorbente. Con questo secondo metodo sarà possibile ottenere un risultato più preciso anche se necessita di più tempo. Se poi la scultura dovesse presentare delle piccole pieghe o delle rientranze, basterà ripassare con il pennello più volte.

47

Come realizzare sculture di piccole dimensioni

Per realizzare la nostra scultura possiamo procedere in due modi diversi a seconda delle sue dimensioni. Se la nostra opera ha dimensioni contenute, allora è meglio optare per una scultura "piena", se invece il soggetto è molto grande allora ci orienteremmo verso dei calchi, rivestendo una sagoma della forma desiderata.
Prendiamo ad esempio la realizzazione di un viso, per plasmarne i lineamenti possiamo usare un qualsiasi oggetto sferico di adeguate dimensioni oppure un semplice uovo. Creiamo l'intera figura, diamo vita ai dettagli maneggiando attentamente la pasta ammorbidita. Durante la lavorazione, lisciamo bene la superficie con l'aiuto delle apposite spatole e acqua.
Qualora si renda necessario praticare dei tagli nel Das e perfezionare così la figura, possiamo avvalerci di diversi tipi di bisturi. Una volta terminato il lavoro lasciammo asciugare per un'intera notte in un luogo fresco e asciutto.
Le eventuali imperfezioni si possono eliminare con l’ausilio di carta vetrata se si tratta di lisciare la superficie oppure con l’impiego di stucco se invece dobbiamo riempire eventuali crepe o bolle.

Continua la lettura
57

Come realizzare sculture di grandi dimensioni

Le sculture di grandi dimensioni hanno bisogno di uno scheletro interno. Questo scheletro ha la duplice funzione di fungere da base di partenza per la modellazione e di struttura portante. Il Das pur essendo una pasta resistente, non è in grado di sopportare eccessivi carichi che possono essere dati semplicemente dal peso proprio. In questi casi quindi, la sua funzione sarà quella di rivestire lo scheletro e dare le fattezze alla nostra scultura.
Questo scheletro portante può essere creato con della rete metallica, che ha il vantaggio della resistenza e insieme della flessibilità. La rete si può modellare e poi tagliare con delle forbici apposite. Se preferite, potete usare il fil di ferro ricoprendolo con la carta stagnola.
Evitate infine che la pasta si sgretoli. Questo inconveniente può essere facilmente evitato tramite lucidatura, ripassando dello smalto trasparente dopo l'asciugatura (va benissimo anche lo smalto per le unghie, purché sia trasparente).

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lavorate velocemente la pasta per evitare che si secchi.
  • Se volete realizzare una scultura colorata, aggiungete dei colori a tempera alla pasta.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come realizzare una scultura in cera

Per tutti coloro che sono creativi la scultura è una parte fondamentale dell'arte. Diventa il coronamento naturale di tutte le espressioni fantasiose ed artistiche che uniscono l'abilità di creare a quella di dipingere o modellare. Quindi terminare...
Arti Visive

La scultura Italiana : tecniche e materiali

Questa guida, in pochi e semplici passi, espone alcune tecniche particolari e tradizionali che vengono adoperate e sono state usate nel tempo per quanto riguarda la scultura italiana. Si tratteranno i materiali utilizzati un tempo e quelli utilizzati...
Arti Visive

Scultura: i principali esponenti del 700

La scultura offre un panorama immenso di opere e artisti. Se molto noti sono il 1500 e il 1600 come periodi in cui la civiltà occidentale ha conosciuto un susseguirsi particolarmente florido di opere artistiche e scultorie, è altrettanto vero che anche...
Arti Visive

Come fare una scultura di ghiaccio

A volte, il ghiaccio può costituire un ottimo alleato per fare un gran figurone nelle feste o nelle cene con amici e parenti. Potreste infatti utilizzarlo per dare vita a un'atmosfera più sofisticata, ad esempio, attraverso sculture di ghiaccio da far...
Arti Visive

Le principali tecniche di scultura

La scultura si sa è una disciplina plastica che di solito si inizia a studiare alle superiori, principalmente al liceo artistico. Chiamata anche modellato, è una materia che vi insegnerà a utilizzare più materiali, principalmente legno e argilla....
Arti Visive

Come fare una scultura in legno

Il legno è uno dei materiali che l'uomo utilizza sin dall'antichità per realizzare delle sculture. La creatività umana ha prodotto opere fantastiche partendo da un semplice blocco di legno. Intagliare questo materiale naturale è un'arte preziosa;...
Arti Visive

Come fare una scultura in cartapesta

La cartapesta è della carta molto antica che viene ampiamente usata nella costruzione di sculture o di altri manufatti artigianali. Diciamo pure che è un tipo di materiale molto semplice da maneggiare e decisamente più economico. Generalmente viene...
Arti Visive

La scultura nell'arte greca

La civiltà greca, fu una delle civiltà più fiorenti nel campo delle arti e la produzione artistica di questo popolo è una delle più ricche e meglio conservate in assoluto. Molte opere sono infatti arrivate pressochè intatte fino ai nostri giorni,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.