Come identificare le ossa dei fossili

Tramite: O2O 27/03/2016
Difficoltà: media
14

Introduzione

Conoscere l'origine e l'evoluzione del mondo sin dagli inizi è sicuramente molto importante ed interessante. Grazie alla paleontologia, ossia la scienza che studia gli esseri vissuti in geologia, è oggi possibile attuare una ricostruzione degli eventi passati. Questo avviene soprattutto attraverso lo studio dei fossili antichi, ovvero i resti degli organismi esistiti miliardi di anni fa. Si tratta essenzialmente di resti di ogni genere: di animali, di vegetali e persino di minerali. Tuttavia quelli di animali e vegetali diventano fossili con molta meno frequenza in quanto subiscono immediatamente il processo di decomposizione, anche se alcune parti più dure come i denti o le ossa resistono maggiormente nel tempo. Solitamente i fossili si trovano nelle rocce sedimentarie, anche se è opportuno ricordare che molto raramente essi sono in grado di mantenersi integri nel tempo. Perciò in questa guida vedremo come identificare al meglio le ossa dei fossili.

24

Prima di tutto, per identificare le ossa dei fossili bisogna conoscere la chimica, la stratigrafia, l'ecologia, la topografia, ma sopratutto bisogna avere tanta esperienza: questa è la qualità più importante, perché permetterà di rendersi conto immediatamente di che tipo di fossile si tratta, insieme alla capacità di analizzare direttamente i campioni, se si tratta di specie inferiori. Se invece si vogliono riconoscere fossili vertebrati, bisogna conoscere ed avere studiato embriologia ed anatomia comparata almeno al livello basico, poiché in caso di piccoli frammenti, senza queste basi diventerebbe veramente arduo eseguire il riconoscimento.

34

Tutto questo è indispensabile per riuscire a identificare il genere, la specie e la classe di appartenenza. Potrebbe risultare molto utile anche riuscire a trovare delle schede di classificazione. Generalmente esistono quattro principali tipi di fossili: i resti originali, i resti sostituiti, i modelli e calchi, e infine le tracce. Dopo essere state identificate, le ossa dei fossili vengono datate usando diversi metodi, ma i più usati sono basati sul decadimento degli isotopi radioattivi di alcuni elementi pesanti.

Continua la lettura
44

I fattori che più di tutti rendono difficoltosa l'identificazione delle ossa dei fossili sono la deformazione dovuta all'accumulo degli strati sovrastanti, alle rotture e le fessurazioni e le erosioni, le quali fanno in modo che il loro contenuto venga sedimentato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Le 10 Barbie più famose della storia

Con il suo sorriso perenne, le sue gambe incredibilmente lunghe e la sua passione per i vestiti, la Barbie è sicuramente la bambola più famosa nel mondo. Più di un miliardo di Barbie sono state vendute dal 1959, anno in cui la pin up di plastica, alta...
Mostre e Musei

Specie di dinosauri carnivori

Nonostante siano estinti da milioni di anni, i dinosauri hanno ancora un fascino senza tempo. Gli studi riguardo questi animali preistorici non sono ancora oggi conclusi, dato che ogni nuovo ritrovamento mette in discussione studi durati anni e anni....
Mostre e Musei

I 5 musei di storia naturale più belli del mondo

Tra la moltitudine di Musei che esistono al mondo, quelli che accendono di più la fantasia e la curiosità di grandi e piccini sono senz'altro quelli di Storia Naturale. Come si può non rimanere affascinati alla vista dei grandi scheletri dei dinosauri,...
Mostre e Musei

Musei Capitolini: 10 opere da non perdere

Il complesso dei Musei Capitolini è sicuramente uno dei più importanti e rinomati musei di Roma per le straordinarie opere conservate al suo interno. Situato sul Campidoglio, sede dell’edificio comunale della capitale, il museo si compone di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.