Come imparare a suonare il mandolino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il mandolino è uno strumento musicale a corde del Seicento, che deriva dal liuto o dalla famiglia dei liuti. All'inizio aveva sei paia di corde doppie da pizzicare con le dita; ma esistono vari tipi di mandolino. Il più noto è quello classico che possiede quattro corde d'acciaio doppie e uguali a due a due, una cassa armonica e il manico da 17 o 29 tasti. Gli altri mandolini dipendono dalla loro provenienza, come quello brianzolo o catanese, mentre il milanese o il genovese barocco hanno sei corde singole in budello. La chiave di Sol è quella giusta per suonare questo straordinario strumento musicale, ma vediamo insieme come imparare a suonare il mandolino.

26

Occorrente

  • mandolino, piano/tastiera/corista per accordare, plettro
36

Il mandolino ha le corde disposte come quelle del violino. Si inizia dalla più bassa o più spessa, quindi dal suono grave fino all'acuto. Così avremo: SOL, RE, LA, MI. Prima di suonare è necessario accordare lo strumento e se si dispone di un piano o di una tastiera elettronica premere il tasto SOL e accordare la coppia più bassa con questa nota. Continuare in seguito con la coppia RE, poi LA, e MI.

46

Se si ha a disposizione lo strumento a fiato o Corista, per accordare la chitarra che produce solo il LA, bisogna procedere in questo modo: accordare con questa nota la seconda coppia di corde, per ottenere l'accordatura del paio LA. Per le prime due corde usufruire della nota che si ottiene dalla seconda corda già accordata, premendo il settimo tasto. Ecco il MI, utilissimo per accordare il MI cantino. Per la terza coppia tendere una alla volta le due corde sul settimo tasto per otterrà il LA.
La quarta è la più spessa, cioè il SOL, e per accordarla si dovrà tendere le corde una alla volta con il secondo tasto.

Continua la lettura
56

Il mandolino ora è accordato, ma ogni coppia dovrà avere lo stesso suono tra le due corde.
Bisogna essere in grado di realizzare il "trillo", cioè il suono che esce dalla vibrazione col plettro di ciascuna coppia. Per ottenere ciò procedere dall'alto in basso e viceversa, con un rapido movimento. Ed ecco il suono giusto, uguale al trillo di un campanello. Il plettro perfetto deve essere duro, da 0,8 mm e va usato tenendolo tra la prima falange dell'indice e il polpastrello del pollice. Il plettro deve inoltre sporgere di un terzo della sua lunghezza per essere usato correttamente. Per almeno mezz'ora al giorno è bene esercitarsi sul trillo per iniziare a prendere confidenza con il mandolino e con la tecnica per suonarlo. Per tutti coloro che sono mancini suonare il mandolino significa invertire le corde scambiando la posizione delle note.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per i mancini invertire la coppia di corde Mi con quella SOL e la coppia RE con quella LA
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come imparare a suonare il pianoforte da autodidatta

Gli strumenti musicali, sono sicuramente molto affascinanti e fanno parte di un mondo abbastanza complesso in cui è difficile entrare se non si impara bene a suonare il pianoforte, la chitarra, il violino o qualsiasi altro strumento. Se volete lanciarvi...
Musica

Consigli per imparare a suonare lo shofar

Lo shofar è uno strumento che si utilizza durante le festività ebraiche ed è ricavato da un corno di montone. Solitamente quando non viene usato esso resta custodito nella sinagoga. A differenza della tromba, a cui somiglia vagamente, lo shofar produce...
Musica

5 ragioni per imparare a suonare uno strumento musicale

La musica è un'arte che nutre corpo e spirito. Imparare a conoscerla è un modo per arricchire il proprio bagaglio culturale ed emozionale, ma anche per comprendere meglio se stessi. La musica tocca tutte le corde dell'animo umano, insegnando ad esprimersi...
Musica

10 buoni motivi per imparare a suonare le percussioni

La musica è vita, aiuta nella crescita e guarisce un'infinità di patologie. Insegna ad avere autostima ed a rilassarsi, oltre che facilitare la socializzazione. In particolare le percussioni, oltre a stimolare la coordinazione motoria, favoriscono il...
Musica

Come imparare a suonare l'armonica

L'armonica è uno strumento sottovalutato da molti: è piccolo, limitato, lo possono suonare tutti. Sbagliato! L'armonica a bocca può dare molte soddisfazioni e non è per nulla semplice da suonare, se vogliamo andare oltre la semplice "oh Susanna"....
Musica

Come imparare a suonare lo jambè

Lo jambè è un tamburo di origine africana, diffuso ormai in tutto il mondo. Grazie alla sua capacità di creare suggestivi e incalzanti ritmi tribali, lo jambè è utilizzato sia per accompagnare altri strumenti musicali che per suonare come solista....
Musica

Come imparare a suonare l'ocarina

L'ocarina è uno strumento piuttosto insolito da suonare, forse perché quando si parla di strumenti musicali, convenzionalmente, si pensa a qualcosa di più conosciuto, o comunque a dei dispositivi di gradi dimensioni. In realtà, esistono degli ottimi...
Musica

Come imparare a suonare il Sassofono

Uno degli strumenti musicali più affascinanti che esistano è sicuramente il sassofono, anche detto sax. Si tratta di uno strumento a fiato che è stato creato nella metà del 1800 da Adolphe Sax, da cui deriva la sua denominazione. Il sassofono è costituito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.