Come individuare il falso d’arte

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Non è falso ciò che è falso, è falso ciò che inganna. Parlando di opere d'arte, infatti, l'idea di falso è una convenzione, parte di una prassi che ci porta a considerare un'oggetto falso, non vero. In realtà un'opera materiale non può considerarsi falsa poiché, proprio per la sua esistenza fisica, è indubbiamente vera, certa. Il concetto di falso e di falsificazione, quindi, non risiede nell'oggetto, ma nell'intenzione di chi lo vende contraffacendo la firma e la realizzazione di un artista famoso. Il falso è dunque da intendersi come un oggetto realizzato con la precisa intenzione di ingannare circa l'autore e l'epoca della sua realizzazione. Se falsificato bene, "a regola d'arte", è davvero difficile accorgersi dell'inganno, tanto che anche i critici più esperti possono cadere nella trappola. Ecco allora una breve guida per individuare il falso d'arte in cui verranno spiegati le tecniche per identificare gli aspetti su cui bisogna focalizzare l'analisi. Sono essenzialmente tre: epoca, materiale e realizzazione.

25

La prima domanda che ci si pone rispetto ad un oggetto di cui si voglia verificarne l'autenticità è a che epoca risale, la sua antichità. Le tecniche di datazione sono varie, le principali sono tre: il Metodo del Carbonio 14, che è un metodo di datazione di materiali di origine organica molto utilizzato in archeologia; la Termoluminescenza, che si utilizza per identificare l'epoca di manufatti ceramici e laterizi; infine la Dendrocronologia, che, analizzando l'antichità del legno, viene utilizzata per la datazione di mobili, strumenti musicali, statue lignee e dipinti su tavola.

35

Anche lo studio dei materiali con cui è stato realizzato l'oggetto può risultare di grande utilità per individuare un falso. Un esempio è la Spettroscopia, una tecnica che consente di ottenere con facilità e rapidità informazioni sugli elementi chimici presenti nel materiale dell'opera. Nel caso di un dipinto si procede ad una datazione indiretta dei pigmenti, ma anche delle colle, delle vernici e dei leganti, per verificarne la compatibilità con il periodo storico.

Continua la lettura
45

Infine la falsità di un'opera d'arte può essere riconosciuta attraverso lo studio delle tecniche che sono state utilizzate per realizzarlo. Essenziale è dunque osservare la superficie dell'oggetto a livello microscopico per evidenziare e analizzare le tracce lasciate dagli strumenti impiegati. Ogni tecnica e realizzazione, infatti, necessita di strumenti adatti che lasciano un'impronta invisibile ad occhio nudo e che solo la Microscopia Elettronica a Scansione riesce ad individuare. Se la traccia corrisponde ad uno strumento troppo moderno per la datazione del dipinto, ecco che siamo davanti ad un falso.

55

Per concludere questa breve guida su come individuare il falso d'arte, ecco delle semplici regole che anche i meno esperti devono tenere in conto per non farsi ingannare. Innanzitutto ricorrere sempre ad un gallerista o venditore di fiducia, o comunque molto rinomato nel settore. Non fidarsi se il prezzo è troppo basso e, in caso di dubbio, rivolgersi ad un analista restauratore in grado di utilizzare tutte le tecniche precedentemente citate. Ultima regola: sempre chiedere la documentazione e un'autentica che denoti la provenienza dell'opera grazie alle quali è possibile rivalersi in caso di falso sul venditore truffatore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Breve storia dell'arte greca

L’arte greca è sicuramente una passaggio molto importante nella storia dell’arte. Insieme all'arte romana, questi due unite sono conosciute solitamente con il nome di arte classica. L’arte greca ricopre un periodo della storia abbastanza lungo,...
Arti Visive

Arte Nouveau: storia, stile e maggiori esponenti

L'Arte "Nouveau" si colloca tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 in Europa. Essa si riferisce alle arti figurative, ma anche a quelle applicate e all'architettura. In poco tempo si diffonde in vari paesi, assumendo simili caratteristiche e connotati,...
Arti Visive

Arte Romanica e Gotica

L'Italia è un paese ricco di storia, arte e cultura. Dopo l'anno mille vi fu un fortissimo fermento culturale. L'arte che all'epoca rappresentava la massima espressione del concetto di "cultura", fu ovviamente coinvolta. Negli anni successivi al 1000...
Arti Visive

L'arte celtica

Ogni qualvolta si parla di arte, è abbastanza semplice ricordare quelle più conosciute e più famose. Però sono esistiti diversi popoli che hanno diffuso, se anche per poco tempo, una nuova arte. Mi riferisco in questo caso all'arte Celtica che si...
Arti Visive

Arte nella Civiltà Mesopotamica

Con arte mesopotamica si intende l'arte sviluppatasi in Mesopotamia nel IV millennio a. C, quando l'unificazione era un intento ma ancora un miraggio. Una regione del Vicino Oriente, invasa da ogni sorta di popolo e situata nella mezzaluna fertile, ossia...
Arti Visive

Breve guida sull'arte islamica

Quando si parla di arte naturalmente si intende ogni forma proveniente dall'estro di una persona definita artista. Non necessariamente deve avere a che fare con la pittura o la scultura, ma arte può essere anche quella di strada per esempio apprezzabile...
Arti Visive

Come diventare fotografo di arte contemporanea

L'arte contemporanea, a differenza di quanto chi si affaccia sui suoi panorami per la prima volta possa pensare, si differenzia dall'arte moderna. Quest'ultima infatti si riferisce esclusivamente ad un periodo che precede i nostri tempi, posizionandosi...
Arti Visive

5 app per esplorare l'arte

Oggi è possibile esplorare l'arte direttamente da casa propria, utilizzando smartphone e tablet. Grazie alle moderne tecnologie, infatti, anche chi non può viaggiare può comunque girovagare tra musei ed esposizioni virtuali. Ci sono molte app che consentono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.