Come mescolare le tempere e creare nuovi colori

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L’arte è la forma più complessa di espressioni, che consentono di trasmettere emozioni attraverso l’ausilio di varie attività creative. L’arte visiva, può avere maggiore impatto se viene studiata e compresa in maniera più che approfondita. Come si può creare un’alta forma di espressione visiva, se non con l’ausilio dei colori? Come ottenere le varie tonalità, partendo dai cosiddetti colori primari? Ottenere nuovi colori, attraverso l'uso delle tempere non è mai stato così facile! Mescolare i vari colori, è tanto divertente quanto intuitivo.
Qui di seguito, troverete un’utile guida per immergervi nel meraviglioso mondo dei colori.

27

Occorrente

  • Tempere
  • Tavolozza
  • Pennelli
  • Fogli da disegno
  • Bicchiere con un po' di acqua
37

Per prima cosa, occorre capire il concetto di colori primari, secondari e terziari. I tre colori primari sono: rosso, giallo e blu; sono gli unici colori che non possono essere fatte mescolando altri due colori. I tre colori secondari sono: verde, arancione e viola; ciascuno di essi è una miscela di due colori primari. La loro tonalità è una via di mezzo tra i due colori primari che sono stati utilizzati per mescolarli. I sei colori terziari (rosso-arancio, rosso-viola, giallo-verde, giallo-arancio, blu-verde e blu-viola) sono realizzati mescolando un colore primario con un colore secondario adiacente. Sulla ruota dei colori, i colori terziari si trovano tra i colori primari e secondari.

47

Mescolando due colori primari, è possibile ottenere un colore secondario. Per ottenere una perfetta tonalità del colore secondario, la miscela deve poter mescolare i due colori primari in uguale proporzione. I colori secondari sono: verde, arancione e viola.

Ecco come ottenere i colori secondari:

Giallo + Blu = Verde
Giallo + Rosso = Arancione
Blu + Rosso = Viola.

Continua la lettura
57

Cosa succede se si mescola un colore primario con un colore secondario? Molto semplice quanto intuitivo, e cioè si ottiene un colore terziario. Qui di seguito, sono riportati i colori da mescolare (prima il colore primario, poi il colore secondario) per ottenere quelli terziari:

Giallo + Arancione = Giallo aranciato
Rosso + Arancione = Rosso aranciato
Rosso + Viola = Rosso violaceo
Giallo + Verde = Verde giallognolo
Blu + Verde = Blu verdastro
Blu + Viola = Blu violaceo.

67

Per ottenere un colore più chiaro o più scuro, sarà sufficiente utilizzare i due colori neutri: ovvero il bianco e il nero. Il colore neutro bianco consentirà di avere una tonalità più chiara. Viceversa, il colore neutro nero consentirà di ottenere una tonalità più scura.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il pennello deve essere utilizzato quando è umido, non va utilizzato né troppo asciutto né troppo bagnato.
  • L'acqua del bicchiere, va cambiata di tanto in tanto per evitare di lasciare residui di colore nel pennarello.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come creare tutti i colori con le tempere

Per dipingere un quadro con i colori a tempera, non occorre acquistare tutte le tonalità che ci occorrono: ti basterà acquistare i colori primari, ossia il rosso magenta, il blu e il giallo, più il bianco ed il nero. Mescolandoli tra loro potrai ottenere...
Arti Visive

Come miscelare colori ad acquarello

Gli acquarelli sono dei colori in polvere mescolati a leganti speciali che ne facilitano l'utilizzo: solitamente vengono venduti sotto forma di dischetti solidi ma in commercio ne esistono varie tipologie. L'acquarello in tubetto è più pastoso, facilmente...
Arti Visive

Come preparare il colore marrone con le tempere

Per preparare il colore marrone con le tempere occorre semplicemente conoscere un pochino la teoria dei colori primari. Questi sono il giallo, il rosso e il blu. Quando combinati tra loro, danno vita a tutte le tinte della tavolozza. Per questo motivo...
Arti Visive

Come dipingere un tramonto con le matite colorate

Quante volte vi è capitato di assistere ad un tramonto meraviglioso e sentire il bisogno di riportare quegli splendidi colori su un foglio di carta? Quante volte avete desiderato di poter immortalare quelle sfumature di rosso, di rosa e di arancione...
Arti Visive

Come preparare il colore verde con le tempere

Con i colori primari (giallo, rosso e blu), si possono andare a creare tutte le altre tinte della tavolozza e anche in modo migliore. Per preparare il colore verde con le tempere, infatti, c'è solo bisogno del giallo e del blu. Si può anche determinare...
Arti Visive

Come preparare il colore azzurro con le tempere

In tale tutorial vi spiegheremo come creare il colore azzurro usando in modo semplice i colori primari. Come è ben risaputo, tutta la gamma di colori che ci sono in natura, non sono altro che combinazioni infinite ricavate dai colori primari, che sono...
Arti Visive

Come comporre i colori da quelli primari

In natura esistono tre colori primari, ovvero colori che non possono essere realizzati, ma che sono la base dell'infinita gamma di colori presenti in natura. In più esistono due colori (non colori), ovvero il bianco e il nero che aiutano a scurire o...
Arti Visive

Come dipingere il mare

Con questa guida ci proponiamo di darvi delle dritte sulla tecnica per raffigurare, attraverso la pittura, un elemento naturale come il mare. L'arte della pittura può sembrare complessa e di certo serve grande manualità ed esperienza per ottenere buoni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.