Come organizzare una cena di quartiere

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le lunghe tavolate che spesso si organizzano durante l'estate ci fanno pensare sempre ad un ambiente allegro, in cui regna la convivialità tra abitanti dello stesso quartiere. In alcune zone si organizzano delle vere e proprie feste, durante le quali si consuma ottimo cibo in compagnia dei propri vicini di casa. Per far sì che un evento di questo tipo riscuota il successo sperato, occorre seguire alcuni piccoli accorgimenti. Con la giusta illuminazione, la disposizione dei tavoli e della buona musica, si può mettere in piedi una serata divertente, all'insegna del buonumore e dei piatti abbondanti. Andiamo dunque a vedere come organizzare al meglio una cena di quartiere seguendo le indicazioni riportate qui di seguito.

26

Occorrente

  • Vicini di casa
  • Buon cibo
  • Spazio in grado di accogliere un gruppo numeroso
  • Locandina
  • Tavoli e sedie
  • Luci e musica
36

Radunare i partecipanti

Quando si organizza una cena di quartiere, bisogna anzitutto tenere conto del numero dei partecipanti. A tal proposito, è una buona idea riunirsi e discutere a tavolino sul da farsi. Alcuni quartieri comprendono numerose abitazioni, quindi molto spesso è difficile che tutti gli inquilini riescano ad incontrarsi. Se ci sono difficoltà in questo senso, allora si può optare per una soluzione più semplice. Si potrebbe, ad esempio, parlare della cena con i portieri dei vari palazzi, oppure direttamente con l'amministratore. Se ogni palazzo ha un rappresentante, si potrà spargere la voce in modo sicuramente più ordinato. Una volta fatto ciò, è bene prendere nota di quanti saranno a presenziare alla cena.

46

Studiare un menù semplice e dividere la spesa

Dopo aver stabilito il numero dei partecipanti alla cena di quartiere, occorre pensare ad un menù che sia di gradimento alla maggior parte. Di solito si scelgono piatti semplici, magari una classica pasta al pomodoro come primo, il pollo arrosto come secondo, frutta mista e del gelato come dessert. Se poi si amano le cene ancora più rustiche, allora la protagonista è la pizza, accompagnata da supplì e antipasti fritti. Nel caso in cui si scelga un menù più "elaborato", occorre dividere la spesa tra tutti i partecipanti. Qualora invece si scelga la pizza, allora ci si può rivolgere ad un locale che prepari pizza da asporto. Ovviamente questa seconda soluzione si rivela più congeniale per gruppi non troppo numerosi.

Continua la lettura
56

Creare una locandina per rendere noto l'evento

L'ultimo step che rende l'organizzazione di una cena di quartiere completa, è la diffusione. In altre parole, bisogna informare il vicinato indicando giorno e ora dell'evento. Non dobbiamo dimenticaredi specificare anche il luogo. Spesso un evento di tale portata si organizza in ampie aree come le piazze o i punti in cui si organizza il mercato settimanale. In base al numero dei partecipanti si sceglie una zona più o meno ampia. Oltre al passaparola, torna utile una locandina che renda noto l'evento. Si può realizzare un semplice avviso con uno sfondo colorato, oppure una locandina professionale e ricca di dettagli. Se vogliamo fare bella figura, possiamo rivolgerci ad un grafico, altrimenti proviamo da soli a realizzare la locandina.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliere dei piatti che possano piacere a tutti, tenendo conto anche dei gusti dei bambini.
  • Organizzarsi insieme è la scelta migliore, quindi è sempre una buona idea consultarsi con il vicinato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

5 posti segreti da visitare a Roma

Roma è sempre una meta molto scelta dai turisti di tutto il mondo, attratti dalla sua bellezza eterna e i suggestivi scorci su un passato glorioso. Il Colosseo, i Fori Imperiali o i Musei Vaticani sono imperdibili meraviglie da visitare. Eppure esiste...
Recitazione

5 suggerimenti per creare locandine efficaci

Mettere in piedi un'opera teatrale richiede tantissimo impegno, che vorremmo fosse ricambiato da un folto pubblico. Purtroppo peró essere bravi spesso non è sufficiente: per condividere tanto lavoro con gli altri ed ottenere il meritato plauso, occorre...
Danza

Storia della danza hip pop

Il mondo della danza è molto vasto e pieno di contaminazioni. Al giorno d'oggi è possibile individuare tantissimi stili oltre alla tradizionale danza classica: abbiamo infatti la danza moderna, la danza contemporanea, la danza latina, e da alcuni decenni...
Musica

Storia della cultura Hip Hop

La storia dell'uomo, da sempre, ha posto la musica come sua accompagnatrice, ed essa ha accompagnato sia i momenti felici e sia quelli più difficili. Spesso, nella musica riusciamo a trovare un vero e proprio rifugio sicuro, dove vivere delle emozioni....
Mostre e Musei

Come visitare il Museo di arti decorative di Praga

A Stare Mesto (il quartiere della città vecchia) nell'area di Josefov si trova Il Museo delle arti decorative - Praga, per la precisione l'indirizzo è: 17. Listopadu 2, Praga 1, è possibile arrivarci tramite Metro A per Saromestskà. Potrete visitare...
Mostre e Musei

Come visitare la Galleria Palatina a Firenze

Chi è amante dell'arte e capita nel capoluogo della Toscana, non può perdersi importanti luoghi da ammirare. Uno dei siti più interessanti ed importanti da visitare a Firenze è sicuramente la Galleria Palatina. La Galleria in questione è ubicata...
Arti Visive

Guida delle opere di Gaudì

Antoni Gaudì, nasce a Reus (Tarragona), in Catalogna, ed è oggi uno dei più grandi architetti spagnoli di cui si possa fare menzione. La sua vita è costellata di lutti e disgrazie familiari, a partire dalla prematura morte del fratello Francesc, col...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del razionalismo italiano

La corrente architettonica del razionalismo si sviluppò in Italia tra gli anni venti e gli anni trenta del ventesimo secolo. Tale movimento nacque dall'idea di un gruppo di architetti: Luigi Figini, Gino Pollini, Ubaldo Castagnoli, Guido Frette, Carlo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.