Come preparare il colore arancione con le tempere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il termine colore a tempera indica colori coprenti all'acqua formati da pigmenti con sostanze leganti quali uovo, caseina, colle animali o gomme vegetali. I colori a tempera veri e propri sono raramente reperibili in commercio perché deperiscono facilmente e possono essere resi durevoli solo con aggiunta di conservanti. Ciò vale in maggior modo per la tempera alla caseina. Per questo motivo i pittori usano di norma prepararsi da soli i colori a tempera mescolando i pigmenti con un'emulsione. La denominazione di colore a tempera deriva dal verbo stemperare, cioè mescolare o diluire. La tempera più utilizzata in passato era quella all'uovo. I colori a guazzo, che trovarono vasto impiego fino al XX secolo, possono essere considerati delle tempere ma se ne distinguono per la loro composizione (pigmenti con un bianco inerte e gomma arabica o colla) che li rende più spessi e coprenti. I colori a tempera in tubo in commercio sono in realtà di frequente colori a guazzo. In Europa, fino al termine del XV secolo, i colori più utilizzati che ritroviamo su diversi supporti (sculture lignee, tavola, tela o muro a secco) sono tempere. In questa semplice e veloce guida vi spiegherò, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, come preparare il colore arancione con le tempere.

26

Occorrente

  • pennelli;
  • colori a tempera;
  • bicchiere di acqua di rubinetto;
  • panno;
  • piatto usa e getta o tavolozza;
  • fogli da disegno.
36

Prendete innanzitutto il colore magenta e versatene una piccola quantità su un piatto ed aggiungetevi il doppio di giallo. Continuate a mescolare con un pennello, finché i due colori non sono bene amalgamati e risultano omogenei. In questo modo otterrete il colore arancione della densità desiderata. Se il suo tono o la gradazione non è adatta al lavoro che desiderate svolgere, vi basta aggiungere del giallo per schiarire o del magenta per renderlo più carico. L'importante è unire alla base il colore a tempera a piccole dosi. Per schiarire potete usare anche un altro colore come il bianco.

46

Analogamente, se desiderate scurire il vostro arancione senza usare il magenta, utilizzare il nero. Questo colore però va dosato con molta parsimonia; ne basta infatti una piccola quantità per ottenere risultati molto accentuati. Preparate il colore in casa, senza usare i tubetti già pronti. Questo vi permetterà di ottenere delle tinte nuove, che si adattano perfettamente al disegno che volete colorare.

Continua la lettura
56

Dopo che avete ottenuto il colore voluto ed avete esaurito tutta la miscela preparata, non dimenticatevi di ripulire i pennelli usati con dell'acqua. Inoltre usate il pennello quando è umido. E lasciate seccare il colore sulle setole. Cambiate inoltre più volte l'acqua del bicchiere, per evitare che colori sciolti in essa a concentrazioni troppo elevate, alterino quelli che state preparando.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per non alterare le tonalità utilizzate un piatto ed un pennello che non contengano residui di altri colori, ma che siano nuovi.
  • Per non dovere gettare via tutto il composto unite sia il nero che il bianco a piccolissime dosi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come fare un mosaico a tempera

State attraversando un periodo di creatività molto particolare, desiderando di creare qualcosa di speciale, unico, originale e in modo particolare con le vostre mani, avendo bisogno di qualche indicazione che vi possa dare ispirazione? Ottimo, se avrete...
Arti Visive

Errori da evitare nell’uso delle tempere

Se avete voglia di cimentarvi in una nuova tecnica artistica che vi permetta di dipingere dei quadri meravigliosi e originali, non c'è nulla di meglio che utilizzare i colori a tempera. I colori a tempera, sono piuttosto semplici e pratici da utilizzare...
Arti Visive

Come dipingere una rosa con le tempere

Ed eccoci qui, a proporre un nuovo articolo, mediante il quale cercare di capire cosa e come dipingere, una rosa, con l'utilizzo delle tempere.ub">Sono davvero in tanti coloro i quali, amano dipingere e lo utilizzano come un vero e proprio hobby, tramite...
Arti Visive

Come creare tutti i colori con le tempere

Per dipingere un quadro con i colori a tempera, non occorre acquistare tutte le tonalità che ci occorrono: ti basterà acquistare i colori primari, ossia il rosso magenta, il blu e il giallo, più il bianco ed il nero. Mescolandoli tra loro potrai ottenere...
Arti Visive

Lavoretti per bambini con le tempere

Giocare insieme ai bambini è un metodo educativo e divertente. Renderli partecipi facendo con loro dei lavoretti insieme, è un modo per farli divertire. In questo caso si possono realizzare tantissimi lavoretti. L'idea di realizzare qualcosa insieme...
Arti Visive

Come dipingere delle strisce decorative con tempera e farina

Se in occasione di una festa abbiamo bisogno di creare delle decorazioni, possiamo farlo semplicemente riciclando fogli di carta e persino pagine di giornali o di riviste. Nello specifico si tratta di colorarle, utilizzando delle tempere e della farina;...
Arti Visive

Come preparare la tempera al tuorlo d'uovo

La tempera a uovo è un’invenzione tutta italiana ideata e perfezionata dai pittori del Quattrocento. Se ne sono serviti un po’ tutti gli artisti dell’epoca fino al Seicento per dar vita alle loro straordinarie opere. Ad esempio: Giotto ha dipinto...
Arti Visive

Come realizzare il color ghiaccio con le tempere

I colori si suddividono in due grandi categorie: i colori caldi e i colori freddi. Fanno parte del primo gruppo le tinte che suggeriscono una sensazione di calore come il rosso, l'arancione e il giallo mentre i colori freddi sono quelli che suggeriscono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.