Come riconoscere lo stile Barocco

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nel corso degli anni, sono moltissimi gli stili che hanno caratterizzato la cultura nei vari campi come quello artistico, musicale, architettonico, ecc. Se ci piacerebbe imparare a riconoscere i vari stili esistenti, per prima cosa dovremo trovare delle informazioni riguardanti lo stile di nostro interesse, in modo da poter studiare tutti i segni particolari che lo contraddistinguono e lo rendono unico. Grazie ad internet potremo facilmente trovare tutte le informazioni riguardante lo stile culturale di nostro interesse, semplicemente leggendo le moltissime guide che potremo trovare con una semplice ricerca. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a riconoscere molto facilmente lo stile Barocco. Lo stile Barocco nasce intorno al 1600 dopo il Rinascimento ed ha le sue origini a Roma. Il Barocco è la rappresentazione, in tutti le sue sfaccettature, della sfarzosità e festosità che caratterizza quell'epoca. Tutti i settori della cultura sono difatti influenzati da questo stile, sia la letteratura, sia la musica che la scultura e l'arte figurativa in genere. Anche lo stile di vita è sfarzoso e festoso, a volte addirittura esagerato.

25

Occorrente

  • conoscenze di storia dell'arte
35

L'architettura

Lo stile Barocco è la rappresentazione dell'apparire. Ovvero, in ogni forma di arte, l'apparire scavalca la realtà delle raffigurazioni, il decoro è l'elemento fondamentale. È proprio in questo periodo che apparire, far vedere le ricchezze, che c'è naturalmente in un periodo che segue la rinascita, è più importante dell'essere. Nell'architettura monumentale le forme lineari dell'arte classica vennero ben presto soppiantate da curve dall'andamento sinuoso e talvolta maestoso. Nella realizzazione di chiese si prediligeva la navata unica o la pianta centrale, ma in entrambi i casi le coperture erano rappresentate da imponenti cupole.

45

La pittura

Anche nella pittura barocca l'apparire, la bellezza ha un ruolo fondamentale. In quel periodo il maggiore committente di quadri fu la Chiesa, che, dopo una fase di allontanamento da parte dei fedeli, aveva necessità di rinforzare la fede. Quindi le chiese si riempirono di quadri ed affreschi rappresentanti soggetti fino a quel momento tenuti in disparte, come ad esempio il culto di Maria. Accanto alle chiese, anche i palazzi nobili iniziarono a riempirsi di affreschi, che in particolar modo andavano a decorare i soffitti.

Continua la lettura
55

La scultura

La scultura durante il Barocco, adornava sia palazzi che chiese. Maestose e realizzate in diversi materiali policromi, le sculture barocche rappresentavano la teatralità della vita umana. Anche qui l'elemento decorativo era la curva e in particolare il ricciolo. Lo stile Barocco è presente in molte città italiane, ricordiamo ovviamente Roma con le sue piazze e fontane, una per tutte piazza Navona, ma anche la basilica di S. Pietro o la piazza del Campidoglio. Accanto a Roma non possiamo evitare di citare Venezia, città barocca per antonomasia, dove ogni palazzo e chiesa porta con sé l'influenza dello stile Barocco.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Barocco e rococò in breve

Il Barocco e il Rococò sono due momenti distinti della storia dell'arte e dell'architettura. Essi hanno rappresentato una svolta rilevante nel gusto dell'uomo. Tale cambiamento si ripercuote nelle arti, ma anche in altri campi d'interesse culturale,...
Arti Visive

I maggiori esponenti del barocco

Il termine "barocco", deriva dal francese baroque e fu inventato nel corso del Settecento per contrapporre l'enfasi e l'esagerazione del Seicento alla razionalità illuminista. Proprio per questo, il suo stile mirava a stupire e affascinare, con l'abbondanza...
Arti Visive

Le caratteristiche più importanti del Barocco

Il termine baracco viene utilizzato per indicare un movimento culturale nato in Italia, in modo particolare a Roma, nel Seicento. Esso è costituito dalla letteratura, dalla filosofia, dalla musica e dall'arte. L'arte del Seicento è l'arte dei sentimenti...
Arti Visive

Come riconoscere gli ordini architettonici

L'architettura costituisce senza dubbio una delle materie più interessanti ed affascinanti che esistano al mondo. Tuttavia essa a volte risulta essere piuttosto complicata e non tutti riescono a comprenderla. La prima cosa di cui bisogna avere senz'altro...
Arti Visive

Come riconoscere un quadro di Picasso

Picasso è uno dei pittori più famosi del mondo. Ogni sua opera è carica di significato e tecnica per un connubio davvero unico. Un quadro di Picasso, però, non va solo visto così di sfuggita ma osservato con cura e attenzione in quanto non rispecchiano...
Arti Visive

Tintoretto: opere e stile

Jacopo Robusti, veneziano di metà cinquecento, è stato uno dei grandi pittori del Rinascimento italiano: noto al mondo come "il Tintoretto", nome che deve al mestiere del padre, pittore di stoffe, questo artista viene ricordato perché è stato uno...
Arti Visive

Arte Nouveau: storia, stile e maggiori esponenti

L'Arte "Nouveau" si colloca tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 in Europa. Essa si riferisce alle arti figurative, ma anche a quelle applicate e all'architettura. In poco tempo si diffonde in vari paesi, assumendo simili caratteristiche e connotati,...
Arti Visive

Come disegnare un volto in stile manga

I manga sono dei fumetti originari del Giappone. Negli ultimi anni sono diventati notevolmente famosi anche in Occidente. Grazie anche ai cartoni animati trasmessi quotidianamente in televisione, questo stile rappresenta una vera e propria moda. Molti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.