Come riprodurre la nebbia in un dipinto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Spesso gli amanti del disegno e della pittura non dispongono di tutte le tecniche necessarie che vengono utilizzate dai grandi maestri o dagli studenti dei Scuole d'Arte e si ritrovano in difficoltà per la realizzazione di alcuni dettagli importanti per loro. Tra le maggiori difficoltà che si possono riscontrare, troviamo prima fra tutti la realizzazione della nebbia. Invece che rinunciare a una parte così importante, con alcuni semplici trucchi e guide, si può imparare come riprodurre la nebbia in un dipinto.

27

Occorrente

  • Gessetto bianco o celeste, colori opachi.
37

Dopo aver realizzato il vostro dipinto, è sempre bene tener a mente il materiale utilizzato. Se infatti si è realizzata un'opera con matite, pennarelli, acquarelli o tempere su un foglio di carta o di cartoncino, il metodo più semplice e veloce per realizzare "l'effetto nebbia" su di esso, sarà molto semplice. In questo caso basterà impiegare un gessetto bianco o celeste. Inizialmente si deve individuare il luogo in cui posizionare la nebbia. Si può prendere spunto da foto o dalla realtà. Solitamente si può impiegare in paesaggi notturni o all'alba, in paesaggi montani, boschivi o in città. Ricordate che la nebbia non si forma mai al suolo, ma in generale a mezza altezza.

47

Una volta individuato il luogo in cui volete disegnare la nebbia, utilizzate il gessetto sul disegno. Iniziate disegnando i confini del banco di nebbia. Partendo dal centro del vostro banco di nebbia, iniziate a tracciare delle linee oblique, fate così per tutta la figura che avete realizzato, ricordando di disegnare delle linee più fitte al centro e più lontane ai bordi della figura. In alternativa potere passare in modo disordinato il gessetto all'interno della figura, ricordando sempre la stessa regola, colore più fitto al centro e più diradato verso i bordi.

Continua la lettura
57

Infine, col dito, sfumate il colore del gessetto, in modo che le linee oblique o il colore precedente, non siano più visibili. È preferibile, come detto sopra, che al centro del banco di nebbia, sia presente maggior colore, mentre sia più leggero ai bordi. Sfumate fino a che il risultato ottenuto non sia di vostro gradimento. Naturalmente la figura sottostante non deve essere coperta dalla nebbia, quindi fate molta attenzione.

67

Se il vostro dipinto è stato realizzato su una tela e con delle tempere, il gessetto non funzionerà molto bene e anzi, potreste rischiare di rovinare il tutto. Viene in vostro aiuto una tecnica vera e propria della pittura denominata " tecnica dello sfregazzo". Questa consiste nell'applicare una piccola quantità di colore opaco su una parte del vostro dipinto già asciutta e poi sfregarlo su di esso con un pennello asciutto.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tanta pazienza e voglia di imparare e divertirsi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

10 trucchi per scrivere un racconto

Secondo alcuni autori, il racconto è una via di mezzo fra la novella breve e il romanzo. Un ibrido, insomma, che non avrebbe ragione di esistere. In realtà il racconto, breve o lungo che sia, è un ottimo mezzo di comunicazione e di espressione, in...
Arti Visive

Come disegnare le montagne innevate

È assolutamente innegabile la bellezza intrinseca di una montagna innevata. Quando immaginiamo una montagna c'è sempre un po' di bianco sula cima che la caratterizza. Nel periodo invernale su molti monti nel nostro Paese (sia al Nord che al Sud) ha...
Arti Visive

Come dipingere un paesaggio montuoso

Nel corso della propria vita, ogni artista deve affrontare l'interessante sfida della raffigurazione di un paesaggio montuoso. Qualsiasi pittore ha il gusto di dipingere le montagne e i loro elementi di contorno (incluso il relativo panorama). Le maggiori...
Letteratura

Divina Commedia: guida al XXXIII Canto del Paradiso

Il XXXIII è l'ultimo canto del Paradiso e, quindi, l'ultimo dell'intero poema dantesco. Di seguito, una guida a questo canto della Divina Commedia. Ci troviamo nel X Cielo, il cosiddetto Empireo, la sede dei beati, ed è la mezzanotte del 15 aprile (alcuni...
Arti Visive

Come disegnare il fumo a matita

Il disegno essendo una forma d' arte, non possiede dei canoni ben precisi da seguire al fine di realizzare un opera in modo ottimale, ma molto si basa sulla capacità dell'artista e sulla sua fantasia ed immaginazione. Fatta questa doverosa premessa,...
Arti Visive

I maggiori esponenti del romanticismo

Il Romanticismo è un movimento culturale che si sviluppa in Germania alla fine del diciottesimo secolo: nasce in contrapposizione all'Illuminismo, che aveva dominato l'intero secolo precedente. Viene introdotto dallo "Sturm und Drang", dal quale prende...
Arti Visive

Il paesaggio nella storia dell'arte

Il paesaggio nella storia dell'arte ha avuto continui sviluppi nel corso della storia. Esso ha esercitato un grande fascino sugli artisti da sempre. Bisogna però dire che nei suoi primi sviluppi esercitava ben poca influenza, essendo considerato un elemento...
Arti Visive

Come Creare Un Dipinto Con Tempere Sulla Base Di Una Cassetta In Legno

In questa guida troverete validi suggerimenti per creare un bellissimo dipinto sulla base di una vecchia cassetta in legno. Se non avete a disposizione una buona base sulla quale dipingere con le tempere, una vecchia cassetta di legno farà al caso vostro....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.