Come scegliere il plettro per la chitarra

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Certamente non bastano i particolari per fare un buon chitarrista, perché è sopratutto una questione di talento, ma a volte i dettagli aiutano e fanno si che il risultato sia migliore. Anche nel caso della scelta del plettro, il particolare può fare la differenza sulla qualità del suono e sulla nitidezza delle note ed è quindi importante sapere sceglierlo bene. In commercio esistono numerose varietà di plettri e di materiali con cui essi sono costruiti, alcuni più sottili e flessibili, altri più spessi e rigidi, alcuni dalla forma classica, altri con forme più moderne, slanciate e curvilinee. Insomma, c'è solo l'imbarazzo della scelta. In questa guida, ci proporremo quindi di fare un po' di chiarezza in questo campo, nei prossimi paragrafi andremo infatti a vedere come scegliere il plettro per la chitarra.

24

Lo spessore

Il primo elemento da tenere in considerazione riguarda lo spessore del plettro. Le categorie fondamentali sono tre: plettri fini (thin), di spessore medio (medium) e duri (heavy). Le differenze sono profonde e la scelta dipende, oltre che dal gusto personale, dalla tipologia di chitarra che dobbiamo suonare e, soprattutto, dal modo in cui la suoniamo. Se utilizziamo accordi di accompagnamento su una chitarra elettrica od acustica è consigliabile l'uso di un plettro con uno spessore ridotto (thin). I plettri di questo tipo hanno meno attacco e ci consentono di essere più delicati in fase esecutiva. Se invece dedichiamo la nostra attenzione ad assoli e fraseggi energici, su chitarra acustica od elettrica, è importante aver un buon attacco, ottenibile soltanto con l'utilizzo di un plettro duro (heavy). La categoria medium rappresenta un ottimo compromesso per chi, durante l'esecuzione, alterna ritmica e parti soliste o per chi non ha ancora definito bene il suo stile di esecuzione.

34

Il materiale

Un altro fattore da considerare è rappresentato dalla scelta del materiale. I plettri vengono infatti costruiti con l'utilizzo di differenti composti, che vanno ad influire sul nostro grip e sulla durata fisica del plettro stesso. Un plettro con un grip basso tenderà a scivolare, rendendo difficile l'esecuzione se si hanno le mani sudate o bagnate, inconveniente che nelle esibizioni dal vivo può presentarsi con alta frequenza. Il delrex ed il tortex sono due tipologie di plastica opaca, caratterizzate da alto grip ed ottima durata. Sono consigliabili nel caso in cui si debbano eseguire partiture particolarmente veloci o si debba suonare in condizioni di elevata umidità.

Continua la lettura
44

Il gusto personale

Ultimo, ma non meno importante particolare da non trascurare è il proprio gusto personale. Molti chitarristi, anche famosi, scelgono il plettro esclusivamente in base al comfort personale, cioè lo scelgono istintivamente in base a come sono abituati e a come si sono trovati con i plettri precedenti. Se si è musicisti alle prime armi, invece è molto importante attenersi alle regole precedentemente descritte, onde evitare di ottenere suoni dissonanti o esecuzioni poco brillanti. Una volta trovato quello giusto è inoltre opportuno farne una buona scorta, perché i modelli e i materiali tendono a cambiare negli anni con una certa frequenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come si tiene il plettro

Suonare la chitarra non è difficile. È un bellissimo passatempo che con il tempo può certamente diventare anche un lavoro. Molti suonano professionalmente. Ogni musicista deve conoscere il suo strumento, è importante per suonarlo al meglio. La chitarra...
Musica

Principali differenze tra la chitarra classica e la chitarra acustica

Chi ama la musica non può fare a meno di avere almeno uno strumento musicale e saperlo suonare abbastanza bene. La chitarra è sicuramente tra i più classici degli strumenti, che è conosciuto in tutto il mondo per il suo suono particolare e per la...
Musica

Come tenere la chitarra classica

La chitarra è uno degli strumenti musicali più suonati, si può imparare a farlo da autodidatti ed è perfetta per stare in compagnia. Con essa si può accompagnare una bella canzone ed eseguire brani di qualsiasi tipo, sia da soli che insieme ad amici....
Musica

Come accompagnare con la chitarra

La chitarra è senza dubbio lo strumento musicale che più si presta ad accompagnare un canto o un solista. La base essenziale per sostenere una qualsiasi melodia è quella di riprodurre gli accordi: le sei corde della chitarra, infatti, se suonate contemporaneamente,...
Musica

Come suonare gli accordi diesis con la chitarra

La chitarra è uno degli strumenti più usati nel mondo della musica. Non passa mai di moda, ma per impararla occorre molta passione. Inoltre, invoglia molti giovani a volerla imparare. Che sia classica o elettrica, essa è in grado di conferire ad ogni...
Musica

Come Trasformare La Tua Chitarra In Un Basso

Trasformare la tua chitarra in un basso è possibile! Senza dover ricorrere a modifiche troppo 'importanti', che potrebbero danneggiare il tuo strumento, sarai in grado di costruire il tuo personalissimo basso artigianale. Nei mercatini dell'usato, possiamo...
Musica

Chitarra: la pennata alternata

La pennata alternata rappresenta una delle svariate tipologie di metodi in cui è possibile "plettrare" la corda di una chitarra. Il proprio impiego determina numerosi vantaggi e svantaggi rispetto ad ulteriori tecniche. Nella presente guida sulla musica,...
Musica

Chitarra elettrica: 10 consigli per iniziare

La chitarra elettrica è un tipo di strumento in cui la vibrazione delle corde viene rilevata da uno o più pick-up. Il segnale viene quindi prelevato all'uscita e convogliato in un amplificatore acustico affinché il suono divenga udibile. Nella guida...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.