Come scegliere la carta da disegno

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Disegnare è una di quelle passioni che ti porta a stare faccia a faccia con te stesso, con la tua immaginazione, la tua fantasia, dove escono dei pensieri che, quando messi su carta e prendono delle forme, diventano quasi metafisici. Non è semplice imparare l'arte dei pennelli o l'arte dei pastelli e, cominciare a chiedersi come scegliere la carta da disegno, per far sì che la partenza sia ottimale, costituisce già un piccolo step. Molti pensano che un materiale vale l'altro ma nel disegno, ogni particolare può fare una grandissima differenza, soprattutto quando si parla di supporto!

25

Il soggetto

Innanzitutto dovete pensare al soggetto e alla finalità del vostro disegno. Per esempio se dovete fare un progetto per una disciplina scolastica (disegno geometrico, disegno dal vero etc.) di solito è preferibile lavorare su dimensioni di fogli 33x48, non tanto per la dimensione quanto per l'uniformità della trama che, quando è distribuita su un foglio più grande di un A4, fa ottenere un risultato visivamente migliore.

35

Lo scopo

Una volta che avete pensato alla tecnica, al soggetto e allo scopo, avrete la risposta di quale carta da disegno sia la migliore per il vostro piccolo o grande capolavoro. A questo punto dovete procedere all'acquisto e non c'è niente di meglio che recarsi nei negozi specializzati, perché potrete chiedere un parere anche al venditore. I materiali elencati sopra si trovano in qualsiasi cartoleria, ma i negozi specifici a volte hanno delle carte particolari.

Continua la lettura
45

La tecnica

Subito dopo è fondamentale che voi pensiate alla tecnica. Per esempio, se disegnate con una matita sanguigna o in generale con le matite morbide (B2, B4, B6 etc.), scegliete la "carta spolvero": si tratta di una tipologia di materiale dalla filigrana color ocra chiaro e la loro trama grossolana può aiutarvi nel chiaro scuro. Se invece disegnate con le matite a mina dura (H2 o F4) per poi magari dare un effetto finale più dolce con le tempere o gli acquarelli, allora scegliete la "carta cotone": perfetta per non lasciare tracce sfumate della matita, garantisce dei tratti netti ma la capacità di assorbire il colore, rende le sfumature di tonalità tenui. Al contrario, se realizzate un disegno personale per scopo decorativo (per un quadro da appendere alla parete per esempio) potete variare con la dimensione che più vi piace, ma fate attenzione a fare delle prove su fogli che potete buttare via, per esempio scegliendo il classico "blocco da bozzetti", lo trovate in qualsiasi cartoleria ed eviterete di sprecare carta in eccesso.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Recatevi presso negozi specializzati
  • Munitevi sempre di un blocco per bozzetti

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

5 errori da evitare con le matite acquerellabili

Tra le tante tecniche di pitture esiste quella con le matite acquerellabili. Queste vengono vendute in astucci e in scatole che contengono delle vere e proprie tavolozze. Utili per mettere l'acqua nelle apposite vaschette, che in seguito serve per sfumare...
Arti Visive

Come scegliere le matite per il disegno

Molte persone sono appassionate di disegno, ed ogni giorno si affacciano a questo hobby davvero creativo e che permette di riprodurre la realta' secondo una propria visione personale. Ma per poter imparare a disegnare è necessario imparare prima le basi,...
Arti Visive

5 dritte nell'utilizzo delle matite acquerellabili

Le matite acquerellabili hanno l'apparenza di semplici pastelli, ma in realtà se aggiungete un po' d'acqua, assumono lo stesso effetto degli acquerelli, ottenendo un risultato del tutto particolare. È molto semplice utilizzarli e con qualche consiglio,...
Arti Visive

Come dipingere un vaso di fiori

La bellezza dei fiori è capace di dare vita e bellezza a molti ambienti. La presenza dei fiori rende speciale un giardino. Ma anche gli ambienti interni guadagnano in bellezza con un bel vaso di fiori colorati. I fiori in vaso sono la scelta perfetta...
Arti Visive

La classificazione delle matite da disegno

Oggi in questa guida, parleremo dello strumento più utilizzato al mondo per la scrittura ed il disegno, la matita. Questo strumento ha origine nel 1664 in Inghilterra, dove venne scoperto il primo giacimento di grafite. La grafite è l'elemento principale...
Arti Visive

Come sfumare con le matite colorate

Sia gli artisti professionisti, che gli amatori d'arte, devono avere una solida conoscenza delle tecniche di miscelazione quando utilizzano le matite colorate, se vogliono creare ombre e luci realistiche in un disegno a matita colorato. La miscelazione...
Arti Visive

Come dipingere un tramonto con le matite colorate

Quante volte vi è capitato di assistere ad un tramonto meraviglioso e sentire il bisogno di riportare quegli splendidi colori su un foglio di carta? Quante volte avete desiderato di poter immortalare quelle sfumature di rosso, di rosa e di arancione...
Arti Visive

Come disegnare a carboncino

Il disegno con il carboncino è una tecnica antica, quasi preistorica. Infatti a quel tempo veniva utilizzato del legno carbonizzato costituito da pezzettini di legno leggero lievemente bruciato. La forma artistica del carboncino è molto espressiva in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.