Come scrivere il finale di un libro horror

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Scrivere il finale di un libro horror è impegnativo almeno quanto scrivere l'inizio, perché bisogna tirare le fila, scegliere le parole giuste perché rimanga memorabile.
Le parole hanno una potenza evocativa grande se collocate nel punto giusto e capire come scrivere un finale può portare a una chiusura lunga o fatta di un solo rigo, che trasmette un'emozione tangibile a chi sta leggendo.

24

Il genere horror è di per se portatore di suspance, aspettative cariche di curiosità, ed è connaturato a un crescendo di tensione che deve in qualche modo sciogliersi nel finale.
Si possono seguire tre strade, o tattiche letterarie, per concludere uno scritto horror, che può dare soddisfazione sia al lettore che a chi scrive.
Tirare le somme del racconto vuol dire di fondo rispondere a tutte le domande che sono state lasciate in sospeso durante la narrazione. Bisogna anche dare ragione ai dubbi suscitati nel lettore, alla paura che si è fatta strada rispetto alla storia e ai personaggi e decidere se scrivere un finale liberatorio o che insinui altri dubbi e altri timori.

34

Spesso nei libri horror, e anche nei film tratti dagli stessi libri, il finale è di tipo cosiddetto circolare e, senza troppi sforzi narrativi, fa tornare il lettore al punto di partenza.
Può definirsi circolare anche un ritorno indietro nel tempo riguardo alla storia e alla vita dei personaggi con i cosiddetti "flashback". Si può anche pensare di scrivere un finale che ripeta un preciso evento facendo appello a un ciclo che si ripresenta. Questo tipo di chiusura di un libro horror potrebbe in parte deludere il lettore o lasciargli l'amaro in bocca, avendolo magari preparato a un finale diverso, o anche suscitare una sorta di rassegnazione alla potenza della storia. Tuttavia è un finale che calza a pennello per lasciare la porta aperta a un seguito, alla continuazione della storia e un'ulteriore sviluppo dei personaggi. È una porta lasciata aperta insomma sia per il lettore e per l'autore.

Continua la lettura
44

Se invece l'intenzione di chi scrive è quella di non lasciare nessun adito a eventuali sviluppi, può anche pensare a un finale cosiddetto chiuso. Tutti i dubbi vengono risolti per il lettore, tutti i personaggi trovano un senso e, anche per gli innesti soprannaturali, c'è una spiegazione altrettanto paranormale. È qualcosa che soddisfa molto il lettore, perché ha un senso di abbandono per tutta la storia fin'allora vissuta leggendo, ma può anche lasciare nostalgia per la "morte"letteraria dei personaggi, seppur figurata.
Anche un finale aperto ha senso se si vogliono lasciare dubbi nel lettore, senza in realtà una vera fine e, con un espediente letterario, il "potere" di decidere il finale. Una bella chiusura è anche il doppio finale alternativo che abbia termini letterari che prima fanno pensare a una chiusura e poi invece c'è altro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Come scrivere un libro horror

Scrivere un libro è un po' il sogno di chiunque, qualcuno lo fa per diletto, qualcuno perché vuole diventare uno scrittore famoso e raggiungere la fama che pensa di meritare. Esistono molti generi, e forse uno di quelli che più appassiona i giovani...
Letteratura

Come scrivere un romanzo horror

Un romanzo horror ben scritto porta il lettore a vivere emozioni fortissime come il terrore, la paura, l'ansia e può causargli dei terribili incubi. Un romanzo horror deve quindi trasmettere emozioni attraverso i racconti, generando nel lettore le stesse...
Letteratura

Scrivere un buon racconto horror

Appena si finisce di leggere un romanzo spesso ci si sente un po' spaesati: si vorrebbe ritornare indietro, dentro alle pagine del libro, che però purtroppo sono finite. Questo accade specialmente quando ci si immerge in una realtà fantastica così...
Recitazione

Come raccontare una storia horror

Saper raccontare una storia non è una cosa cosi semplice come può sembrare; bisogna avere una cadenza scorrevole, saper scandire bene le parole e, soprattutto, saper sfruttare i toni della voce. Specialmente se stiamo parlando di un racconto di paura,...
Letteratura

10 motivi per leggere i libri di Stephen King

Stephen King è uno degli scrittori più prolifici di sempre, con oltre 50 romanzi, 160 racconti e 400 saggi, raccolti in centinaia di libri, che gli sono valsi vendite record (oltre 350 milioni di copie vendute) e alcuni dei riconoscimenti letterari...
Arti Visive

I 10 film americani più divertenti

La storia del cinema ormai conta un numero veramente indefinibile di film, ognuno per ogni gusto e di diversi generi, drammatici, d'azione, di fantascienza, filosofici, avventurosi, fantasiosi, e anche bellissime e divertentissime commedie che sono diventate...
Letteratura

i dieci migliori racconti di Stephen King

Non c'è incubo o delirio che Stephen King non abbia esplorato con il suo talento di narratore. Non c'è regista horror che non lo abbia letto con attenzione, quando non ha basato una pellicola su uno dei suoi racconti. Non c'è appassionato dell'horror...
Letteratura

Scrivere un buon racconto Noir

Il noir è un genere cinematografico oppure letterario che racconta storie violente, paurose, raccapriccianti, che sono ambientate in tenebrose atmosfere. Il romanzo noir dovrà essere motivato in modo credibile sia come situazione originale, ma anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.