Come scrivere una lettera d'addio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Dire addio a qualcuno è noto essere difficile. Non è qualcosa che si fa tutti i giorni e spesso lo si deve fare anche contro la propria volontà, magari tradendo una promessa, o venendo costretti da cause di forza maggiore. In ogni caso, il dialogo è sempre il modo migliore di concludere un rapporto, ma questo non sempre è possibile. Scrivere una missiva d'addio non è qualcosa da fare con impeto, senza pensarci, perché con molta probabilità se si arriva a tanto è perché un rapporto per noi importante sta per cambiare in modo drastico, che sia amore, amicizia o altro. Ed è per questo che di seguito vi saranno forniti alcuni consigli su come scrivere una buona lettera d'addio.

25

Siate diretti

L'introduzione è la parte più difficile, perché definirà fin da subito l'umore del lettore. Se vi state rivolgendo ad un partner o un amico, iniziate con "mio caro" o simili andrà più che bene. Se invece non avete troppa confidenza, utilizzate la formule come "egregio signore". In ogni caso sarà opportuno evitare nella lettera d'addio le classiche domande di rito sullo stato del lettore, quindi evitate di chiedere come sta dato che il suo stato d'animo molto probabilmente cambierà proseguendo con la lettura del testo. Affinché la lettera sia efficace e non lasci spazio a fraintendimenti o ulteriori complicazioni, è bene essere diretti, sinceri e sintetici quanto basta, fornendo i giusti dettagli e spiegazioni ma evitando di andare fuori argomento.

35

Esprimete le vostre emozioni

Se la lettera di addio è per il vostro partner o per un amico esponete le vostre motivazioni in modo chiaro ma rispettoso dei sentimenti altrui, cercando di non ferire quanto possibile i sentimenti di una persona alla quale augurate sicuramente ogni bene. Cercate quindi di esprimere le vostre emozioni e sensazioni con chiarezza, senza prolungarvi troppo in ricordi o situazioni troppo intime che potrebbero far fraintendere le vostre decisioni. Se il messaggio è per un conoscente, mantenete un tono amichevole e non troppo formali. Cercate di chiarire le vostre posizioni, senza però lasciare un brutto ricordo se questo è possibile. In entrambi i casi conviene non perdere la testa a scegliere parole ricercate o di effetto, l'importante è non ferire i sentimenti di chi legge.

Continua la lettura
45

Utilizzate parole semplici

Scrivete con semplicità ciò che provate e le vere motivazioni che vi portano a tale scelta, senza rimuginare su torti o ragioni, per arrivare ad un addio del genere saranno sicuramente esistite altre occasioni di confronto. Concludere la lettera è altresì difficile. Un saluto molto semplice risulta il modo migliore per siglare la vostra missiva, seguito magari dal proprio nominativo. Conviene evitare frasi retoriche e di circostanza quali "spero di rivederti presto" o " spero di non averti ferito", poiché potrebbero risultare false e turbare in maniera irreversibile l'idea che il ricevente si sarà fatto leggendo il testo antecedente.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il messaggio è per un conoscente, mantenete un tono amichevole e non troppo formali.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

I migliori romanzi di Ernest Hemingway

Ernest Miller Hemingway (1899-1961) fu uno scrittore statunitense celebre per i suoi romanzi e i suoi racconti brevi. La sua carriera letteraria iniziò a Parigi, dove incontrò molti scrittori che divennero importanti punti di riferimento per la sua...
Musica

Solfeggio cantato: come affrontarlo

Per lo studente di conservatorio, l’esame di solfeggio cantato è uno dei più complicati da superare. Il solfeggio teorico si affronta facilmente con lo studio assiduo ed il giusto impegno, per quello parlato è necessaria un po’ di pratica, per...
Letteratura

Ernest Hemingway: biografia e opere

La letteratura è piena di scrittori che hanno lasciato il segno e che hanno trasmesso il loro pensiero fino a noi attraverso le loro opere. Tra gli scrittori più amati ed apprezzati di tutti i tempi sicuramente c'è Ernest Hemingway. Ernest Hemingway...
Letteratura

Alcesti: una guida

La letteratura ci ha consegnato durante i secoli moltissime opere che sono entrate nel cuore e nella mente delle persone. Alcuni autori poi, meglio di altri, hanno saputo raggiungere l'anima di chi li leggeva, e attraverso le parole hanno saputo intessere...
Arti Visive

Hayez: vita e opere

Francesco Hayez (Venezia 1791-Milano 1882), ultimo di 5 fratelli, è considerato il caposcuola del Romanticismo italiano. Nato in una famiglia povera (padre di origini francesi, madre veneta) viene affidato alla zia sposata con un mercante amante della...
Arti Visive

I 10 film americani più divertenti

La storia del cinema ormai conta un numero veramente indefinibile di film, ognuno per ogni gusto e di diversi generi, drammatici, d'azione, di fantascienza, filosofici, avventurosi, fantasiosi, e anche bellissime e divertentissime commedie che sono diventate...
Letteratura

Come scrivere un romanzo epistolare

Genere di successo nella letteratura del passato, così come anche in quella attuale, non costituisce affatto un esercizio semplice. Di seguito vedremo con quali tecniche e ricorrendo a quali artifici letterari scrivere un romanzo epistolare. È noto...
Letteratura

Come scrivere una lettera formale

Chi di voi, durante l'arco della propria vita, non si è trovato di fronte all'indecisione di come poter scrivere una lettera indirizzata ad un destinatario che richiedere appunto uno stile e un registro lessicale abbastanza formale? Probabilmente chiunque!...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.