Come scrivere una sceneggiatura horror

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per coloro che amano il genere Horror scrivere una sceneggiatura horror non dovrebbe essere tanto difficile. Questo genere di film hanno sempre degli elementi in comune, sangue e vittime.
Come detto scrivere la sceneggiatura dovrebbe essere semplice invece quando si inizia tutto è più difficile e complicato. Seguendo queste pratiche linee guida spero che riusciate ad avere dei punti di riferimento tali da rendere il lavoro più semplice. Come per i film comici, anche i film dell'orrore potrebbero non creare terrore o spavento, l' importante è coinvolgere il maggior numero di persone creando in loro la medesima sensazione di terrore.

25

Come scrivere una sceneggiatura horror, passo 1: scegliere il soggetto e l'ambientazione

In questa prima fase per scrivere una sceneggiatura horror, bisogna definire la scelta del soggetto, si può trattare dello scontato dualismo fra il bene e il male, oppure di un film zeppo di morti con tanto sangue. Il protagonista deve o non morire alla fine? Tutto essere poco prevedibile, capace di tenere vivo l'interesse per tutta la durata del futuro film.
Per quanto riguarda l'ambientazione bisogna cercare di essere il meno prevedibili possibile. Vi consigliamo di bandire i classici ambienti come il campeggio, la casa diroccata o abbandonata.
Qualche consiglio potrebbe essere una scuola piuttosto che un ospedale per animali.

35

Come scrivere una sceneggiatura horror, passo 2: scegliere il cattivo e decidere come morirà

Scegliere chi interpreterà la parte del cattivo non è semplice come sembra, è difficile non cadere con i soliti scontati personaggi come il soggetto sovrannaturale o il vampiro.
Bisogna cercare dei personaggi più vicini alla realtà, che in un certo momento della vita cambiano direzione scegliendo essere dei mostri a tutti gli effetti. Dopo di che si decidere se morirà e come morirà. Non è detto che debba morire si può lasciare tutto nel dubbio.

Continua la lettura
45

Come scrivere una sceneggiatura horror, passo tre : scrivere una bozza di storia

Dopo aver scelto il soggetto, il buono il cattivo e il luogo bisogna buttare giù una bozza di storia. Si consiglia non fermarsi per rileggerla ma lasciare andare la fantasia fino alla fine. Un consiglio è iniziare la storia dalla fine, scrivere a ritroso inserendo diversi colpi di scena, in modo da tener vivo sempre l'interesse evitando che la storia diventi scontata.
Affidarsi ad uno o più amici per far leggere la sceneggiatura, prendere da loro spunto annotare le loro riflessioni o i loro suggerimenti, così se riteniamo opportuno rielaboriamo la storia. Un buon racconto dell'orrore deve suscitare almeno una di queste emozioni: farti inorridire, terrorizzarti o farti venire gli incubi.
Per essere dei bravi sceneggiatori di horror bisogna leggere e scrivere molto.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Come scrivere una sceneggiatura

In questo tutorial vi spiegheremo come scrivere una sceneggiatura. Questo lavoro è abbastanza semplice. Quando vedete una commedia, oppure un film o anche molto tranquillamente un cortometraggio, non potrete immaginare minimamente che si nasconde in...
Recitazione

Come raccontare una storia horror

Saper raccontare una storia non è una cosa cosi semplice come può sembrare; bisogna avere una cadenza scorrevole, saper scandire bene le parole e, soprattutto, saper sfruttare i toni della voce. Specialmente se stiamo parlando di un racconto di paura,...
Recitazione

Come scrivere un dramma teatrale

Esistono molteplici tipi di scrittura, tra cui la scrittura teatrale. Questo tipo di scrittura rappresenta una forma d'arte che molto spesso non ha alcuna relazione con gli altri tipi di scrittura. Scrivere un dramma teatrale non è la stessa cosa di...
Recitazione

Come scrivere un monologo comico

L'arte si esprime in diverse forme e in diverse maniere, e il teatro è una di queste. Esistono diversi tipi di generi teatrali e sicuramente quello comico è il più complesso, in quanto bisogna essere arguti e divertenti per poter scrivere una storia...
Recitazione

Come scrivere un testo teatrale

Il teatro non consiste soltanto in un'antichissima e affascinante forma d'arte, ma è anche una profonda passione per un genere di recita che crea un legame immediato tra il commediante ed il pubblico: è ciò che sa bene ogni bravo attore e chiunque...
Recitazione

10 regole per scrivere un testo teatrale

Quando ci si approccia alla scrittura, si sceglie di esprimere se stessi, riportando su carta i pensieri o le esperienze personali: in ambito teatrale, un buon testo deve necessariamente seguire alcune piccole linee guida per poter risultare interessante...
Recitazione

Come scrivere un monologo

I pensieri, le parole, i sentimenti vengono riportati, in letteratura, in dei testi espressi da personaggi attraverso il "discorso" che può essere diretto o indiretto. Nel primo caso il lettore o lo spettatore riesce ad individuare con molta facilità...
Recitazione

Come realizzare un cortometraggio

In questo tutorial vi spiegheremo come realizzare un cortometraggio. Le possibilità che al giorno d'oggi l'elettronica offre nell'ambito della cattura delle immagini e dei suoni nonché del processamento, fa si che, la creazione di film o cortometraggi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.