Come simulare il pianto

Tramite: O2O 17/07/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se nella vita vorrete intraprendere la carriera di attore, uno degli step tecnici che dovrete superare sarà quello di simulare il pianto. Piangere a comando non è un'impresa impossibile, ci vuole molta concentrazione e, soprattutto, bisogna immedesimarsi all'interno della scena, in modo tale da interpretarla al meglio. Per questo, in questa guida, vediamo come simulare il pianto.

27

Occorrente

  • Collirio
  • Mentolo
  • Peperoncino
37

Lavorare sulle proprie emozioni

Il miglior modo per simulare il pianto è immedesimarsi nella stessa situazione triste descritta nella scena, magari ricollegandola a qualche fatto simile che ci possa essere successo nel passato. In questo modo, riusciremo ad approcciarci al meglio alla situazione che stiamo vivendo. Se ci troviamo in difficoltà e non riusciamo a collegare nessun fatto che possa averci colpito particolarmente, possiamo cercare d'inscenare nella nostra mente una situazione triste, magari con una persona a cui teniamo in maniera particolare. Mi raccomando, senza esagerare. La compostezza prima di tutto.

47

Utilizzare il proprio punto debole

Ognuno di noi ha un proprio punto debole, qualcosa che al solo pensiero fa colare lacrime a picco. Potete utilizzarlo per riuscire a simulare il pianto. Molte persone si emozionano semplicemente pensando a una canzone, o magari ricordando una particolare scena di un film. Anche gli episodi più felici della vostra vita possono regalarvi alcune lacrime. Basta solo scegliere il ricordo più adatto alle vostre esigenze.

Continua la lettura
57

Usare l'immaginazione

Non è detto che per simulare il pianto dobbiamo per forza pensare a un nostro evento passato che ci emoziona particolarmente. Per ottenere qualche lacrima si può anche semplicemente utilizzare l'immaginazione. Un bravo attore può ricreare nella propria mente una situazione che lo induca a un pianto facile e veloce.

67

Utilizzare la psicologia

Ci sono molte scuole di pensiero che sull'argomento, hanno pareri diversi. C'era chi consigliava il metodo psicologico, ma solo ai fini di studio del personaggio, poi una volta in scena bisognava "tirar fuori" la tecnica. Forse questo è proprio uno dei metodi migliori, cioè, cercare in fase di studio del personaggio le motivazioni che lo portano ad essere triste, in seguito con l'aiuto della tecnica, arrivare a piangere in modo controllato. Inoltre bisogna considerare anche i problemi tecnici che derivano da un pianto vero. Infatti dopo un po' che si piange il naso inizia a colare e la voce si impasta divenendo scoordinata e poco chiara, rischiando così di rovinare lo spettacolo. Resta quindi una questione di pratica, provate e riprovate la vostra tecnica guardandovi allo specchio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Recitazione: 5 regole per un pianto credibile

La recitazione è una delle più antiche e nobili forme d'arte, che da sempre affascinano l'uomo. Molti sognano di recitare in un film hollywoodiano o in una commedia a Broadway. Ma per poter recitare servono doti spiccate e rare, oltre ad anni di esercizi...
Recitazione

Recitazione: tecniche per piangere

A volte ci potrebbe essere la necessità di voler sottolineare un nostro particolare stato emotivo di tristezza, che trovi libera manifestazione nel pianto. Ci potrebbe dunque capitare di dover piangere per lavoro se siamo a teatro, ma anche di volerlo...
Recitazione

Esercizi di recitazione cinematografica

La recitazione nel cinema e quindi cinematografica, è un'arte che deve essere il più possibile spontanea e naturale; il pubblico infatti, deve essere pienamente catturato dalla scena che sta guardando e "dimenticarsi" che i protagonisti, gli attori,...
Recitazione

Come allestire una scenografia teatrale

Chi di noi non è mai stato a teatro almeno una volta nella propria vita? Un po' tutti nel corso degli anni abbiamo assistito alla messa in scena di opere famose, con scenografie pensate appositamente per quella determinata opera teatrale. Ma dietro quella...
Recitazione

5 passi fondamentali nella recitazione

Quella della recitazione è un'arte antica, solo all'apparenza semplice ma in realtà complessa e ricca di sfaccettature. Richiede molto impegno e dedizione, pertanto questa guida non potrà che fornire un piccolo aiuto all'aspirante attore dato che la...
Recitazione

Trucco teatrale per invecchiare il soggetto

Il trucco, costituisce un accessorio dalle mille sfaccettature, una ricchezza assoluta per la bellezza di ogni donna, concorre a rendere più belle, eliminando i difetti e mettendo in risalto i lineamenti caratteristici del viso, come gli occhi, o la...
Recitazione

I teatri più famosi d'Italia

"Considero il mondo per quello che è: un palcoscenico dove ognuno deve recitare la sua parte." Così scriveva Shakespeare nel suo Mercante di Venezia. Quando si parla di teatro solitamente ci si riferisce non solo alla messinscena, a quella danza delle...
Recitazione

10 consigli per interpretare un personaggio

Nel corso della propria attività di attore teatrale o cinematografico, può capitare di sovente di imbattersi in personaggi particolarmente complessi e difficili da interpretare. Mettere in pratica una vera e propria tecnica per riuscire al meglio nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.