Come tradurre le relative improprie in latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le relative improprie sono delle proposizioni subordinate che in latino possono assumere differenti valori a seconda del contesto in cui si trovano. Vediamo come tradurre le relative improprie in latino a partire dagli elementi che ci consentono di identificarle come tali. Seguite il metodo che vi illustrerò di seguito e non avrete problemi ad individuarle e tradurle nel modo corretto. Prima di procedere prendiamo una frase di riferimento: "est innocentia adfectio talis animi quae noceat nemini".

25

Come riconoscere le relative improprie

Una relativa impropria si riconosce perché costituita dai seguenti elementi: un pronome relativo che la introduce e il congiuntivo nei tempi richiesti dalla consecutio temporum. Letta l'intera frase individuate il congiuntivo e il pronome che introduce la vostra relativa impropria: attenzione il relativo (qui, quae, quod) può trovarsi in tutte le forme della flessione e sarà concordato col termine a cui si riferisce della sovraordinata.
Nel nostro caso avremo la relativa impropria: quae noceat nemini.

35

Come analizzare le relative improprie in latino

La proposizione presa ad esempio presenta una principale (est innocentia adfectio talis animi) ed una relativa impropria (quae noceat nemini) introdotta dal pronome relativo quae (nominativo singolare femminile) riferito ad "innocentia" della sovraordinata. La relativa impropria presenta il verbo al congiuntivo presente (noceat) si pone quindi con la sovraordinata in un rapporto di contemporaneità, in base alle norme della consecutio temporum. Vediamo ora come tradurre questa proposizione.

Continua la lettura
45

Come tradurre le relative improprie in latino

Per la traduzione bisogna tenere presente due cose:
-la relativa impropria segue le regole della consecutio temporum per cui ad un tempo principale della reggente corrisponde un congiuntivo presente per contemporaneità, un congiuntivo perfetto per anteriorità; ad un tempo storico della reggente corrisponde un congiuntivo imperfetto per contemporaneità e piuccheperfetto per anteriorità;
- la relativa impropria può avere valore finale, consecutivo, causale, ipotetico avversativo, limitativo, concessivo.

55

Come individuare il valore della relativa impropria

A questo punto non resta che ordinare gli elementi della frase latina e vedere quale valore è più appropriato: finale (affinché), consecutivo (così che, tale che), causale (poiché), ipotetico (se), avversativo (invece), limitativo (per quanto), concessivo (benché). La principale: "est innocentia adfectio talis animi"= innocentia (l'innocenza) est (è) adfectio (una disposizione) talis (tale) animi (dell'animo) La relativa impropria: quae (che) noceat (nuoce) nemini (a nessuno).
La nostra relativa impropria ha quindi valore consecutivo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Come individuare le proposizioni principali e subordinate in latino

Una delle materie più importanti che caratterizzano il liceo classico, è la grammatica latina. Se frequenti un istituto superiore con questo indirizzo, ti sarà capitato più volte di doverti scontrare con questa materia ostica. Infatti, nel corso dei...
Letteratura

Cosa sono i paradigmi verbali in latino

In latino, come del resto anche in italiano, i verbi appartengono a diverse coniugazioni, ognuna con le proprie caratteristiche morfosintattiche. In particolare, quattro sono le coniugazioni in latino, e capire a quale di queste un verbo appartiene è...
Letteratura

Letteratura italiana: la prosa del Duecento

Quando si parla di letteratura del duecento ci si riferisce alle prime poesie e opere scritte in lingua volgare piuttosto che in latino. Ricordiamo che la lingua latina era quella più 'acculturata' parlata soprattutto dagli uomini della Chiesa (ovvero...
Letteratura

Come scrivere il tuo nome in giapponese

Scrivere il proprio nome in lingue diverse è un'attività che affascina molti, soprattutto quando si tratta di idiomi che si avvalgono di un differente alfabeto. Però, ricorrere all'uso di un traduttore automatico rappresenta una scelta fin troppo facile....
Letteratura

Dante Alighieri: le opere

Quando si parla di letteratura italiana, Dante Alighieri è forse il primo nome che viene in mente.A buon diritto, dato che non solo scrisse opere di ineffabile bellezza e complessità stilistica, ma ha anche contribuito a spingere perché all'allora...
Letteratura

Il mito della Fenice

La Fenice è una creatura mitologica unica al mondo nel suo genere. I primi a nominare questo animale furono gli storici greci Esiodo ed Erodoto e il poeta latino Ovidio. Nel corso degli anni, però il mito della fenice è diventato sempre più forte...
Letteratura

L'Umanesimo in Italia

All'interno della guida che seguirà andremo ad occuparci di un tema molto caro agli italiani, perché ricalca parte della nostra storia. Sto parlando di storia dell'arte e, più specificatamente, di quel periodo storico-artistico conosciuto come L'Umanesimo,...
Letteratura

10 suggerimenti per apprendere più facilmente la letteratura latina

Letteratura latina: che mistero! Con tutti quei nomi difficili da imparare, quelle frasi incomprensibili e quei contenuti così lontani da quelli di oggi. Eppure, se si riflette, Plauto, Orazio e Ovidio non sono poi così diversi da noi. Basta guardarli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.