Come utilizzare la tecnica pittorica del guazzo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La tecnica pittorica del guazzo, comunemente conosciuta nel gergo artistico anche con il nome "gouache" dal francese, nasce nell'Europa del '500, si riconosce e si distingue nel panorama pittorico per originalità e delicatezza. Questo processo del gouache avviene mediante l'utilizzo di pigmenti particolari, poiché sono molto simili alle tempere acriliche ma si differenziano in quanto hanno una resa molto più leggera sulla tela, che sembra cioè quasi opaca. In passato, questa maniera veniva scambiata per pittura ad olio, per via della sua tonalità elegante e al tempo stesso non lucida, vi basti pensare che era uno dei metodi preferiti di Andrea Mantegna. Non è difficile maneggiare quest'arte, ma sicuramente occorrono delle astuzie da sapere preventivamente. In questa guida vi spiegheremo come utilizzare questa tecnica.

26

Occorrente

  • Carta cotone
  • Acquagesso
  • Colori a guazzo
  • Pennelli di diverse dimensioni e tela
36

Per usare la tecnica pittorica del guazzo occorre conoscerla meglio, in quanto a differenza degli altri procedimenti volti a dipingere, questo implica delle accortezze da fare sia prima che dopo la stesura del colore. In particolare sono due le caratteristiche che dovete tenere a mente: la prima è che per via di una pigmentazione particolare, quando andate a stendere la tonalità di colore che avete scelto sul vostro foglio, questo una volta asciugato avrà una tinta diversa. In secondo luogo è importantissimo che al tempo stesso non eseguiate troppe riprese, in quanto si formerebbero delle anti-estetiche microfessure che andrebbero a togliere l'armonia del dipinto.

46

Prima di tutto dovete scegliere un soggetto che non vi comporti troppe stesure e al tempo stesso non poche: per esempio un paesaggio naturale potrebbe essere l'ideale, mentre viene assolutamente sconsigliato il ritratto, almeno per chi è alle prime armi. La tecnica pittorica del guazzo va eseguita con molta attenzione all'inizio, per impararne bene le caratteristiche così particolari. In passato veniva utilizzata per creare bozzetti preliminari, che servivano in un secondo momento per la realizzazione di opere grandi, ecco perché viene maneggiata soprattutto da architetti e non da ritrattisti. Nell'attualità, il guazzo viene anche concesso ai restauratori per eseguire soprattutto le dorature, potreste esercitarvi anche su del mobilio quando avrete preso familiarità.

Continua la lettura
56

Quello che caratterizza la tecnica pittorica a guazzo è la sua composizione: il colore è formato da una percentuale di gomma arabica e un'altra percentuale di gesso o in alternativa di biacca. Per cercare di raggirare il problema della sua stesura mutevole e che cambia tonalità durante l'essiccazione, potete unire dell'acquapasto, ma tenete in considerazione che vi verrà un risultato più perlaceo, dovete sempre metterlo in conto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se vi piace un effetto opaco ma lucido al tempo stesso, una volta finito il quadro spruzzate da lontano della lacca per capelli.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come Realizzare Un Grappolo D'Uva Con La Tecnica Dell'Acquerello

In modo molto rapido e creativo, otterrete un bel grappolo d'uva col quale decorare un bel quadretto. Vi consiglio di seguire le semplici ed artistiche indicazioni procedurali qui illustrate. Imparerete come realizzare un grappolo d'uva mediante la tecnica...
Arti Visive

Trompe l'oeil: la tecnica

Il Trompe l'Oeil è una tecnica pittorica le cui radici risalgono all'antica Grecia. Qui il pittore Zeusi dipingeva grappoli d’uva alquanto realistici. Infatti attiravano uccelli in cerca di cibo. Sappiate che tale termine deriva dal francese. Letteralmente...
Arti Visive

Come si dipinge con la tecnica della colata

Per tutti gli amanti della pittura, della decorazione e di tantissime interessanti attività dell'ampio mondo del fai da te, questa guida fa proprio al caso vostro. Dipingere e decorare oggetti è infatti un hobby molto creativo ed interessante, con cui...
Arti Visive

Come decorare oggetti con la tecnica ebrù

L'Ebrù (dal persiano Ebru, nuvoloso, nuvola), è un'antica tecnica utilizzata per decorare la carta con deliziosi motivi e particolari chiazzature che ricordano le venature di una superficie di marmo, per questo è anche conosciuta come l'arte di marmorizzare...
Arti Visive

Come realizzare un paesaggio con la tecnica dell'encausto

Cimentarsi nella realizzazione di un quadro con un paesaggio, utilizzando la tecnica dell'encausto, potrebbe non essere così difficile. Cos'è l'encausto? L'encausto è una tecnica pittorica molto antica e di grande effetto. Questa può essere applicata...
Arti Visive

Come decorare con la tecnica trompe l'oeil

Il Trompe l'oeil è una tecnica pittorica davvero particolare e di origine antica, non si sa con precisione quando si è sviluppata, ma i primi accenni di questa tecnica si possono notare già nella Grecia antica. Deriva dal verbo francese " tromper"...
Arti Visive

Tecnica di pittura a soffio

Per realizzare dei quadri esistono moltissime tecniche di pittura che si adattano al risultato che si vuole ottenere. Tra queste varie tecniche di pittura la più divertente è sicuramente la pittura a soffio. La pittura a soffio consente di creare quadri...
Arti Visive

Come colorare un disegno con la tecnica delle texture

La tecnica della texture, chiamata anche campitura, è usata tantissimo sia dai bambini, sia dagli artisti professionisti per dare colore ai loro affreschi. Tale modo di procedere è abbastanza semplice e darà al vostro disegno un fenomenale effetto....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.