Come vincere a Traversone

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Traversone è un gioco di carte unico, per le particolari regole speculari al Tressette, e per la possibilità di riunire un gran numero di persone. È impossibile non farsi contagiare dal Traversone con tutte le sue piccole varianti, ma come si può ottimizzare il divertimento riuscendo a vincere ogni partita? In questa guida vedremo come vincere a Traversone con cinque stratagemmi e linee guida.

26

Contare le carte

Per quanto scontato, contare le carte, e dunque sapere cosa rimane di ciascun seme è uno strumento importantissimo nel Tressette così come nel Traversone. Non è neanche così difficile se ricordiamo che ciascuno è obbligato a rispondere al seme, e dunque, ricordando e prontamente escludendo chi "vola", potremmo tenere il conto di quante carte di un certo seme vengono giocate ciascun turno. Per iniziare sarebbe già un ottimo passo tenere conto di quali dei tre "carichi" sono stati giocati e quali invece rimangono in gioco, fino ad arrivare anche al punto di poter rischiare una giocata coraggiosa per la sicurezza della presenza di un carico nella mano altrui!

36

Liberarsi dei carichi a bastoni

Considerato che l'Asso di bastoni assegna ben undici punti, è vitale non prenderlo mai. La presenza di un 3 o di un 2 nella propria mano è decisamente una situazione rischiosa; ecco perché bisogna puntare a liberarsi il prima possibile di queste carte. Il trucco è tentare di finire un altro seme il prima possibile, così da poter "volare" e tirare un 2 o un 3 di bastoni... Ma non solo. Più di una volta sarà comunque conveniente, se ultimi (o quasi) di mano, prendere un giro di bastoni col proprio 2 o 3, anche a costo di fare un paio di punti.

Continua la lettura
46

Liberarsi il prima possibile del seme di cui possediamo meno

Nel Traversone più che nel Tressette è importantissima la possibilità di "volare": contando i semi nella propria mano, sarebbe perfetto riuscire a liberarsi subito di uno di essi, per poter poi "volare" non appena esso venga rimesso in gioco e liberarsi dei carichi.

56

Non lasciarsi carichi "secchi"

Un carico "secco" significa che non è accompagnato, nella propria mano, da altre carte meno importanti dello stesso seme. Dunque saremo costretti a giocarlo. Per questo motivo non è conveniente giocare carte di un seme che ci facciano rimanere a rischio con soli carichi in mano. Risulta una eloquente eccezione alla regola di liberarsi il prima possibile di un seme: occorrerà in questi casi rallentare il gioco cercando semplicemente di non essere subissati dagli altri giocatori. Questa regola risulta particolarmente importante, com'è facile intuire, nel caso dei bastoni.

66

Sfruttare le varie regole aggiuntive

Le varianti del Traversone, come di ciascun gioco di comunità, sono svariate, e prevedono simpatiche addizioni ai soli punti con le carte, alcune delle quali sono il famoso "cappotto", secondo cui un giocatore che riuscisse a prendere TUTTI i punti in gioco in una mano ne viene esentato e ne infligge 11 a tutti gli altri... Oppure, la più frequente, forse la più divertente e di sicuro la più tattica, il principio secondo cui se si riesce a raggiungere ESATTAMENTE il monte-punti dichiarato, superato il quale si uscirebbe dal gioco, si può tornare direttamente a zero punti. Per quest'ultima regola in particolare risulta addirittura conveniente puntare a fare più punti possibili una volta superata una certa soglia dopo la quale i compagni non sono più raggiungibili!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Teatro: come vincere l'ansia

Forse non lo sapete, ma alcuni tra i più grandi attori sono estremamente timidi.Lo si può notare quando rilasciano interviste, o meglio ancora quando vengono "fermati" per strada per un semplice autografo. Lo si nota da come sono schivi, dal fatto che...
Musica

Breve storia della musica rock

Se siamo degli amanti della musica sicuramente ci piacerebbe conoscere la storia dei vari generi musicali esistenti. Per fare ciò potremo cercare su internet delle guide che ci spieghino come si sono formati i generi musicali che più ci piacciono, in...
Recitazione

Recitazione: consigli per superare l'imbarazzo

Il teatro è una delle espressioni artistiche più apprezzate nel corso della storia. La sua fama deriva sia dall'impatto visivo che creano le sceneggiature nello spettatore ma anche e soprattutto dalla bravura degli attori che trovandosi in diretta davanti...
Musica

Domenico Modugno: discografia

Domenico Modugno è stato un grandissimo e poliedrico cantante italiano, un personaggio in grado di influenzare musicalmente un'intera generazione, uno tra i primi a far conoscere la musica italiana all'estero e a rendere delle filastrocche dialettali...
Letteratura

I migliori libri di letteratura contemporanea

È difficile stabilire con precisione una data d'inizio della letteratura contemporanea. Molti critici, ad esempio, sostengono che questa corrente si sia sviluppata a partire dall'anno 1944, con la pubblicazione dell'opera "Ficciones" da parte di Jorge...
Letteratura

Gli Argonauti e il vello d'oro

Tra i miti più conosciuto che restano impressi nella nostra memoria, sia perché sono stati studiati sui banchi di scuola, sia perché li abbiamo visti al cinema, troviamo certamente le avventure di Giasone e gli argonauti alla conquista del vello d'oro...
Letteratura

Opere letterarie di Massimo Gramellini

Massimo Gramellini è un celebre giornalista e scrittore italiano. Di origine torinese, ha collaborato per molti anni con il celebre giornale La Stampa e, dal gennaio del 2017 è vicedirettore ed editorialista del Corriere della Sera. In questa guida,...
Letteratura

Opere letterarie di Grazia Deledda

Grazia Deledda, scrittrice sarda vissuta a cavallo tra il XIX e il XX secolo, rappresenta uno dei pochissimi esempi femminili presenti nelle antologie scolastiche italiane. Nel 1926 vinse il Premio Nobel per la Letteratura, tuttora è l'unica italiana...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.