Come visitare il Palazzo Ducale a Venezia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se ci piace molto viaggiare e conoscere la cultura e le varie opere presenti nel Mondo e stiamo pensando di organizzare un nuovo viaggio, per prima cosa dovremo reperire delle informazioni che riguardano la nostra destinazione e che ci consentiranno di stilare un perfetto programma. Su internet potremo trovare una serie di guide che ci forniranno tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno come ad esempio tutte le opere che non potremo assolutamente perdere, dove soggiornare, come spostarsi e molto altro ancora. In questo modo potremo goderci la nostra vacanza senza rischiare di perdere tempo o di incorrere in problemi che potrebbero rovinare il viaggio. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a visitare il Palazzo Ducale a Venezia.

25

Occorrente

  • Una buona guida informativa su Palazzo Ducale a Venezia
35

Primo Piano

Visitare il Palazzo Ducale a Venezia significa fare un salto nel passato. Potremo percorrere saloni e atri decorati, potremo ammirare i sontuosi ambienti in cui, nei secoli della Serenissima, si svolgevano le attività dello Stato. L'ingresso al Palazzo Ducale avviene dalla Porta della Carta, il tragitto prosegue verso l'Arco Foscari e il patio interno, qui, potremo ammirare la stupenda Scala dei Giganti.
Salendo, si raggiunge il Piano delle Logge, percorriamo la sontuosissima Scala d’Oro ed arriviamo fino alla Sala Scudieri e a quella Grimani, si tratta degli ambienti più eleganti del palazzo. Infine, proseguiamo per visitare la sale del Magistrato, dell'Armamento e dei Cuoi.

45

Secondo piano

Accedendo al secondo piano del Palazzo Ducale, dovremo percorrere l’atrio per arrivare alla Stanza del Guariento. Tra stupendi saloni, sarà facile rimanere estasiati dall'ampiezza e dalla e magnificenza dell'intero edificio.
E non potremo certamente perdere la Stanza del Maggior Consiglio che ospita famosi dipinti di Tiziano, Tintoretto e Veronese. Emozionante la Sala della Bussola in cui, secondo la tradizione, i prigionieri restavano rinchiusi in attesa di giudizio.

Continua la lettura
55

Passaggi segreti

Se gradiamo proseguire la visita del Palazzo Ducale di Venezia, potremo inoltrarci negli itinerari segreti dell'edificio. Ricchi di fascino e di mistero, ci permetteranno di raggiungere il Salone dei Capi degli Inquisitori di Stato. Passeremo per gli uffici del Consiglio dei Dieci, fino ad arrivare alle tetre prigioni del palazzo, queste si collegano alle Prigioni Nuove, attraverso il Ponte dei Sospiri. Il ponte prende il nome proprio da questo. Secondo la leggenda, si potevano udire i sospiri dei prigionieri condotti in cella.
Potremo, infine, visitare gli ambienti dell'Armeria, oggi prezioso museo che ospita oltre duemila esemplari tra armi e munizioni. L’area presenta una sorprendente collezione di armi miste, dagli archibugi alle antichissime balestre.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Come visitare il Palazzo Reale a Vienna

Il Palazzo Reale di Hofburg si trova nella capitale austriaca, Vienna, e rappresenta una maestosa struttura Medievale che ricopre una vasta area del centro di questa metropoli. Questa si tratta di una grandiosa opera d'arte, che è stata la residenza...
Mostre e Musei

5 meraviglie poco conosciute di Venezia

Non appena il turista mette piede a Venezia, che sia la prima volta o meno, prova un senso immediato di stupore. La bellezza di questa città di merletto che galleggia sull'acqua affascina chiunque. L'assenza dei rumori tipici delle grandi città e i...
Mostre e Musei

Guida al Museo Guggenheim di Venezia

La Peggy Guggenheim Collection di Venezia è un museo situato nel Canal Grande, con sede a Palazzo Venier dei Leoni e facente parte della Salomon R. Guggenheim Foundation. Una visita al museo è non può di certo mancare a tutti gli appassionati di arte:...
Mostre e Musei

Guida al Museo di Palazzo Medici Riccardi a Firenze

Se vi ritenete degli appassionati di musei o di arte in generale, ed avete deciso di visitare il Palazzo Medici Riccardi nella città di Firenze, questa è la guida che fa al caso vostro. Grazie a questo semplice ed interessante articolo di guida potrete...
Mostre e Musei

Guida al Palazzo Mirto di Palermo

Palazzo Mirto è un palazzo nobiliare situato a Palermo tra via Merlo e via Lungarini, una zona questa che è ricca di edifici nobiliari l. Palazzo Mirto è stato una delle dimore della famosa famiglia Filangeri a partire dall'inizio del XVII secolo,...
Mostre e Musei

Guida alla Galleria Internazionale d'arte Moderna di Venezia

La penisola italiana è un Paese ricco di grandi monumenti architettonici e musei nazionali dove i turisti amanti della cultura e della storia possono ammirare le collezioni più importanti a livello internazionale. Una città ricca di cultura è senza...
Mostre e Musei

Guida al Palazzo Abatellis di Palermo

Palazzo Abatellis è uno splendido esempio di architettura gotico-catalana, costruito a Palermo nel 1495 dall’architetto Matteo Carnelivari, su richiesta di Francesco Abatellis, detto Patella (l’edificio viene infatti anche denominato come Palazzo...
Mostre e Musei

Guida alle gallerie dell'Accademia di Venezia

L'Italia è ricca di paesaggi mozzafiato e città bellissime che vale la pena di visitare almeno una volta nella propria vita. Una delle più meritevoli città italiane è senza dubbio Venezia, luogo piena di arte e cultura. Nella seguente guida pertanto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.