Come visitare il Palazzo Ducale a Venezia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se ci piace molto viaggiare e conoscere la cultura e le varie opere presenti nel Mondo e stiamo pensando di organizzare un nuovo viaggio, per prima cosa dovremo reperire delle informazioni che riguardano la nostra destinazione e che ci consentiranno di stilare un perfetto programma. Su internet potremo trovare una serie di guide che ci forniranno tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno come ad esempio tutte le opere che non potremo assolutamente perdere, dove soggiornare, come spostarsi e molto altro ancora. In questo modo potremo goderci la nostra vacanza senza rischiare di perdere tempo o di incorrere in problemi che potrebbero rovinare il viaggio. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a visitare il Palazzo Ducale a Venezia.

25

Occorrente

  • Una buona guida informativa su Palazzo Ducale a Venezia
35

Primo Piano

Visitare il Palazzo Ducale a Venezia significa fare un salto nel passato. Potremo percorrere saloni e atri decorati, potremo ammirare i sontuosi ambienti in cui, nei secoli della Serenissima, si svolgevano le attività dello Stato. L'ingresso al Palazzo Ducale avviene dalla Porta della Carta, il tragitto prosegue verso l'Arco Foscari e il patio interno, qui, potremo ammirare la stupenda Scala dei Giganti.
Salendo, si raggiunge il Piano delle Logge, percorriamo la sontuosissima Scala d’Oro ed arriviamo fino alla Sala Scudieri e a quella Grimani, si tratta degli ambienti più eleganti del palazzo. Infine, proseguiamo per visitare la sale del Magistrato, dell'Armamento e dei Cuoi.

45

Secondo piano

Accedendo al secondo piano del Palazzo Ducale, dovremo percorrere l’atrio per arrivare alla Stanza del Guariento. Tra stupendi saloni, sarà facile rimanere estasiati dall'ampiezza e dalla e magnificenza dell'intero edificio.
E non potremo certamente perdere la Stanza del Maggior Consiglio che ospita famosi dipinti di Tiziano, Tintoretto e Veronese. Emozionante la Sala della Bussola in cui, secondo la tradizione, i prigionieri restavano rinchiusi in attesa di giudizio.

Continua la lettura
55

Passaggi segreti

Se gradiamo proseguire la visita del Palazzo Ducale di Venezia, potremo inoltrarci negli itinerari segreti dell'edificio. Ricchi di fascino e di mistero, ci permetteranno di raggiungere il Salone dei Capi degli Inquisitori di Stato. Passeremo per gli uffici del Consiglio dei Dieci, fino ad arrivare alle tetre prigioni del palazzo, queste si collegano alle Prigioni Nuove, attraverso il Ponte dei Sospiri. Il ponte prende il nome proprio da questo. Secondo la leggenda, si potevano udire i sospiri dei prigionieri condotti in cella.
Potremo, infine, visitare gli ambienti dell'Armeria, oggi prezioso museo che ospita oltre duemila esemplari tra armi e munizioni. L’area presenta una sorprendente collezione di armi miste, dagli archibugi alle antichissime balestre.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Andrea Mantegna: vita e opere più importanti

Andrea Mantegna è uno degli artisti più importanti nella scena dell'arte italiana che va dalla fine del Medioevo all'inizio dell'Età Moderna. L'eco delle sue ricerche si espanse per tutto il Rinascimento, coinvolgendo addirittura artisti come Leonardo...
Recitazione

I teatri più famosi d'Italia

I teatri sono dei particolarissimi edifici, all'interno dei quali vengono messe in scena delle rappresentazioni teatrali di prose ed altri tipi di spettacoli che riguardano varie forme artistiche come la danza, la musica, la poesia, ecc.Tuttavia anche...
Mostre e Musei

La certosa di Pavia

Tra le innumerevoli attrazioni turistiche di Pavia, una che sicuramente occupa un posto di notevole importanza è il monastero della Certosa. Esso è situato nell'omonimo comune distante da Pavia circa 9 Km ed anticamente, prendeva il nome di "Torre del...
Mostre e Musei

Le cattedrali della Puglia

Nei secoli del medioevo la geografia artistica della Puglia coincide con la rete delle cattedrali, centri di spiritualità e baluardo di realtà urbane vive e operose. Cattedrali ma anche grandi chiese monastiche o basiliche santuario, realtà nelle quali...
Arti Visive

Sandro Botticelli: vita e opere

La guida in questione si occuperà d'arte, andando a concentrarsi sull'artista Sandro Botticelli, di cui tratteremo una breve biografia per porre dei punti fermi sulla sua vita, e poi le sue opere principali. Sandro Botticelli aveva come nome reale Alessandro...
Arti Visive

Guida all'arte del Bramante

Donato Bramante è una delle figure di primo piano dell'arte italiana del Rinascimento. Le prime opere di questo valente architetto furono create a Milano e comprendevano il complesso di Sant'Ambrogio e la chiesa di Santa Maria delle Grazie. A Roma, il...
Mostre e Musei

I 5 musei più interessanti d'Italia

L'Italia è il paese con il più alto numero di siti inclusi nella lista del patrimonio dell'umanità. Tra le tante meraviglie che caratterizzano da nord a sud lo stivale italico, questa lista ha l'arduo compito di individuare i 5 musei più interessanti...
Arti Visive

Come disegnare una gondola

All'interno di questa guida, andremo a dedicarci all'arte del disegno. Nello specifico, parleremo di gondole. Proveremo a dare tutte le indicazioni, tutti i consigli giusti, per provare a semplificarvi il tentativo di disegnare una gondola. Vi auguro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.