Concetti chiave del Cubismo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Cubismo è un movimento artistico che nacque all'inizio del '900 a Parigi, e precisamente a Montmartre. Esponenti principali furono Pablo Picasso e Georges Braque. Il nome cubismo non fu scelto dagli esponenti di questo movimento, ma venne adottato in seguito ad un'osservazione non proprio benevola di Matisse che, guardando alcuni dipinti di G. Braque, disse "Sembrano fatti di piccoli cubi"; a rincarare la dose contribuì L. Veuxcelles che li definì con intento non proprio bonario "bizzarrie cubiste". Vediamo in sintesi quali sono i concetti chiave del Cubismo.

27

Abolizione della prospettiva

Le leggi della prospettiva tradizionale imponevano all'artista la scelta di un unico punto di vista. Nel Cubismo invece, rompendo la convenzione dell’unicità del punto di vista, gli oggetti venivano ripresi da differenti angoli visuali simultaneamente, con caratteristiche scomposizioni e ricomposizioni dell’oggetto.

37

Introduzione della quarta dimensione

Mentre fino a quel momento l'immagine naturalistica limitava la rappresentazione dell'oggetto ad un solo punto di vista e quindi ad un solo istante della percezione, il Cubismo introdusse per la prima volta la quarta dimensione, o dimensione temporale. Per poter vedere un oggetto da più punti di vista (abolizione della prospettiva) era necessario che la percezione avvenisse in un tempo prolungato e non in un solo sguardo: i piani venivano quindi accostati o addirittura sovrapposti sulla tela senza un ordine preciso.

Continua la lettura
47

Limitazione del colore

Il Cubismo diede risalto alla forma e ai volumi anche limitando il colore. Nelle prime due fasi (Cubismo analitico e Cubismo sintetico) i dipinti furono tendenzialmente monocromatici: i colori infatti vennero ridotti essenzialmente alle tonalità del grigio e dell'ocra. Solo successivamente verrà introdotto un cromatismo più vivo, a cui si aggiunsero elementi eterogenei come caratteri tipografici e ritagli di giornale.

57

Rinuncia alla rappresentazione diretta degli oggetti

Nel Cubismo la pittura non venne più considerata come una mera visione e rappresentazione della realtà: infatti, secondo i cubisti la realtà non passa solo attraverso la retina ma deve passare anche attraverso il nostro cervello. I pittori cubisti dipingevano non solo ciò che vedevano, ma anche quello che "sapevano" in base all'esperienza e alla memoria.
Le immagini venivano quindi scomposte per comprendere la struttura delle cose e rappresentate attraverso una geometria elementare.

67

Identificazione del soggetto

L'individuazione del soggetto è spesso ardua nelle opere cubiste. Questo è dovuto proprio al processo di scomposizione in piani e di disintegrazione delle forme: non esistono più sfondo e soggetto come entità separate, perché sfondo e soggetto hanno la stessa importanza, così come non c'è diversità fra colore e luce.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

I maggiori esponenti del cubismo

All'inizio del '900 diversi pittori francesi cominciarono a riprendere i loro soggetti da varie angolazioni simultaneamente, riportando sopra la tela anche i dettagli degli oggetti di cui loro erano già a conoscenza. Il risultato fu veramente sorprendente...
Arti Visive

Cubismo in breve

L'arte contemporanea risulta costellata di tendenze e movimenti che si susseguono tra loro a velocità siderale. Nel giro di pochi anni si può assistere ad un vero e proprio stravolgimento delle concezioni tradizionali, in favore di un'avanguardia che...
Arti Visive

Cubismo: storia, stile e maggiori esponenti

Il Cubismo nasce in Europa in seno alle avanguardie artistiche: non è un movimento organico, con un vero e proprio manifesto, ma piuttosto una visione comune che unisce artisti spagnoli (in primo luogo Picasso) a altri di origine francese. Pone alle...
Arti Visive

I periodi dell'arte di Picasso

La storia dell'arte contemporanea in Europa si arricchisce di nomi alquanto influenti, ciascuno dei quali ha dato un importante contributo allo sviluppo di una o più correnti. L'Ottocento e il Novecento sono i secoli del cambiamento. Le Avanguardie si...
Arti Visive

Guida alle opere di Chagall

Marc Chagall nacque a Vitebsk nel 1887 e morì nel 1985 a St. Paul de Vence. Fu un famoso pittore russo, frequentò l'Accademia di Belle Arti Russa sotto l'egida del maestro Nikolaj Konstantinovic Roerich. Nel 1908 esordì con opere che inizialmente si...
Arti Visive

Le principali caratteristiche delle opere di Picasso

Pablo Picasso, pittore, scultore, litografo e, come lui stesso amava definirsi, "anche un poeta", è spesso preceduto dalla sua stessa fama. Il suo straordinario ed indiscutibile genio pittorico è iconizzato nel brand del tuo nome. Proprio come una pop...
Arti Visive

Le migliori opere di Picasso

L'arte contemporanea si compone di diverse correnti. In riferimento al movimento artistico cubista, le prime figure che ci vengono in mente sono Georges Braque e Pablo Picasso. Quest'ultimo in particolar modo ha segnato in maniera significativa un'epoca...
Arti Visive

Pablo Picasso: vita e opere

Pablo Picasso è stato uno dei pittori più significativi del Novecento, è la sue opere sono universalmente riconosciute. Fu un artista mutevole e attraversò molti stili, la sua vita fu lunga ed avventurosa. Il suo nome è legato in particolar modo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.