Consigli per disegnare a matita

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Disegnare è la tua passione, ma credi di non essere abbastanza bravo? Non desistere, hai tutte le carte in regola per diventare un eccellente disegnatore. Certo, è innegabile che alcune persone dispongono di una componente innata, il cosiddetto talento, che rende il percorso di apprendimento più facile, ma è altrettanto vero che, con studio ed impegno, tutti possono arrivare a risultati più che eccellenti. Rimbocchiamoci le maniche, allora, è scopriamo quali sono i consigli di base per iniziare a disegnare a matita, che si riveleranno utili anche quando si sarà raggiunto un livello più avanzato.

26

Scegliere il soggetto da ritrarre

Questo primo consiglio può sembrare banale, ma vi assicuro che non lo è: prima di iniziare a disegnare, è indispensabile scegliere con cura il soggetto da ritrarre, focalizzandoci su cosa vogliamo o non vogliamo rappresentare nel nostro disegno. Avere le idee chiare sin dall'inizio su quali saranno i soggetti della nostra composizione, ci permetterà di gestire meglio lo spazio a disposizione e di scegliere la tecnica più appropriata.

36

Scegliere la matita da utilizzare

Prima di iniziare a disegnare, occorre selezionare gli strumenti da lavoro: non tutte le matite sono uguali, e gran parte del risultato finale dipende, oltre che dalla mano dell'artista, anche dalla sua matita. In linea di massima, possiamo dire che le matite sono contrassegnate dalla lettera B, che ne è indica la tonalità: maggiore è il numero che precede la lettera, più scuro sarà il tratto ottenuto: una matita 3B, ad esempio, lascerà un tratto più marcato di una matita 2B. La lettera H invece indica la durezza della mina: in questo caso, più alto è il numero che precede la lettera, maggiore è la durezza, e quindi minore è lo spessore del tratto; una matita 5H avrà un tratto più sottile e definito di una matita 2H.

Continua la lettura
46

Scegliere il tipo di carta

Quanto detto per le matite, vale anche per i vari tipi di carta: non tutti i fogli sono uguali, e non tutti possono essere utilizzati indifferentemente tra loro. Certo, se siete ancora agli inizi è inutile spendere troppo tempo e denaro alla ricerca della carta perfetta: una buona scelta è la carta Bristol, economica e adatta ad un gran numero di stili.

56

Utilizzare la gommapane

Uno degli errori più frequenti dei principianti è sporcare il foglio da lavoro nel tentativo di cancellare una parte del disegno: più che alla goffaggine del disegnatore, tale evento è dovuto all'utilizzo dello strumento sbagliato. Per cancellare un tratto a matita, infatti, è preferibile utilizzare la gommapane invece che quella classica, perché la prima tende a sporcare di meno e, modellandosi, riesce a raggiungere anche i punti più difficili.

66

Lavarsi spesso le mani

Come già detto, sporcare il proprio disegno può trasformare un capolavoro in un foglio da buttare via: se non volete correre questo rischio, prendetevi una pausa di tanto in tanto e approfittatene per lavarvi le mani. Sebbene spesso non ce ne accorgiamo, quando disegniamo le nostre mani si sporcano, e il rischio di macchiare il foglio è sempre dietro l'angolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come disegnare una rosa a matita

Disegnare è da sempre la forma d'arte più apprezzata. Fin dalla sua comparsa sulla terra l'uomo ha sentito il bisogno di comunicare e trasmettere informazioni sulla propria vita, consentendoci così di capire meglio cosa avveniva in passato, e la prima...
Arti Visive

Come disegnare il fumo a matita

Il disegno essendo una forma d' arte, non possiede dei canoni ben precisi da seguire al fine di realizzare un opera in modo ottimale, ma molto si basa sulla capacità dell'artista e sulla sua fantasia ed immaginazione. Fatta questa doverosa premessa,...
Arti Visive

Come disegnare un volto a matita

Il disegno è un'arte che non tutti sono in grado di esprimere. Specialmente se volete fare un ritratto artistico, occorre fare molta pratica e seguire delle tecniche. Alla base di tutto questo deve esserci un certo talento naturale, che può essere in...
Arti Visive

5 trucchi veloci per disegnare un volto a matita

Le persone sono uno dei principali soggetti che vengono ritratti nell'arte pittorica e quindi nel disegno. Probabilmente l'elemento più importante del corpo umano è il viso, che è essenziale saper disegnare con le giuste proporzioni. Se vi state avvicinando...
Arti Visive

Consigli per disegnare un volto

Disegnare è una delle passioni di molte persone e soprattutto di molti bambini che cominciano a tracciare con la loro matita e con i loro colori moltissimi disegni di vario tipo. Disegnare e creare qualcosa di veramente perfetto, non è sicuramente facile...
Arti Visive

Consigli per disegnare il chiaroscuro

Il chiaroscuro è una tecnica della pittura ad olio che risale all'epoca del Rinascimento. Nacque infatti nel XVI secolo grazie al Caravaggio che, con i suoi capolavori, riesce ad attrarre come una calamita lo sguardo dell'osservatore di tutti i tempi,...
Arti Visive

Consigli per disegnare a mano libera

Disegnare a mano libera non è un arte che riesce a tutti. C'è chi lo farebbe anche ad occhi chiusi e chi si ritiene un negato assoluto.Gli artisti che riescono in questa impresa quasi sempre non sono nati con il talento, ma esercitandosi sono migliorati...
Arti Visive

Come realizzare un ritratto a matita

Sin dai tempi della preistoria, l'uomo utilizzava la pittura per comunicare. Basta pensare alle più antiche pitture rupestri, che venivano realizzate nelle grotte o sulle pareti delle caverne. Col tempo questa pratica si è evoluta ed è diventata vera...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.