Consigli per la pittura a gouache

Tramite: O2O 08/09/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'arte pittorica prevede l'uso di una serie di tecniche che si sono perfezionate nel corso dei secoli. Alcune di esse, come ad esempio la gouache, era adottata per l'abbozzo di piccoli quadri che sarebbero stati riprodotti su tele più grandi mediante l'uso dei colori ad olio. Attualmente la medesima tecnica viene insegnata nelle accademie delle belle arti o utilizzata nelle ore di artistica, e la stessa è adoperata soprattutto per riprodurre quadri più grandi, e non solo semplici bozzetti. Simile alla tempera e all'acrilico, la pittura a gouache si differenzia da entrambe per una serie di elementi, fra cui l'uso di un pigmento bianco ricavato da elementi naturali (come il gesso o il bianco di zinco), e la caratteristica opaca del colore essiccato che conferisce al quadro un'atmosfera ovattata. Di seguito vedremo alcuni consigli su come utilizzarla al meglio.

27

Utilizzare un supporto rigido su cui dipingere il quadro

Molte guide presenti su internet ricalcano il principale difetto della tecnica "a guazzo", ossia quello di frantumarsi in microfessure una volta che i colori si siano essiccati. Ciò pare sia dovuto alla pastosità degli stessi e al fatto che molti quadri vengono dipinti a più riprese passando uno strato superiore non appena quello sottostante si sia asciugato. Le tele di lino hanno inoltre la capacità di allargare e restringere le maglie in base alle condizioni climatiche, e ciò a lungo andare potrebbe lesionare il lavoro finito. Basterà quindi usare un supporto rigido, come del cartone o del legno, oppure passare uno strato di imprimitura prima di abbozzare il quadro, preparando una miscela di gesso e acqua spennellata ed asciugata. L'imprimitura farà assorbire i colori e renderà rigida la tela di lavoro.

37

Ispessire il colore con l'acquapasto

Se invece il quadro dovrà essere realizzato necessariamente a più riprese (ad esempio per creare giochi di luci ed ombre) esistono alcune tecniche che consentono di ispessire il colore rendendolo robusto dopo l'asciugatura. Tra quelle annoverate la più gettonata è quella che utilizza l'acquapasto, ossia un prodotto sotto forma di gel che andrà diluito assieme al colore prescelto. Il medesimo dovrà essere mescolato anche con gomma arabica per ottenere un colore robusto, ma la percentuale di acquapasto varia in base alla miscelazione dei pigmenti.

Continua la lettura
47

Impiegare toni leggermente scuri

La tecnica del gouache richiede dimestichezza e padronanza nell'uso dei colori. Tra complementari e primari il pittore sa quale tonalità utilizzare in base alla luce e alle ombre. Il guazzo, oltre ad essere opaca, è una tecnica che schiarisce i pigmenti una volta essiccati, ragion per cui il risultato finito potrebbe apparire surreale rispetto all'idea iniziale. Quindi, se si volesse colorare in maniera precisa un elemento oggetto del dipinto, si consiglia di usare una tonalità leggermente scura rispetto al colore predefinito, in modo tale che il tono, perdendo vivacità a lavoro completato, acquisti la sua effettiva gradazione.

57

Schiarire le tinte sfruttando il bianco

Nonostante siano colori solubili, quelli del guazzo si differenziano dall'acquerello proprio perché l'uso dell'acqua non schiarisce il tono. Tutt'altro. Come avviene per la pittura ad olio, nella gouache le sfumature chiare possono ottenersi solo miscelando pigmenti bianchi o, secondo le varie tecniche, toni chiarissimi come il giallo o il panna. L'uso del bianco conferisce luminosità al dipinto, mentre i colori tenui ricreano le zone chiare, come ad esempio la facciata di una casa colpita dal sole o la parete rocciosa di una montagna. La percentuale di pigmento varia a discrezione dell'artista.

67

Evitare il contatto dei colori con l'umidità

Proprio perché solubili, i colori del gouache possono sciogliersi a contatto con l'acqua anche se essi sono asciutti. Il che permetterebbe di modificare e riprendere il dipinto in fase di lavorazione, ma potrebbe generare un disastro se il lavoro fosse finito. Una volta completato il quadro è buona norma passare uno strato di lacca protettiva spruzzata lentamente e possibilmente a distanza. Anche la conservazione del quadro richiede accortezza. Un luogo umido come un lavatoio o una cantina potrebbe compromettere l'intera fatica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

5 consigli per una buona pittura ad olio

Tra le varie tecniche pittoriche, la pittura ad olio è quella che può regalare maggior soddisfazione soprattutto per la sua capacità di creare sfumature ricche e sature. Anche se la pittura ad olio può essere facilmente corretta in caso di errori...
Arti Visive

Come La Pittura Con Il Latte

La pittura di latte si usa dai tempi dei nostri bisnonni e veniva usata soprattutto per i mobili in legno. Totalmente naturale ed ecologica, è adatta tanto per mobili non trattati o nuovi come per quelli restaurati. Le quantitá che propongo permettono...
Arti Visive

Come usare la luce in pittura

Dipingere è una passione che accumuna moltissime persone. Molti si avvicinano a questa arte per hobby, volendo ricreare su carta immagini e anche pensieri. Tuttavia, se si vuole approfondire la tecnica della pittura, è bene partire da buone basi e da...
Arti Visive

Tecniche di pittura ad acquerello

La pittura ad acquerello è un tipo di pittura fresca e divertente, amata soprattutto dai bambini, ma non solo. Spesso essa viene pubblicizzata come una tecnica adatta ai principianti che decidono di avvicinarsi alla pittura, ma in realtà questa è...
Arti Visive

Come scegliere i pennelli per la pittura ad olio

La pittura ad olio è un bellissimo modo per passare il tempo, ma può anche essere una vera e propria passione. Per poter dare vita all'arte della pittura è necessario scegliere accuratamente i pennelli. Infatti ciò che è davvero indispensabile per...
Arti Visive

Pittura con spatola: caratteristiche

Ognuno di noi ha le sue passioni e le coltiva quando possibile. Anche lavorando tanto ed avendo poco tempo disponibile, nessuno vuole rinunciare ai propri hobby. Tra i passatempi che esercitano molto fascino rientra sicuramente quello della pittura, adorata...
Arti Visive

La pittura a tempera: strumenti e tecniche

La pittura a tempera è una delle forme artistiche più antiche: era infatti giá utilizzata da Egizi, Greci e Romani. Il nome deriva dal latino “temperare” ovvero mescolare. Per tempera si intende infatti quella tecnica che usa pigmenti in polvere...
Arti Visive

Guida alla pittura su tela

Fin da quando l'uomo ha memoria, la principale fonte di comunicazione e scrittura è stata la pittura. Agli albori l'uomo era solito lasciare traccia di se raccontando le proprie gesta attraverso curiose ed utili pitture rinvenute in antiche caverne e...