Cosa sono gli armonici naturali

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Prima di tuffarci nell'ambito degli armonici naturali è importante definire in generale cosa sono gli armonici. Un suono armonico è un suono che appartiene alla serie delle armoniche ovvero di quei suoni che accompagnano i suoni fondamentali. Si dividono in armonici naturali ed armonici artificiali.

28

Occorrente

  • Conoscenza base della teoria musicale
38

Le armoniche

Gli armonici naturali, o armoniche, sono tutti i suoni che vengono prodotti da un corpo vibrante. Ad esempio, quando pizzichiamo una corda oppure pigiamo il tasto di un pianoforte e andiamo a far vibrare la corda tramite la percussione data dai martelletti, produciamo un suono armonico. Tali suoni non possono definirsi puri ma sono la conseguente di un insieme di suono fondamentale unito a tutti gli altri suoni più acuti che si generano e che l'orecchio umano con difficoltà percepisce.

48

Il timbro

Ma a cosa servono questi suoni armonici? Innanzitutto un armonico naturale è un elemento fondamentale per definire il timbro di uno strumento e per andare a definire gli intervalli musicali, e come abbiamo detto sono costituiti da un'amalgama di suoni e vengono regolati da principi fisico-matematici.

Continua la lettura
58

Il moto armonico

Il suono come ben sappiamo è un'onda ed i suoni armonici corrispondono ai possibili modi di oscillazione di un corpo, producendo il moto armonico e creando, dato l'insieme di armonici naturali uniti al suono fondamentale, una serie armonica naturale. La scala degli armonici naturali non è una creazione umana quanto più una condizione già esistente in natura; è quindi esplicabile con delle formule fisiche che qui cercherò di illustrare in maniera semplice. Data una frequenza f, la serie armonica che si genera naturalmente è la successione dei suoi multipli interi (f x 1, f x 2, f x 3, ecc). Ovvero, le vibrazioni che si sommano alla linea del suono fondamentale suddividono la lunghezza d'onda in multipli interi.

68

Non solo corde

Il discorso affrontato nel passo precedente non vale solo per gli strumenti a corda ma come abbiamo detto è lo stesso per ogni corpo vibrante. Il principio vale quindi per l'aria che vibra all'interno di tubi o canne (come gli ottoni o l'organo da chiesa) ma anche per la voce umana; la vibrazione delle corda vocali ed il successivo sviluppo del canto armonico permette di mettere in risalto in maniera nitida molti armonici principali. Questo diviene fisicamente fattibile riuscendo a filtrare i suoni parziali presenti naturalmente in un suono e cercando di amplificare i singoli toni armonici. Ciò è possibile con l'utilizzo di filtri risonanti che amplificando certe zone dello spettro armonico rendono questi suoni più nitidi.

78

Guarda il video

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come Accordare la Chitarra Utilizzando gli Armonici

Molte volte capita di dover improvvisare qualche canzone insieme agli amici con una chitarra recuperata all'ultimo minuto. Il problema maggiore in questi casi, anche per non fare brutta figura con chi ascolta, è riuscire ad ottenere una buona qualità...
Musica

Lezioni di chitarra: giri armonici a corde libere

Chi è appassionato di strumenti musicali sa bene che essi, per essere suonati nel modo migliore, necessitano di tanta pratica e buona volontà. Una delle prime cose che si imparano durante le lezioni di chitarra sono i giri armonici a corde libere. Nella...
Musica

Come creare un giro armonico

I giri armonici sono una performance a discrezione del musicista e possiamo trovarli sui libri di teoria con il nome di "Turn Around". Per crearli, in parte ci basiamo su quattro accordi, non casuali, ma ben precisi: ossia sul I, sul II, sul IV e sul...
Musica

Come scegliere un rullante in metallo

La batteria, il noto strumento musicale, è composta da piatti e tamburi e più precisamente da grancassa, timpani e rullante. Questa tipologia di complesso risale al diciannovesimo secolo, ebbe origine negli Stati Uniti d'America e fece le sue prime...
Musica

Come improvvisare e suonare una chitarra elettrica

Per prima cosa bisogna dire che, improvvisare con una chitarra, sia essa elettrica che classica, richiede la conoscenza dello strumento e la capacità di suonare, bisognerà avere ben chiare in mente, le concezioni di base: scale principali, giri armonici,...
Musica

Come ottenere diverse sonorità da un rullante

Con il termine rullante, si intende uno strumento musicale, costituito da un fusto generalmente in legno o metallo, e da due pelli tenute in tensione e fissate ad esso mediante due cerchi. Solitamente è il tamburo principale che costituisce una batteria...
Musica

Come si tiene il plettro

Suonare la chitarra non è difficile. È un bellissimo passatempo che con il tempo può certamente diventare anche un lavoro. Molti suonano professionalmente. Ogni musicista deve conoscere il suo strumento, è importante per suonarlo al meglio. La chitarra...
Musica

Come scegliere un pianoforte

Il pianoforte è uno fra gli strumenti musicali più dolci e armonici che si possa intraprendere a studiare. Parlando di pianoforte classico possiamo distinguerlo in verticale e a coda, in entrambi i casi il suo funzionamento è determinato dall'azione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.