Danze popolari e tradizionali in Italia

Tramite: O2O 24/06/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il ballo è una forma di espressione artistica sempre molto apprezzata dall'essere umano. Le sue origini sono antichissime e ancora oggi è una disciplina che accomuna persone di tutte le età, etnie ed estrazione sociale. In Italia in particolare, esistono diversi gruppi folcloristici composti da ballerini non necessariamente professionisti, che soprattutto portano avanti le tradizioni regionali, tra cui le danze popolari. Queste hanno origini arcaiche e rappresentano usi e costumi, canzoni e canti, tradizioni, sapori e colori tipici di ogni luogo. Le danze popolari vengono sempre accompagnate da musici che utilizzano anche strumenti artigianali o tipici del luogo e ogni regione italiana ha anche più generi di danze folcloristiche. Conoscerle ed apprezzarle ci può aiutare a comprendere meglio le sfaccettature di ogni comunità e di seguito scoprirete le danze popolari e tradizionali più conosciute in Italia.

28

Occorrente

  • Abbigliamento comodo per le prime lezioni
  • Abbigliamento folcloristico a tema per le manifestazioni e le esibizioni
  • Spazio adeguato
  • Musica inerente alla danza tipica
  • Un insegnante ben preparato soprattutto per le prime lezioni
38

Nord Italia

Le danze tradizionali italiane sono infinite e cercheremo, in questo articolo, di presentarvele suddivise per zone. In particolare nel Nord Italia sono ancora in uso i balli tipici tirolesi, da sempre originari della zona di Trento, Rovereto, Bressanone e Bolzano. Si tratta di balli conviviali, estremamente allegri e che coinvolgevano tutta la comunità montana; il momento migliore per esibirsi era durante i banchetti tradizionali, ricchi di leccornie, dolci tipici e vin brûlé. In Piemonte invece sono diffusi i balli detti delle Valli Occitane, anche questi allietavano le feste di paese. La musica tipica è caratterizzata tuttora dal suono all'armonica a bocca, del clarinetto, del violino e del classico organetto. In Emilia Romagna invece i balli tipici sono definiti balli staccati e si discostano un po' dalla tradizione piemontese e montana descritta prima. In Romagna infatti le danze folcloristiche prevedono tutta una serie di passi arricchiti da saltelli e si ballano in gruppo o in coppia, dando vita a figure suggestive e molto coreografiche, come la quadriglia ad esempio.

48

Centro Italia

Nel Centro Italia invece, tra le danze più popolari, troviamo le cosiddette saltarello e trescone. Il saltarello è maggiormente diffuso nelle regioni del Lazio, Molise, Umbria e Marche. Si tratta di un ballo di coppia che si esegue su una musica detta proprio saltarello. I passi originali erano stati messi da parte, ma grazie al lavoro minuzioso di alcuni studiosi, negli ultimi anni sono state svolte ricerche minuziose e le vecchie danze sono state riprese da gruppi folcloristici locali. In Toscana, invece, è presente il trescone, nato inizialmente come danza unicamente maschile e solo dopo aperta alle donne. Questo tipo di ballo vanta origini addirittura medioevali e si pensa che dall'anno mille fu introdotto in Germania, secondo alcune fonti e documenti storici. Il trescone è citato anche da Dante e Boccaccio e con questo termine viene identificato anche un canto tradizionale. Infine, questo ballo è eseguito anche in Lombardia, in Umbria, in Veneto ed in Romagna, anche se non tipico di queste regioni italiane.

Continua la lettura
58

Sud Italia

Infine, nell'Italia del Sud e nelle isole come la Sardegna, troviamo altrettante danze folcloristiche e degne di nota, ballate ancora oggi nelle manifestazioni popolari. I balli più caratteristici e conosciuti sono la tarantella, la tammurriata, la pizzica e i balli sardi. La tarantella è quella sicuramente più conosciuta: è una danza tradizionale del luogo e si diffuse maggiormente in Epoca Borbonica, cioè durante il Regno delle due Sicilie. Il nome deriva da taranta, (altro nome della danza stessa), ossia tarantola, un ragno molto velenoso. Il morso di questo aracnide, secondo le tradizioni popolari, provocava convulsioni, agitazione e sofferenza morale e infatti la danza è caratterizzata da movimenti sincopati che ricordano questi sintomi. Alla tarantella si ricollega la pizzica, una variante con ritmi molto più accesi e da sempre usata come rituale per guarire le donne morse dal misterioso ragno. La tammurriata è invece tipica della Campania ed è allietata dal suono delle tammorre, ossia dei tamburelli.

68

Le isole

Abbiamo già citato alcuni balli tipici della Sicilia, una delle isole italiane, ma oltre a lei spicca anche la bella Sardegna. Qui le danze tipiche e folcloristiche ancora in uso vengono chiamate semplicemente balli sardi. Questi hanno origini addirittura preistoriche e venivano eseguiti attorno grandi falò. I danzatori si tenevano per mano e danzavano formando grandi cerchi: secondo alcune immagini rupestri le danze duravano fino all'alba. Esistono poi sottogruppi di danze popolari, ciascuna tipica di una determinata zona della Sardegna come: ballu tundu, che richiama la tradizione preistorica descritta prima, passu torrau, cioè a passo ritornato. Infine ballu seriu, il passo posato in sostanza e tanti altri presenti in altrettanto zone dell'isola. Alcune danze folcloristiche sarde si ballano esclusivamente in gruppo, altre prevedono momenti in coppia alternati a figure simili a quelle della quadriglia o di altre danze tipiche italiane. Ad oggi tutte queste danze sono utilizzate nelle manifestazioni e rappresentazioni storiche.

78

Regione per regione

Abbiamo fatto una panoramica sulle danze popolari più celebri ed ancora eseguite nel Nord, Centro Sud Italia e isole. Ora elencheremo tanti altri ballo folkloristici regione per regione. Partendo dall'alto ecco quelle di tipo tirolese, come la Schuhplatter tipica del Trentino Alto Adige, di Bressanone, Bolzano e Trento. In Veneto invece è d'uso comune scatenarsi nella Friulana, ancora oggi danza presentissima nelle manifestazioni di tutta la regione e si balla sia in coppia che in gruppo. In Piemonte invece è tipica la Manfrina o Monferrina, che presenta anche influenze della polca a saltini e notevoli passi di coppia e da eseguire in cerchio. In Emilia Romagna sono famosissimi e ancora re delle balere e delle sagre i balli staccati, il cui movimento principale è il saltello fatto in coppia o in gruppo e ben si sposa con l'accompagnamento musicale dell'organetto, chitarra e violoncello. Nelle Marche, Lazio, Molise e Umbria è il Trescone il ballo tipico, una danza nata come prettamente maschile e di origini toscane, che poi è diventata anche un rituale di corteggiamento e si ballava, come ora, in coppia. In Puglia e nel Regno delle Due Sicilia ecco che spicca la Tarantella. Nelle città sicule ne esistono anche di tantissime varianti e non mancano quella salentina, campana e calabrese. La Tammuriata invece è un'altra danza tipica della Campania, che si eseguo su sottofondo di brani cantati dal vivo. Tipica della Puglia è anche la Pizzica, variante della tarantella ed infine in Sardegna regnano i balli sardi, che risalgono all'epoca preistorica.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le danze folcloristiche sono un vero patrimonio italiano e ballandole o approfondendo l'argomento scoprirete qualcosa in più sulla nostra terra e sulla popolazione.
  • Non scoraggiatevi se all'inizio sarà complicato apprendere i passi: ci vuole allenamento, pazienza e un buon insegnante.
  • Partecipate alle saghe e feste di paese per apprezzare dal vivo le danze tipiche italiane.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Come ballare la tarantella calabrese

La tarantella calabrese è una particolare danza che ha origini antichissime. Essa risale a rituali anche abbastanza complessi del tarantismo, un fenomeno convulsivo che porta a movimenti molto particolari, tipici di questa danza. Questo fenomeno isterico...
Danza

Imparare la jumpstyle

Se siamo affascinati dal mondo della danza al punto da volerne praticare uno, per riuscirci potremo o frequentare apposite scuole di ballo, o in alternativa per risparmiare qualcosa, potremmo cercare di imparare da soli. Su internet troveremo tantissime...
Danza

Origini e storia del tango argentino

Il Tango argentino è un'espressione artistica e popolare, la cui diffusione si ebbe verso la fine dell'800 soprattutto nei bassifondi e nelle case di tolleranza. Le sue origini e la sua storia si ricollegano all'utilizzo di uno strumento antico progettato...
Danza

Breve storia del balletto

La danza è una forma d'arte che ha sempre fatto parte della storia umana dai tempi più antichi. Dai rituali dedicati alle divinità fino allo spettacolo di intrattenimento, il ballo ha assunto diverse valenze nel corso dei secoli che si sono declinate...
Danza

Breve storia della danza jazz

Se siamo degli amanti della danza, per riuscire ad apprezzarla e comprenderla correttamente, dovremo necessariamente conoscere la sua storia. Su internet potremo trovare tantissime guide ed articoli che trattano i vari periodi storici anche nel campo...
Danza

Come scegliere una scuola di ballo latino americano

Moltissime persone nell'ultimo decennio si sono appassionate ai balli latino americani e hanno finito per riempire le scuole di danza di tutto il paese. La genesi di questo trend in aumento va ricercata nello stile sensuale tipico di queste danze che...
Danza

Come ballare la mazurca

La Mazurca è un ballo di coppia appassionante che trova le sue origini nei balli tradizionali polacchi. Giunta nei nobili salotti parigini nei primi del '800 ha subito coinvolto i cittadini francesi che se ne sono impossessati facendola divenire una...
Danza

Le 5 regole per una ballerina perfetta

Una buona ballerina, a qualsiasi genere musicale essa appartenga, è in grado di trasmettere a chi la osserva tutto il trasporto, l'amore e la bellezza che la danza racchiude in essa. Ma per poter ottenere questi fantastici risultati, il cammino è molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.