De Chirico: le muse inquietanti

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

De Chirico (1888 - 1978) fu un importante esponente della pittura metafisica. Pittore e anche scrittore, nacque in Grecia da genitori italiani. Suo padre, Evaristo, era ingegnere ferroviario. Sua madre, Gemma, era una donna ricca e benestante di Genova. Studiò e si spostò molto, prima al Policlinico di Atene, poi all'Accademia delle belle Arti di Firenze. Si trasferì ancora all'Accademia di Monaco di Baviera. Durante la sua vita entrò in contatto con molte realtà sociali e culturali. Assimilò il più possibile da questi nuovi contatti e lo trasferì sulle sue opere. A Firenze dipinse il suo primo lavoro di metafisica, "l'Enigma di un pomeriggio d'autunno". Tra il 1917 e il 1918 dipinse "Le Muse Inquietanti", uno dei suoi lavori più rilevanti.

25

Ne "Le Muse Inquietanti" di De Chirico troviamo più figure e oggetti simbolici. Le due statue in primo piano presentano un volto senza occhi o lineamenti. Secondo alcune interpretazioni, ciò rappresenterebbe i poeti dell'età classica. Lo spazio è urbano, aperto, in cui vediamo oggetti apparentemente sconnessi dal contesto. Sullo sfondo troneggia il Castello Estense di Ferrara. Questa città fu molto importante per De Chirico. È sia il luogo in cui nacque la pittura metafisica sia la città di una sua importante crescita personale. In ombra, sulla destra, vediamo una statua dalle fattezze maschili.

35

Il contesto urbano di piazza presenta una curiosa pavimentazione. Le assi sembrano in legno e puntano verso il Castello Estense e la fabbrica accanto. Il tutto come se non fossero sullo stesso piano. La fabbrica appare inattiva, così come il castello sembra vuoto o disabitato. L'atmosfera è calma, silenziosa e del tutto irreale. La statua in primo piano volge le spalle a chi osserva. Diversamente, la seconda statua guarda verso la fonte di luce. La testa è ai suoi piedi e non presenta particolari lineamenti riconoscibili. Nella mitologia classica, le Muse erano protettrici delle arti. De Chirico trasforma le sue Muse in creature "inquietanti", che intendono guidare chi le invoca al di là dei grandi misteri.

Continua la lettura
45

Nelle opere di De Chirico, specialmente in questa, non è molto rilevante il concetto di tempo. Si va oltre lo spazio-tempo da noi percepito e l'autore condensa tutte le sue esperienze di vita in un unico contesto temporale. Passato e futuro hanno poco peso e si respinge la "superbia" dell'attualità. La convinzione che il presente abbia un valore superiore in quanto porta verso il futuro. Ciò che influenzò l'arte di De Chirico risiede nei molti riferimenti culturali, sociali e geografici che egli fece propri durante le sue molte esperienze. Un altro esempio di questo approccio di De Chirico si può percepire ne "Il figliol prodigo", opera del 1922.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida alle opere di Giorgio De Chirico

Giorgio De Chirico è un artista vissuto nei primi anni del novecento che con la sua "pittura metafisica" ha messo per la prima volta l'inconscio dell'artista al centro delle opere. La sua pittura, infatti, ha posto le basi per la corrente surrealista...
Arti Visive

Giuseppe De Nittis: biografia e opere

All'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazione della biografia e delle opere di Giuseppe de Nittis, un pittore di origini italiane appartenente alla corrente compresa tra i periodi del Verismo e dell'Impressionismo italiano; periodi storici...
Arti Visive

Come scegliere il soggetto per un quadro

I colli lunghi di Modigliani, le forme tonde di Botero, i paesaggi urlanti di Munch, gli orologi molli di Dalì. Gli artisti hanno, da sempre, uno stile unico e inconfondibile. Scegliere il soggetto per un quadro è difficile e molto delicato. Il pittore...
Arti Visive

Costumi e maschere teatrali

Il teatro è una forma antichissima di rappresentazione che affonda le sue radici nell'epoca dei romani e dei greci. Uno dei simboli più caratteristici delle rappresentazioni teatrali sono sicuramente i costumi e le maschere, che giocano un ruolo di...
Arti Visive

Guida al cinema di Stanley Kubrick

Stanley Kubrick è sicuramente uno dei più importanti registi del XX secolo. Tutto ciò grazie soprattutto ad un particolare linguaggio cinematografico, con una capacità fuori dal comune di raccontare tramite le immagini. Nato a New York il 26 luglio...
Arti Visive

10 suggerimenti per le fotografie in spiaggia

Scattare fotografie è ormai un'attività quotidiana per tantissime persone. Il merito va certamente agli smartphone, la cui diffusione è in continua crescita. La fotografia è una forma d'espressione molto comune, specie tra i giovani. Ma ciò non significa...
Arti Visive

Guida all'arte di Antonello da Messina

Il Rinascimento italiano è un periodo storico ricco di arte e di letteratura. Uno dei maggiori esponenti dell'arte rinascimentale è sicuramente Antonello Da Messina. Il suo vero nome è Antonio di Giovanni de Antonio ed è stato un pittore siciliano...
Arti Visive

Come dipingere quadri etnici

L’Africa è da sempre luogo in grado di ispirare e fornire molte forme artistiche. Sebbene molto variegata le diverse arti africano hanno come fattore comune la religione, lo spiritualismo e la fede locale. Questi principi sono quelli che ispirano molti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.