Differenze tra teatro greco e romano

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'origine del teatro occidentale, come lo conosciamo è senza alcun dubbio riferibile alle forme drammatiche sorte nell'antica Grecia, così come sono di derivazione greca le parole teatro, scena, tragedia, dramma, coro e dialogo. Gli Ateniesi svilupparono la consuetudine di organizzare regolarmente grandi festival, in cui i maggiori autori teatrali dell'epoca gareggiavano per conquistare il favore del pubblico. L'origine del teatro attuale deriva pertanto dal teatro classico, che comprende le rappresentazioni teatrali svolte e sviluppate nell'Antica Grecia e successivamente a Roma. In pochi e semplici passaggi spiegheremo nella maniera più chiara e comprensibile in cosa consistono le differenze tra teatro greco e romano.

25

Tra le differenze principali troviamo come il teatro greco, rispetto a quello romano (nato più per scopo di divertimento), nasce sotto un profilo religioso, difatti la partecipazione era obbligatoria, e le persone private della giornata lavorativa venivano poi retribuite.
Importante diversità interessa la posizione: il teatro greco sorgeva su pendii, in aree sacre vicino ai templi, fuori dalle città; il teatro romano veniva costruito nel centro della città, ed era un vero e proprio edificio; questo era possibile grazie alla conoscenza, dell'arco e della volta.

35

Per tutto il periodo che va dal 240 a. C. All'anno 0, a Roma non vi erano teatri strabili, cosa già esistente in Grecia da secoli; dovremo aspettare infatti il teatro di Marcello, costruito sotto l'ordine dell'imperatore Augusto. Per quanto riguarda la struttura all'interno dei teatri riservate agli spettatori si possono natare notevoli disuguaglianze. Per i teatri greci le gradinate venivano costruite in legno ed appoggiate ad un pendio naturale o scavate nella roccia. I romani a differenza, avevano le proprie fondamenta, così da avere la cavea in muratura, aperture e gallerie.

Continua la lettura
45

A Roma durante le attività scenografiche si usavano macchine, costumi e maschere, quest'ultime permettevano allo spettatore di riconoscere la posizione sociale per personaggio rappresentato.
Gli attori, indossavano grandi maschere che potevano essere di tela o di legno. Nessuno sa però la data della prima apparizione di queste maschere, ma prima di esse si faceva uso di forte trucco che produceva effetti simili. Inoltre gli attori che erano sempre gli schiavi portavano parrucche fatte di pelo molto importanti, dai colori vivaci. Per i greci tutto appare molto prima, e le maschere fungevano da altoparlante, grazie all'apertura sulla bocca fatta di metallo.

55

In generale gli spettacoli venivano recitati da compagnie fisse, in cui le donne si limitavano a parti mimiche. La condizione di attore era misera, una professione infamante, gli attori non godevano di alcun diritto e venivano esclusi dagli uffici pubblici. Solo in successione nel I secolo la loro figura divenne più popolare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

5 motivi per preferire il teatro al cinema

Chi ama le arti sceniche, spesso di trova a dover fare una scelta stra seguire uno spettacolo a teatro o tra le poltrone di un cinema. Per aiutarvi nella scelta, abbiamo deciso di sviluppare una semplicissima e pratica guida (di parte) che vi propone...
Recitazione

Differenze tra commedia e tragedia greca

La differenza tra commedia e tragedia greca potrebbe sembrare palese per alcuni. Ci sono molte situazioni in cui questi due modi di fare teatro si fondevano a formare un genere teatrale incredibilmente innovativo e appassionante, ma noi inizieremo con...
Recitazione

Come organizzare dei corsi di teatro

Organizzare corsi di teatro può essere un'attività facile e divertente ma anche impegnativa. Se sei un appassionato del mondo del teatro e se ti piace relazionarti con le persone è una strada tutta in discesa che può regalarti anche molte soddisfazioni....
Recitazione

Guida al teatro pirandelliano

Quando si parla di Luigi Pirandello ci si riferisce non solo alla sua attività di scrittore ma anche al suo impegno nei confronti dell'arte drammatica. In merito al teatro Pirandelliano dunque ci si rifà ad una serie di fasi le quali raggruppano sia...
Recitazione

Come avvicinare i giovani al teatro

Chi ha frequentato un corso di teatro o chi il teatro lo fa, sa bene quanto questa sia un'attività diversa da tutte le altre. Il teatro infatti è in grado di arricchire e nutrire la parte più profonda di noi e di farci provare delle sensazioni e delle...
Recitazione

5 buone ragioni per cominciare a fare teatro

Sulla facciata di un prestigioso teatro siciliano esiste un'incisione che recita una bella massima. Si compone di due parti. Ecco la prima: "L'arte rinnova i popoli e ne rivela la vita." Poi continua con la seconda. "Vano delle scene il diletto ove non...
Recitazione

5 pregi di chi ha frequentato un corso di teatro

Almeno una volta nella vita, a tutti è capitato di recitare; che sia stato a scuola o chi ha voluto provare l'esperienza di frequentare un corso di teatro o chi ha voluto intraprendere questa carriera e ne ha fatto il centro della propria vita, il teatro...
Recitazione

Il teatro educativo e i bambini

Ovviamente, la scuola rappresenta il canale iniziale di comunicazione ed informazione per i bambini e i ragazzi: da qualche anno, esistono nuove iniziative da parte degli istituti scolastici, che hanno l'obiettivo di agevolare l'apprendimento dei giovanissimi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.