Dizione lingua italiana: le principali regole

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La corretta dizione della lingua italiana, è importante in alcune attività lavorative: insegnanti, attori, politici e giornalisti sono i professionisti che maggiormente dovrebbero occuparsi di migliorarla, studiando ed imparando ad articolare i suoni del linguaggio. In riferimento a ciò, vediamo nei passi successivi di questa guida, quali sono le principali regole relative alla dizione della lingua italiana.

25

Aprire le vocali

La dizione riguarda i suoni relativi al linguaggio verbale. Le cadenze tipiche delle appartenenze regionali sono influenzate dai vari dialetti, ed hanno un'enorme ricaduta sulla pronuncia. In alcune parti d'Italia ad esempio si tende a raddoppiare le lettere anche dove non sia necessario, in altre invece si tende ad aprire molto le vocali o anche a chiuderle. La posizione della lingua rivolta verso l'alto o schiacciata verso il basso, determina insieme all'emissione di aria e all'apertura della bocca, un suono diverso che potrà essere più o meno corretto.

35

Impostare l'emissione dell'aria

La dizione mira proprio a rettificare queste componenti, qualora i suoni emessi nel pronunciare le vocali siano sbagliati. Per migliorare la dizione si imparerà prima ad impostare l'emissione dell'aria, poi la posizione della lingua ed infine l'apertura della bocca in modo appropriato. Oltre alle regole che condizionano la pronuncia delle vocali "e" ed "o", assumono altrettanta importanza le consonanti "s" e "z". La "s" può essere aspra e viene definita anche sorda, oppure dolce, morbida e sonora; allo stesso modo anche la "z" può essere sorda oppure dolce. Queste differenti tipologie di consonanti, presenti all'interno delle parole del nostro vocabolario, cambiano sensibilmente la pronuncia. In alcune parole sono presenti i cosiddetti rafforzamenti sintattici che, molto spesso, non vengono utilizzati nelle regioni dell'alta Italia, mentre nella parte meridionale vengono spesso utilizzati in modo scorretto.

Continua la lettura
45

Rafforzare alcuni monosillabi

I rafforzamenti sintattici rivestono un ruolo importante specialmente peri professionisti come gli attori, e si usano in genere, dopo alcuni monosillabi come ad esempio là, già, fra, se e ma, oppure dopo le parole polisillabe ed infine dopo l'uso del verbo essere nella terza persona. Anche la pronuncia dei numeri segue delle regole ben precise, che condizionano il suono di ognuno di essi. Oggi giorno una buona dizione specialmente in ambito lavorativo, è indispensabile per accrescere la propria immagine professionale e lavorativa.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si suggerisce di frequentare una Scuola di dizione. Prestare attenzione all'ascolto delle singole parole. Esercitarsi nella pronuncia

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Come scegliere un corso di dizione

La storia della lingua italiana, così come la stessa storia italiana, è decisamente complessa, caratterizzata di lotte per il dominio linguistico e di una serie di inflessioni dialettali che si sono inserite nel nostro linguaggio, e che sono tuttora...
Recitazione

Come ridurre l'inflessione dialettale

I dialetti rappresentano senz'altro un'importante risorsa culturale per il nostro paese. Sono sinonimo di riti, storia e tradizioni che devono essere senza dubbio preservati nel tempo. Tuttavia, soprattutto dal punto di vista professionale e lavorativo,...
Recitazione

Recitazione: esercizi di pronuncia

Per ciascun attore (soprattutto di teatro), la voce rappresenta uno strumento fondamentale per comunicare al meglio gli stati d'animo richiesti dall'interpretazione. La voce prende origine quando vibrano le corde vocali e risulta differente in ognuno...
Recitazione

Regole di regia di uno spettacolo teatrale

Quello del teatro è un mondo davvero affascinante, che può regalare grandissime soddisfazioni sia a livello professionistico che a livello amatoriale. Se vi sentite portati per questo mondo e avete anche grandi doti organizzative, probabilmente il ruolo...
Recitazione

Recitazione: 5 regole per un pianto credibile

La recitazione è una delle più antiche e nobili forme d'arte, che da sempre affascinano l'uomo. Molti sognano di recitare in un film hollywoodiano o in una commedia a Broadway. Ma per poter recitare servono doti spiccate e rare, oltre ad anni di esercizi...
Recitazione

10 regole per scrivere un testo teatrale

Quando ci si approccia alla scrittura, si sceglie di esprimere se stessi, riportando su carta i pensieri o le esperienze personali: in ambito teatrale, un buon testo deve necessariamente seguire alcune piccole linee guida per poter risultare interessante...
Recitazione

Consigli per attori emergenti

Se amate il mondo della recitazione e avete deciso di intraprendere la carriera dell'attore sappiate che per riuscire ad emergere e soprattutto per costruirsi una carriera duratura, è necessario tenere a mente alcune cose, per evitare di "sprofondare"...
Recitazione

10 consigli per aspiranti attori

La strada per il successo, si sa, è lunga e in salita. E diventare un attore affermato e riconosciuto a livello nazionale e internazionale richiede una buona dose di impegno, grandi capacità recitative, presenza scenica e, perché no, anche un pizzico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.