Edgar Degas: ballerine

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Pittore e scultore francese, Edgar Degas (1834-1917) è considerato uno dei maggiori rappresentanti dell'impressionismo per merito della sua composizione innovativa e la sua analisi prospettiva del movimento. Egli è stato anche uno degli organizzatori più attivi del movimento impressionista, anche se le sue idee artistiche si distinguevano da quelle dei suoi amici impressionisti. Nacque a Parigi nel luglio 1834 da una nobile famiglia di banchieri e studiò presso l'Ecole des Beaux-Arts (ex Académie des Beaux-Arts) di Parigi e divenne famoso come ritrattista stellare, diffondendo la sua sensibilità impressionistica con approcci tendenzialmente tradizionali. La sua principale passione erano le ballerine, le quali venivano ritratte spesso nei suoi dipinti, uno dei quali fu proprio così intitolato.

25

Attento osservatore del genere umano, soprattutto delle donne, Edgar Degas nei suoi quadri ritrae molto spesso figure femminili: lavandaie, stiratrici e sopratutto ballerine. L'artista è incantato dai loro movimenti, ne studia le pose, gli atteggiamenti spontanei, i comportamenti quotidiani e li riporta sui suoi quadri con colori delicati e trasparenti. Le ballerine nei suoi quadri sembrano soffici esplosioni di colori, l’uso sapiente dei colori e dei pastelli rendono i tutù soffici, vaporosi e trasparenti, molto realistici.

35

Edgar Degas ritrae le ballerine in ogni momento della giornata; poche le volte che sono rappresentate sul palcoscenico durante lo spettacolo come in "L'etoile", dove gli effetti di luce ed ombra della ballerina che si affaccia sulla scena sono resi in modo straordinario dall'artista con poche macchie di colore. Le scene preferite dal pittore sono quelle dietro le quinte, come rappresentato nel quadro "Ballerine fra le quinte" o le scene che ritraggono le ballerine in atteggiamenti spontanei come in "Ballerina che si allaccia la scarpa destra" o in "Pausa durante la lezione di danza".

Continua la lettura
45

Il mondo della danza raffigurato da Degas è quello di tutti i giorni, dove le ballerine assumono pose naturali e talvolta sgraziate come nel celebre "La lezione di danza", dove notiamo una ballerina seduta su un pianoforte che ascolta il maestro grattandosi la schiena. Edgar Degas vuole rappresentare la vitalità delle ballerine, la spontaneità dei loro movimenti. La scena raffigurata sembra davvero reale, perché l'artista ne riesce a cogliere l’immediatezza del momento e fermarla sulla tela.

55

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al Museo d'Orsay

La Francia rappresenta senza dubbio uno dei luoghi più belli e ricchi di cultura e storia che ci sono al mondo. Essa infatti è costituita da numerose città che ne manifestano l'indubbia bellezza. Tra queste quella più conosciuta è senz'altro la capitale...
Mostre e Musei

Guida al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino

L'Italia è sicuramente il paese con il più vasto contenuto culturale da poter offrire. Tutto ciò viene espresso attraverso siti antichi, quadri, libri antichi statue, arazzi, e mosaici. Questo grande patrimonio viene solitamente conservato nei Musei....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.