Empatia: origini e concetto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sul concetto di 'empatia' Carl Rogers affermo': "Quando noi consideriamo una realtà animata (umana o animale) da un punto di vista oppure uno schema di riferimento puramente esterno, senza sforzarci di comprenderla internamente per via empatica, noi la riduciamo allo stato di oggetto". Questo termine si riferisce alla capacità di sentire immediatamente dentro lo stato d'animo ed i pensieri degli altri, non soltanto mettendosi emotivamente nei loro panni, ma anche trasportandoli nel mondo personale. Trattasi di un potente legame interpersonale che presuppone l'alterità, per cui si configura come un processo d'essere con l'altro. Con questa guida cercheremo di spiegare l'empatia nelle sue origini e come concetto.

26

Le origini dell'empatia e l'empatia nel '900

La parola "empatia" (dove "en = dentro" e "pathos = sofferenza/sentimento) deriva dal greco "emphateia", usata relativamente al rapporto emotivo di condivisione che coinvolgeva l'autore-cantore ed il proprio pubblico. Agli inizi del '900, invece, questo termine fu impiegato da Theodor Lipps, come centro della propria concezione estetica e filosofica; empatia come percezione delle proprie forze vitali in un oggetto sensibile (Ossia l' opera d'arte). Con questo psicologo tedesco, cominciò l'estensione del discorso dall'estetica alla comunicazione intersoggettiva, considerata come la propensione ad essere in armonia e sintonia con gli altri.

36

Concetto di Empatia in Husserl

A riprendere il concetto di "empatia" nei suoi metodi di ricerca filosofica della verità sarà Edmund Husserl, secondo cui le relazioni con le persone si possono avere soltanto mediante delle corrispondenze: pertanto, gli altri si giudicano con la propria coscienza. Tale filosofo tedesco, però, non chiarisce cosa bisogna intendere esattamente la parola "Einfuhlung", poiché la definisce sbagliata e penosamente enigmatica.

Continua la lettura
46

Empatia in Edith Stein

A precisare il concetto del termine "Einfuhlung" proverà la filosofa Edith Stein (nata a Bratislava, nel 1891), secondo cui alla base dell'empatia esiste un doppio presupposto, ovvero l'esistenza di altri da noi e la percezione che si ha del loro vissuto: l'accesso alla realtà esterna viene assicurato non soltanto dalla percezione delle cose, ma anche dall'atto che rimanda all'esistenza degli altri e alle loro visioni.

56

L'empatia moderna

Negli ultimi anni, le neuroscienze hanno analizzato il fenomeno dell'empatia giungendo alla scoperta (grazie allo scienziato italiano Giacomo Rizzolatti) dei neuroni specchio, ovvero di cellule che s'attivano quando qualcuno esegue un'azione oppure ne osserva una compiuta da un altro individuo. Pertanto, il legame che ci lega agli altri sembrerebbe radicato a livello neuropsicologico e ciò consentirebbe di avere una percezione diretta dei movimenti corporali e delle emozioni altrui.

66

L'empatia in sè

L'empatia è alla base della formazione dell'individuo e della comprensione delle esperienze interpersonali; la sua assenza minerebbe gravemente lo sviluppo neuropsicologico del bambino. In qualche modo è come se l'evoluzione implichi l'empatia, ma nessuno - esperti compresi - è capace di verificare l'incidenza che la predisposizione biologica possa avere nel modo di comportarsi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Idee per animare una lettura

Animare una lettura di gruppo, soprattutto nel caso siano presenti dei bambini, è molto importante. Non è raro infatti trovarsi in situazioni in cui l'attenzione non sembra decollare, e questo accade spesso a causa di una lettura poco convincente e...
Musica

Presenza scenica: come stare sul palcoscenico

Per diventare un cantate affermato, non basta solo una bella voce, è necessaria una personalità che lo distingua dagli altri e soprattutto una forte presenza scenica. Questo aspetto consente ai cantanti di fare la differenza rispetto ad altri e quindi...
Recitazione

Come interpretare un ruolo drammatico

Recitare è una delle esperienze artistiche più coinvolgenti ed intense che un individuo possa esperire. Affinché l'interprete rappresenti in maniera verosimile e credibile i sentimenti del proprio personaggio è necessario che "scavi" nella propria...
Recitazione

Come organizzare uno spettacolo teatrale per bambini

Introdurre i bambini alla recitazione è un attività culturalmente stimolante e pedagogicamente raccomandata per sviluppare l' empatia e lo spirito di gruppo, soprattutto in età scolare. Coinvolgere nella recitazione è anche un modo per tirare fuori...
Recitazione

Come scegliere un corso di dizione

La storia della lingua italiana, così come la stessa storia italiana, è decisamente complessa, caratterizzata di lotte per il dominio linguistico e di una serie di inflessioni dialettali che si sono inserite nel nostro linguaggio, e che sono tuttora...
Letteratura

10 consigli per scrivere un romanzo

Quella per la lettura è una passione capace di trascinare i lettori in mondi alternativi a quello reale. I romanzi, in particolare, ci strappano alla realtà grazie alle loro storie e ai loro personaggi. Non è raro che, col tempo, nasca in molti di...
Letteratura

Come scrivere un romanzo per bambini

Elaborare degli scritti per bambini è un compito molto difficile ma estremamente emozionante. Sicuramente si tratta di un lavoro stimolante per un adulto che, per raggiungere lo scopo prefissato, deve tornare indietro di tanti anni ricordando la sua...
Recitazione

Come immedesimarsi in un personaggio

Immedesimarsi in un personaggio è un lavoro lungo e complesso, ma è altrettanto indispensabile impiegare tempo, impegno e fatica per riuscire ad essere un buon attore.Cercheremo di riassumere i punti salienti e fare alcune riflessioni sull'immedesimazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.