Espressionismo in breve

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'arte contemporanea si adatta ad ogni epoca storica presentando diversi stili e tendenze nel corso degli anni. In particolar modo l'Ottocento e il Novecento sono periodi in cui le rivoluzioni e gli stravolgimenti a livello socio-politico la fanno da padroni. Tra i vari movimenti artistici che possiamo collocare in pieno Novecento, troviamo l'Espressionismo. Quest'ultimo inizia a farsi strada nel primo decennio del XX secolo e investe diversi campi culturali, quali la pittura, la letteratura, il teatro e la musica. In questo periodo l'artista sente il bisogno di far trasparire, attraverso le proprie creazioni, il lato emozionale che si cela dietro alla rappresentazione della realtà. L'Espressionismo si sviluppa subito dopo l'Impressionismo, senza però seguirne fedelmente le orme. Mentre il primo movimento si basa sulle impressioni che il mondo suggerisce, il secondo si incentra maggiormente sulla componente emotiva. Andiamo dunque ad analizzare in breve l'Espressionismo e le sue caratteristiche. Citeremo anche i principali esponenti del movimento.

27

Occorrente

  • Manuale di Storia dell'Arte Contemporanea
  • Conoscenze di base sull'Espressionismo e i suoi esponenti
37

Origine, sviluppo e caratteristiche di base

L'Espressionismo si sviluppa in concomitanza con una grave piaga che affligge il mondo nei prii anni del Novecento. Siamo nel vivo del primo conflitto mondiale e la guerra sta letteralmente devastando le coscienze. Si assiste ad una perdita di valori positivi e la reazione a questo stravolgimento è alquanto forte. Non a caso il termine "Espressionismo" viene impiegato per illustrare questa nuova tendenza portata in auge dall'arte dell'epoca. L'espressione disperata di coloro che assistono, talvolta inermi, alla guerra, diviene il motivo predominante dell'intera produzione di quel periodo L'Espressionismo si svilupperà oltre oceano qualche anno dopo, a ridosso della fine della Seconda Guerra Mondiale. Il background geografico sarà quello degli Stati Uniti e si avrà il cosiddetto Espressionismo astratto. Anche in questo caso si parla di un'epoca fortemente segnata dal dolore della guerra e da tutto ciò che ne consegue. In arte, il tutto si traduce nella negazione di ciò che porta serenità e positività. Ci si rifugia infatti in una realtà che comunica smarrimento e disperazione.

47

Stile e tecniche

L'Espressionismo nelle arti figurative si diffonde principalmete in Francia e Germania. In entrambi i Paesi, gli artisti esprimono la volontà di palesare le proprie emozioni mediante un impiego violento del colore e una sisntesi piuttosto esaperata delle forme. I pittori espressionisti francesi si conoscono con il nome di Fauves, letteralmente "belve". L'epiteto affidato a questo gruppo di creativi si motiva per il loro stile netto e vivace, in cui i colori esplodono in un tripudio di sfumature decise e accese. Per quanto riguarda gli espressionisti tedeschi, invece, lo stile presenta qualche piccola varianza. Essi prediligevano atmosfere decisamente meno festose, in favore di una drammaticità piuttosto marcata. Per i Fauves il colore rappresenta unicamente le emozioni. Lo stesso dicasi per gli esponenti dei gruppi tedeschi Die Brücke e Der Blaue Reiter (rispettivamente traducibili con "il ponte" e "il cavaliere azzurro"). Quanto alla tecnica, l'Espressionismo risultava caratterizzato dall'impiego di pennellate frammentate e allo stesso tempo prive di armonia compositiva.

Continua la lettura
57

Principali esponenti

I principali esponenti della corrente artistica espressionista sono, per l'appunto tutti gli artisti che presero parte ai gruppi citati poc'anzi. Tra i Fauves troviamo Henri Matisse, André Derain e Maurice de Vlaminck. Spostandoci in Germania, andiamo incontro a personalità del calibro di Ernst Ludwig Kirchner, Erich Heckel e Karl Schmidt-Rottluff, esponenti del gruppo Die Brücke. Per ciò che concerne la rappresentanza del Blaue Reiter gli artisti legati al gruppo sono Vasilij Kandinskij, Franz Marc e Paul Klee. L'Espressionismo influenza altri autori che non si trovano né in Francia né in Germania. Il più autorevole è sicuramente il norvegese Edvard Munch. Emblematico è il suo quadro più famoso, "L'urlo", custodito ad Oslo e trafugato nel 2004. Questo dipinto sintetizza egregiamente quello che è lo stado d'animo comune a tutti i rappresentanti del movimento epsressionista. L'uso di colori dai toni vivaci e la drammaticità della scena riflettono in maniera pressoché perfetta quello che era il grido interiore esternato dagli artisti dell'epoca.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per avere un quadro completo del contesto storico in cui si colloca l'Espressionismo, è importante consultare un buon manuale di storia contemporanea.
  • Visitare i musei in cui sono custodite le varie opere espressioniste aiuta ad apprezzarne appieno la composizione e il messaggio che ogni autore ha voluto trasmettere.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Kandinskij: dall'espressionismo al surrealismo

Vasilij Kandinskij è conosciuto come il primo e maggiore esponente della corrente avanguardista "Astrattismo". Ma per tutti gli appassionati di arte, può risultare interessante approfondire il suo percorso artistico. Dalle prossime pagine, vedremo come...
Arti Visive

Breve storia dell'arte moderna

L'arte moderna denota uno stile e una concezione dell'arte propri del XIX secolo. Si tratta di un tipo di espressione artistica che esprime una forma di «rifiuto» per il passato e di apertura alla sperimentazione.Gli artisti moderni sperimentarono nuove...
Arti Visive

Barocco e rococò in breve

Il Barocco e il Rococò sono due momenti distinti della storia dell'arte e dell'architettura. Essi hanno rappresentato una svolta rilevante nel gusto dell'uomo. Tale cambiamento si ripercuote nelle arti, ma anche in altri campi d'interesse culturale,...
Arti Visive

Art Nouveau in breve

L'Art Nouveau è un movimento culturale che ha donato un enorme contributo a tutta la storia dell'arte. L'art nouveau si sviluppa storicamente in Europa alla fine dell'Ottocento ma influenza anche il primo decennio del Novecento. I primi bagliori dell'Art...
Arti Visive

Breve storia dell'arte italiana

L'arte italiana è caratterizzata da mutamenti, che passano attraverso i vari secoli. Chiaramente, ogni epoca presenta un proprio stile, e le varie testimonianze sono giunte fino a noi. In questa guida tracceremo una breve storia di quella che è stata...
Arti Visive

Breve storia dell'arte greca

L’arte greca è sicuramente una passaggio molto importante nella storia dell’arte. Insieme all'arte romana, questi due unite sono conosciute solitamente con il nome di arte classica. L’arte greca ricopre un periodo della storia abbastanza lungo,...
Arti Visive

Futurismo in breve

Volete sapere qualche notizia in più su Futurismo ma in breve?Ecco allora in sintesi di che si tratta.Prima di tutto stabiliamo che si tratta di un movimento artistico e culturale italiano che vede i suoi inizi nei primi del '900. Si è presto esteso...
Arti Visive

Breve storia dell'arte romana

La storia romana ha inizio nel 753 A.C - la data della fondazione di Roma è stata fissata da Varrone, storico del tempo, al 21 Aprile dell'anno 753, comunemente chiamato anche Natale di Roma - e vede la propria fine nel 476 D. C. La civiltà romana si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.