Giuda alla fondazione Minucci di Vittorio Veneto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La Fondazione Minucci è stata istituita nella città di Vittorio Veneto nella provincia di Treviso, su lascito testamentario di Giacomo Camillo De Carlo, eclettico protagonista del Novecento, patriota, agente segreto, viveur, grande viaggiatore, medaglia d’oro nella Prima Guerra Mondiale, Podestà di Vittorio Veneto. La sede si trova nel sontuoso Palazzo Minucci – De Carlo, edificato nel Sedicesimo secolo e, dalla fine degli anni Sessanta, trasformato in un museo di valenza internazionale. Se vuoi fare una visita al sontuoso palazzo, leggi attentamente questa giuda e troverai qui di seguito dei validi suggerimenti per ammirare tutte le bellezze che esso contiene.

27

Occorrente

  • Viaggio a Vittorio Veneto in provincia di Treviso, prenotazione telefonica
37

Il Palazzo Minucci fu fatto edificare dall’omonimo Arcivescovo di Zara, diplomatico della Santa Sede, che visse tra il 1595 e il 1603. La prestigiosa dimora fu acquistata a metà dell’Ottocento da Giuseppe De Carlo, nonno di Giacomo Camillo. Il nipote fu artefice della trasformazione degli interni che furono arredati e sistemati secondo l’imperante Decadentismo novecentesco, con collezioni di tappeti persiani e caucasici, dipinti, suppellettili in oro e argento, ceramiche e mobili, raccolti durante gli straordinari viaggi nei vari Paesi del Mondo e messi in mostra per sua volontà al fine di permettere pubblicamente a ciascun visitatore di “cogliere il senso di come si sia amato, sofferto, concepito l’etica e l’estetica…

47

La collezione di giade presente nel museo, è tra le più prestigiose d’Europa e una reliquia della croce di Cristo è accompagnata dalla bolla Papale. I vari percorsi si snodano sul tema del colore e accompagnano gli ospiti attraverso viaggi straordinari, ricercatezze meravigliose. La facciata, che si innalza su Piazza Minucci, si presenta con un corpo centrale che sale per tre piani, caratterizzato da una balaustra che completa le finestre del primo e dallo stemma nobiliare del duca Wittelsbach di Baviera, principe di Palatinato, famiglia che godeva di una speciale amicizia e devozione da parte del Minucci. Due ali laterali si sviluppano su due livelli, mentre a sinistra il complesso si continua con la cappella palatina dedicata a Santa Croce. Al piano terra, nove archi a tutto sesto disegnano un porticato caratterizzato da volte interne a crociera, donando eleganza architettonica.

Continua la lettura
57

La zona museale si articola in quindici stanze arredate con mobili che vanno dal XVI al XIX secolo; le opere d’arte sono firmate da Arturo Martini, Meno da Fiesole, Felice Carena e Giovan Battista Pittoni. Il Museo della Fondazione Minucci - Di Carlo si può visitare dal martedì alla domenica (chiusura da dicembre a febbraio e nel giorno di lunedì) prenotandosi al numero telefonico 0438 57193.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il Museo della Fondazione è chiuso da dicembre a febbraio e nella giornata di lunedì
  • La collezione di giade ospitata ne Museo è una delle più prestigiose d'Europa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida alla galleria Vittorio Emanuele II

Una delle attrattive principali di Milano è sicuramente la Galleria Vittorio Emanuele II, gioiello artistico della città, ma anche centro dello shopping e della moda. Da sempre considerato il salotto pubblico di Milano la Galleria può raccontare una...
Mostre e Musei

Le guerre d'indipendenza italiane

Le guerre di indipendenza italiane sono state battaglie con l'unico scopo utile ad unificare l'Italia, infatti, consentì al Piemonte, conosciuto all'ora come Regno di Sardegna, di unificare territorialmente la penisola e di trasformarsi nel cosiddetto...
Mostre e Musei

Guida al Museo Canova

Il Museo Canova si trova a Possagno, una piccola città in provincia di Treviso a ridosso della pedemontana del Grappa. L’intera struttura è dedicata alla vita e alla carriera artistica di Antonio Canova (Possagno, 1 novembre 1757- Venezia, 13 ottobre...
Mostre e Musei

Come visitare Galleria Borghese a Roma

Tappa obbligata per chi decide di visitare Roma è sicuramente la Galleria Borghese. Il Museo, ospitato nelle sale della Villa Borgese Pinciana fin dal 1902, conserva alcuni tra i maggiori capolavori dell’arte italiana a cavallo tra il Seicento e il...
Mostre e Musei

Torino: cosa visitare

Torino è una delle città più belle della nostra penisola. Chi non ci è mai stao, deve assolutamente visitarla. Chi invece ha già visitato questa splendida città, non vedrà l'ora di visitare nuovamente Torino. Città ricca di cultura, anche underground,...
Mostre e Musei

10 consigli utili per una visita al museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio di Torino è una delle maggiori attrazioni del capoluogo piemontese, in quanto è uno dei musei più antichi dedicati alla cultura egiziana e come importanza è secondo solo al museo del Cairo. Nel 2015 è stato ampliato e ristrutturato,...
Mostre e Musei

Lista sulle migliori installazioni permanenti

In questa guida troverete una lista delle migliori installazioni permanenti visitabili in Italia. Spaziano tra l'arte contemporanea e la scultura, tra l'innovazione e la tradizione, tra il misticismo e la spiritualità, ma sicuramente tutte capaci di...
Mostre e Musei

Guida al Guggenheim Museum di Bilbao

Se decidiamo di andare a fare una vacanza a Bilbao una città dei Paesi Baschi a nord della Spagna, non bisogna perdere una visita al Museo di arte contemporanea. Questi appartiene alla fondazione Guggenheim ed è stato progettato da Frank Gehry nel 1997...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.