Gli Argonauti e il vello d'oro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra i miti più conosciuto che restano impressi nella nostra memoria, sia perché sono stati studiati sui banchi di scuola, sia perché li abbiamo visti al cinema, troviamo certamente le avventure di Giasone e gli argonauti alla conquista del vello d'oro attraverso numerose peripezie e affascinanti avventure. Andiamo qui ad illustrarvi brevemente la storia di Giasone e della sua epica impresa per recuperare il vello d'oro.

26

Il re Atamante

Il mito racconta che in Tessaglia regnava il re Atamante, il quale dopo la precoce morte della regina Nefele, con la quale ebbe due figli, Elle e Frisso, si risposò con la malvagia Ino. La donna cercava in tutti i modi di liberarsi dei bambini, finché Nefele, divenuta dea delle nubi, diede in dono al figlio Frisso un ariete dal manto d'oro capace di volare e con cui egli sarebbe potuto, insieme alla sorella, scappare. Durante il viaggio, Elle scivolò in mare e perse la vita, mentre Frisso fu costretto a proseguire il viaggio da solo. Il giovane giunse così in una terra chiamata Colchide dove regnava Eete; quì sacrificò l'animale agli dei e donò il vello dorato al sovrano, il quale mise al sicuro il magico dono nascondendolo nei boschi, custodito da un drago.

36

Il perfido Pelia

Dopo molti anni, nella terra di Iolco regnava ora il perfido Pelia che aveva usurpato il trono al fratello Esone e il cui figlio, Giasone, legittimo erede, allevato da Chirone, un saggio centauro, reclamava ciò che gli spettava di diritto. Pelia, acconsentì a restituire il trono al giovane a patto che questi gli avesse portato il magico vello d'oro. Giasone che, grazie ai consigli del suo protettore, era diventato un uomo erudito e impavido, radunò i più valorosi eroi della Grecia, tra cui Orfeo, Ercole ed Esculapio e fece costruire una nave in grado di portarli nelle lontane terre d'Oriente dove si trovava l'ambito vello e le diede il nome di Argo. Terminati i preparativi per la spedizione, Giasone e gli argonauti, giunti da ogni parte della Grecia, partirono per quello che divenne essere un viaggio lungo e colmo di difficoltà.

Continua la lettura
46

Le Simplegadi

Dopo svariate tappe, gli uomini giunsero in Tracia, dove incontrarono un misterioso indovino, perseguitato dal castigo degli dei destinato per sempre ad essere privato, ad opera delle Arpie, di qualsiasi alimento egli portasse alla bocca. Gli argonauti riuscirono ad allontanare le perfide Arpie e liberare il povero uomo dalla sua maledizione e costui, in segno di ringraziamento, gli predisse che lungo il percorso si sarebbero trovati di fronte alle Simplegadi, i terribili scogli mobili che impedivano il passaggio a qualunque nave. Ripreso il viaggio e giunti presso lo stretto che li avrebbe condotti nell'Egeo, accadde ciò che il vecchio gli aveva svelato; le acque si fecero torbide e si trovarono presto davanti le giganti rocce. Seguendo il consiglio del'indovino, Giasone liberò in volo una colomba: se questa fosse riuscita ad oltrepassare gli scogli mobili, anche la nave avrebbe potuto farlo, e così accadde.

56

Giasone

La sera, lei si recò da Giasone, gli donò un unguento magico che lo avrebbe protetto dal fuoco e gli disse che per sconfiggere i giganti avrebbe dovuto lanciargli un sasso su cui si sarebbero accaniti tanto da distruggersi l'un l'altro. Il giorno seguente, il valoroso Giasone, con l'aiuto di Medea riuscì a forzare le feroci bestie e seminare il drago. Infatti si innalzarono davanti a lui i giganti e seguendo il consiglio della sua innamorata, lanciò in aria un sasso facendo in modo che si azzuffassero tra di loro. Eeta, accecato dalla rabbia, dovette concedere a Giasone di inoltrarsi nel bosco per prendere il manto dorato, sperando però che il drago fosse riuscito ad impedirglielo. Anche questa volta Medea arrivò in aiuto dell'amato, intonando un dolce canto che fece addormentare la bestia. Quella stessa notte, Medea e gli argonauti, salparono in direzione di Iolco, dove Pelia avrebbe finalmente dovuto restituire il trono a Giasone. Al ritorno lui si innamorò di Glauce e Medea per vendetta le regalò un abito che prese fuoco uccidendola assieme a suo padre.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel 2000 uscì nel U.S.A. anche la miniserie dallo stesso titolo del film
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Biografia di Maria Callas

,Biografia di Maria Callas nota al pubblico come Maria Callas, è nata a New York nel 1923 ed è stata il più grande soprano che la storia del bel canto abbia conosciuto, meritatamente soprannominata "la diva" o "la divina" grazie alla sua voce potente...
Letteratura

Le più belle fiabe popolari italiane

Siamo cresciuti tutti a suon di fiabe: creature magiche, castelli incantati, avventure emozionanti... Chi non ne conosce almeno una? Tuttavia, la cosa che non tutti sanno è che il patrimonio italiano è ricco di bellissime fiabe e leggende popolari che...
Letteratura

Alcesti: una guida

La letteratura ci ha consegnato durante i secoli moltissime opere che sono entrate nel cuore e nella mente delle persone. Alcuni autori poi, meglio di altri, hanno saputo raggiungere l'anima di chi li leggeva, e attraverso le parole hanno saputo intessere...
Letteratura

I 10 migliori libri fantasy

Chi di noi non ha mai sognato un mondo tutto suo, magari abitato da strane e magiche creature? Il genere fantasy ci permette di vedere questi sogni realizzati, attraverso la scrittura, permettendoci di dar sfogo alla nostra immaginazione e fantasia. Questo...
Letteratura

La Chimera in mitologia

Nella mitologia greca, la Chimera era un mostro ibrido, figlio di Tifeo e Echidna e fratello di Cerberus e Idra di Lerna. Aveva la testa e il corpo di un leone, la testa di una capra attaccata alla sua schiena e una coda che si conclude con la testa di...
Letteratura

Le divinità dell'Olimpo

I Greci erano politeisti e pregavano le molte divinità per ottenere le loro grazie.La mitologia greca è affascinante e ancora oggi ai licei si studia la storia e le origini delle gesta degli dei dando origine così a miti e leggende, creando eroi, culti...
Arti Visive

Cimabue: biografia e dipinti

Cenni di Pepo, sicuramente più conosciuto con lo pseudonimo Giovanni Cimabue, è nato a Firenze attorno al 1240 ed è morto a Pisa nel 1302. Il pittore si è collocato in una scia artistica legata ancora al classicismo bizantino, pur elaborando un proprio...
Arti Visive

Tiziano: vita e opere principali

Tiziano Vecellio è il nome completo dell'artista. Membro di stirpe agiata, a dieci anni Tiziano iniziò a manifestare il proprio talento, primo nella sua famiglia a dimostrare un'inclinazione artistica. Per la sua formazione, poteva vantare tutori come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.