Guida a Il Trovatore di Giuseppe Verdi

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La musica classica è da sempre la forma d'arte più completa e più amata al mondo da moltissime persone. In questo articolo vorrei darvi una guida a Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Il Trovatore di Giuseppe Verdi trae ispirazione dal dramma El trovador di Antonio García Gutiérrez. La prima rappresentazione avvenne al Teatro Apollo di Roma il 19 gennaio del 1853. Le vicende de Il Trovatore di Giuseppe Verdi, che è un dramma musicale in 4 parti, si svolgono in Bascalia e in Aragona, che sono regioni della Spagna, all’inizio del XV secolo. In questo articolo vi illustrerò e vi spiegherò queste 4 parti.

27

Parte I

Nella prima parte si vede la presenza di Ferrando, il capo delle guardie del conte di Luna. Ferrando si trova davanti al palazzo della principessa Leonora e racconta ai suoi uomini di un episodio avvenuto vent’anni prima. Una zingara stregò il figlio minore del vecchio conte. Questa zingara fu poi condannata al rogo. Per vendicarsi della morte della madre, la figlia della zingara, Azucena, rapì il bambino e lo uccise bruciandolo. Un altro episodio che racconta è che la principessa Leonora confessa a Ines di essere innamorata di un trovatore che ha sentito cantare. Leonora decide di avvicinarsi e, credendo di abbracciare l’amato, a causa dell’oscurità abbraccia il conte di Luna che è segretamente innamorato di lei. Quando si rende conto dell’errore la donna chiede perdono. L’ignoto cantore è Manrico. Manrico è il seguace del ribelle Urgel.

37

Parte II

Nella seconda parte durante il duello Manrico è rimasto ferito ma riesce a vincere il duello. Manrico raggiunge il suo accampamento e parla con sua madre Azucena: la zingara gli racconta l’episodio avvenuto vent’anni prima, confessando di avere ucciso per errore il proprio figlio e non quello del conte. Successivamente Leonora crede che Manrico sia morto e ha deciso di farsi monaca: l’uomo la raggiunge presso il convento. Il conte di Luna vuole rapire Leonora ma sopraggiunge Manrico.

Continua la lettura
47

Parte III

Nella terza parte Azucena viene imprigionata, e Ferrando riconosce in lei la donna che vent’anni prima ha rapito il figlio del conte e la condanna al rogo. Manrico appena apprende del rapimento di sua madre e decide di partire per correre in suo soccorso.

57

Parte IV

Nella quarta e ultima parte anche Manrico è stato fatto prigioniero. In prigione Manrico conforta sua madre. Quando il conte arriva e capisce di essere stato ingannato ordina l’uccisione di Manrico ma, una volta avvenuta l’esecuzione, Azucena gli rivela la verità: quell’uomo era suo fratello.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

La Trilogia Popolare di Giuseppe Verdi

Giuseppe Verdi, compositore italiano di opera romantica nacque a Le Roncole, vicino a Parma, il 10 ottobre, 1813, era figlio di un oste. I suoi primi studi musicali formali furono con il mannaro organista nella vicina città Ferdinando Provesi di Busseto,...
Musica

L'opera lirica di Verdi

L'opera lirica di Giuseppe Verdi: Uno dei più noti compositori dell' Ottocento italiano, molti sono i suoi melodrammi operistici come: "La Traviata, L'Aida, Rigoletto" e tante altre ancora, nasce il 10 ottobre 1813 a Roncole Verdi, muore a Milano il...
Musica

Verdi: Aida

In questa guida vi parlerò dell'Aida di Giuseppe Verdi trattando soprattutto i vari atti dell'opera che è una delle più importanti di Verdi appunto. Di seguito vi darò delle informazioni riguardanti l'opera dell'Aida, a parere personale quando l'anno...
Musica

Verdi e il melodramma

Uno dei compositori più celebri dell'ottocento è sicuramente Giuseppe Verdi. Le sue composizioni sono diventate velocemente famose ed hanno lasciato ai posteri una grande eredità musicale nel panorama italiano ed estero. Il Melodramma di Verdi ha rispecchiato...
Musica

Guida alla musica classica italiana

La musica classica è lo stile che si sviluppa in un periodo ampissimo, che va dal 1200 fino ai primi anni del 1900. L'aggettivo "classica" sta ad indicare la considerazione che si ha di questo stile, che è stato preso nel corso degli anni come modello...
Musica

Guida ai più famosi violinisti del mondo

Il violino è uno degli strumenti ad arco di piccole dimensioni. Si compone di quattro corde e possiede l'intonazione più acuta paragonandolo a strumenti ad esso simili. La sua fattura è completamente lignea e la sua cassa armonica ha una forma che...
Musica

Guida ai tipi di pianoforte

Per chi si vuole cimentare nel mondo della musica ed in particolare nell'utilizzo di uno degli strumenti “principe” di questa arte, cioè il pianoforte, una delle scelte più importanti da compiere è quella dello strumento adatto alle proprie esigenze....
Musica

Guida ai più famosi bassisti del mondo

Il basso moderno è uno strumento musicale che discende in maniera diretta dal contrabbasso, il quale risale al VII secolo. Il profondo cambiamento che rivoluziona questo strumento inizia con gli strumenti di elettronica ed amplificazione, introdotti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.