Guida ai cimiteri monumentali più belli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Fra le tante attrazioni turistiche possibili, i cimiteri monumentali non sono certo la prima cosa che viene in mente per chi vuole passare un po' di tempo alla scoperta di luoghi nuovi, ma anche loro possono avere la loro buona dose di fascino. Per chi non teme i fantasmi e non ha problemi a sopportare un pizzico di malinconia, abbiamo scritto una guida che indica i cimiteri monumentali italiani più belli. L'Italia è un paese meraviglioso, tutto da scoprire e come tale merita considerazione in ogni ambito. Per quanto inusuali, i cimiteri sono luoghi pacifici in cui può risultare piacevole passeggiare, godendosi il silenzio e la tranquillità di un luogo sacro in cui è possibile stare a contatto con la natura. Questi cimiteri in particolare sono ricchi di opere d'arte di gran pregio, capolavori che sarebbe un peccato non vedere nell'arco di una vita.

26

Cimitero Monumentale di Milano

Il Cimitero Monumentale di Milano viene amichevolmente chiamato dagli abitanti semplicemente "Monumentale" e si trova vicino a Porta Volta. La prima sepoltura avvenne nel 1866 e da allora il cimitero è ancora in uso. La sua fama di museo all'aperto deriva dal grande numero di sculture e pregiati pezzi d'arte presenti all'interno delle sue mura.

36

Cimitero Monumentale di Staglieno di Genova

Il Cimitero Monumentale di Staglieno è considerato uno dei cimiteri più importanti a livello europeo e si trova nei pressi della città di Genova. Il cimitero è tuttora uno dei maggiori luoghi di sepoltura di Genova. Vi sono sepolti moltissimi personaggi famosi, fra cui Giuseppe Mazzini e anche il cantautore Fabrizio De André.

Continua la lettura
46

Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna

Il cimitero comunale monumentale della Certosa di Bologna fu aperto nel 1801 sui resti della Certosa di San Girolamo di Casara. Il cimitero era una tappa del Grand Tour italiano e vanta una serie sterminata di capolavori artistici dell'epoca e antecedenti.

56

Cimitero del Verano di Roma

Il cimitero monumentale del Verano di Roma si trova nel quartiere Tiburtino, accanto alla basilica di San Lorenzo fuori le mura. Conosciuto semplicemente come "Verano", questo cimitero monumentale era un luogo di sepoltura da sempre e vanta una serie di bellissime catacombe molto antiche.

66

Gran camposanto di Messina

Il cimitero monumentale di Messima è il cimitero monumentale più ricco di opere d'arte d'Italia, secondo solo al cimitero di Staglieno. Gran parte dei cimeli sono di stile neoclassico messinese e rappresentano un patrimonio artistico fondamentale per la ricostruzione della storia della città. Il camposanto è davvero ampio e si estende per ventidue ettari, ubicato nella zona centrale della città.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida all'arte paleocristiana

L’arte paleocristiana nasce attorno al VI secolo dopo Cristo nei territori dell'Impero Romano interessati dalla nuova dottrina (Medio Oriente, Italia, Penisola Balcanica meridionale). Il cristianesimo si era diffuso già a partire dalla metà del I...
Arti Visive

Guida: tecniche di pittura sul muro

Ristrutturare la propria casa richiede tempo, fatica e denaro. Per tali motivazioni, la maggior parte sceglie di chiedere aiuto ad autentici professionisti del settore. Un comune cittadino può eseguire la maggior parte di questi lavori in piena autonomia,...
Arti Visive

Guida al cinema di Stanley Kubrick

Stanley Kubrick è sicuramente uno dei più importanti registi del XX secolo. Tutto ciò grazie soprattutto ad un particolare linguaggio cinematografico, con una capacità fuori dal comune di raccontare tramite le immagini. Nato a New York il 26 luglio...
Arti Visive

Ultima cena: guida del Cenacolo

La figura simbolo della genialità made in Italy è senza dubbio Leonardo da Vinci. Inquadrarlo in un'unica categoria è riduttivo. Infatti, durante la sua straordinaria vita Leonardo, si interessò di molteplici argomenti: noti sono i quadri, le invenzioni...
Arti Visive

Guida all'architettura romanica

Nel corso dei secoli, l’architettura ha avuto una grande crescita ed ha attraversato varie e differenti fasi di sviluppo. Una fase molto importante è stata senza dubbio quella relativa all’architettura romanica. Lo stile romanico viene purtroppo...
Arti Visive

Guida delle penne da disegno

La gamma di penne da disegno a disposizione di un artista, è ampia e variegata. Si va dalle penne più tradizionali, fatte con le piume d’oca, a quelle realizzate tagliando in maniera adeguata rametti di bambù o giunco, arrivando infine alle penne...
Arti Visive

Guida alle opere di Pablo Picasso

Le opere di Pablo Picasso costituiscono, nel loro insieme, un vasto e complesso universo pittorico. Lo scopo principale di questa facile guida è quello tracciare un semplice sentiero che possa aiutare il lettore a decifrare i vari periodi nei quali il...
Arti Visive

Guida alle opere di Chagall

Marc Chagall nacque a Vitebsk nel 1887 e morì nel 1985 a St. Paul de Vence. Fu un famoso pittore russo, frequentò l'Accademia di Belle Arti Russa sotto l'egida del maestro Nikolaj Konstantinovic Roerich. Nel 1908 esordì con opere che inizialmente si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.